Utente 264XXX
Buongiorno ho 54 anni un anno fà mi è stato diagnosticato un carcinoma non a piccole cellule al lobo sx di circa 4 cm, tutto questo dopo broncoscopia e biopsia con quida tac. Il tumore è addossato alla vena aorta discendente, a luglio 2011 sono entrato in sala operatoria per l'asportazione del lobo inferiore ma dopo aver prelevato il liquido pleurico che si era versato era stato riscontrato delle cellule neoplastiche maligne in questo in più c'era un'altra lesione di 2,8 cm sulla pleura diaframmatica quindi sono stato definito inoperabile, ho fatto sei cicli di cisplatino con alima ma non hanno funzionato quindi ho fatto sei cicli di taxotere 150 ogni 21 giorni. Con l'ultima tac si è riscontrato un lieve miglioramento con una piccola riduzione del tumore principale ma invariato quello sulla pleura lieve riduzione del versa mento pleurico. Tutto questo allo IEO di Milano, vorrei un consiglio da voi visto che sono già reduce da un morbo di Hdgking ed una sostituzione valvolare aortica portatore di PK per una tachicardia severa ma più che altro ho visto che siete molto schietti nel dire le cose come stanno gradirei questo, in ultima cosa ho avuto la mutazione del kras ma non quella del efgr. Vi ringrazio in anticipo

[#1] dopo  
Dr. Alessandro D'Angelo

48% attività
4% attualità
16% socialità
TAORMINA (ME)
FURCI SICULO (ME)
GIARRE (CT)
GIARDINI-NAXOS (ME)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
In caso di non operabilità la terapia medica è fondamentale. Pertanto deve valutare bene con il suo oncologo la possibilità di una cronicizzazione della patologia, evitando di cambiare schema senza una sicura progressione della stessa. In alcuni casi vi può essere un periodo di fermo legato al raggiungimento della dose massima dei farmaci e tale periodo serve a valutare l'azione contenitiva degli stessi.
Cordiali Saluti
Dr. Alessandro D'Angelo
(email: dangelo@oncologiataormina.it)

[#2] dopo  
Utente 264XXX

Gentilissimo Dottore buongiorno,
la ringrazio per la sua risposta, quello che stanno
facendo e di cercare di far diventare la malattia cronica,
ma tutto questo mi porterà ad una vita di chemio.
Il 25 settembre faccio una tac di controllo sono preoccupato
se dovessero dirmi di fare una chemio in terza linea, l'ultima
con taxotene mi ha mandato giù fisicamente di molto.
La cosa che non riesco a capire è il mio stadio di malattia loro dicono
localmente avanzato senza mai dirmi la stadiazione del tumore,
anche se leggendo su internet una mia idea me la sono fatta.
La ringrazio moltissimo Dottore per il suo prezioso tempo che ci
dedica ma quando ci viene diagnosticato un tumore la testa parte.

[#3] dopo  
Utente 264XXX

Gentilissimo Dottore,
dopo poco più di due mesi dal referto tac che
diceva che la malattia era regredita mi trovo con
il referto della nuova tac che mi dice che la malattia è ripartita, ora l'oncologo
mio di riferimento dopo aver fatto cisplatino con alima in prima linea e
taxtotene in seconda linea ha deciso di fare in terza linea la gemcitabina.
La cosa che mi chiedo se vale la pena di andare avanti con queste chemio
nel giro di un anno ne ho fatte 12 cicli e mi appresto ad iniziare gli altri.
La ringrazio del suo tempo prezioso