Utente 103XXX
Gentili medici,

per giungere più velocemente al punto riassumo la mia situazione per punti. Perdonate la leggera lunghezza che spero non vi scoraggi la lettura, serve per un quadro clinico generale. Grazie in anticipo per ogni vostro commento.

* Uomo, 28 anni, normopeso (1,87 x 75 kg), no calo ponderale recente.
* Colecistite cronica litiasica con pericolecistite risolta con colecistectomia (ottobre 2008);
* Diarrea cronica a partire da alcuni mesi successivi all'operazione: possibile c.d. sindrome da post-colecistectomia (diagnost. da gastroenterologo inizio 2012)
* Ernia jatale esofago (diagn. marzo 2011)
* Biopsie duodenali: "reperto corente con linfocitosi intraepiteliale; 42 linfociti CD3 positivi/100 enterociti" (diagn. marzo 2011)
* Colonscopia, nella norma (marzo 2011)
* Ipercolesterolemia, circa 250 su 200 da numerosi anni
* Diarrea cronica in cura da giugno 2012 con Questran 8 g/die (2 bustine). Risposta al farmaco generalmente piuttosto buona, con addominalgie sporadiche e persistenti alterazioni fecali di consistenza variabile (ma non più liquide).

Ho effettuato recentemente alcuni esami suggeritimi dal gastroenterologo che era preoccupato della situazione cronica non ancora adeguatamente risolta, e della possibile correlazione con alcuni casi di cancro presenti in famiglia (padre, nonna paterna e due prozii paterni tutti deceduti per neoplasie varie in giovane età). Riporto i risultati degli esami:

URINE
* Normetanefrine 404, rif. [105-354] +
* Metanefrine 218, rif. [74 - 297]
* Cromogranina A 8, rif. [2 - 18]

* Glucosio (94) e colesterolo (175) nella norma. [Colesterolo nella norma probabilmente per effetto del Questran, vista la ipercolesterolemia perdurata per anni]

SANGUE
* Sangue: DQ2, DQ8, negativo

Come si può notare le Normetanefrine urinarie risultano eccedenti rispetto i valori di riferimento. Capisco la complessità di valutazione, ma sarei felice di un vostro libero parere in proposito (con ogni possibile opzione e idea) o di un suggerimento sugli ulteriori esami da effettuare per valutare eventuali feocromocitomi.

Grazie molte a tutti, il vostro aiuto è sempre prezioso. Ho già preso contatto con l'oncologo di fiducia, ma recarvisi con pareri di colleghi su Medicitalia mi è sempre risultato a dir poco utilissimo.

Cari saluti !

[#1] dopo  
Dr. Alessandro D'Angelo

48% attività
4% attualità
16% socialità
TAORMINA (ME)
FURCI SICULO (ME)
GIARRE (CT)
GIARDINI-NAXOS (ME)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Solitamente vi è aumento delle catecolamine e dei loro prodotti e non solo di questi ultimi! Ha eseguito un'eco addome e studio ipofisario?
Cordiali Saluti
Dr. Alessandro D'Angelo
(email: dangelo@oncologiataormina.it)

[#2] dopo  
Utente 103XXX

Salve! Grazie per la risposta.

L'ultima ecografia all'addome è un po' vecchia (marzo 2011) ed era nella norma, un semplice lieve gonfiore (prob. flatulenza, secondo il gastro) che però non destava preoccupazione. Non ho fatto studi specifici ipofisiari. Che esami consiglierebbe di valutare?

Grazie.

[#3] dopo  
Utente 103XXX

Non vi disturberei ulteriormente ma sfortunatamente l'endocrinologo mi ha dato appuntamento per l'anno prossimo...

Ho notato che in proposito a questa situazione vi sono opinioni diverse. Chi consiglia di rivolgersi ad un oncologo, chi ad un endocrinologo, ma comunque in entrambi i casi (nei veloci colloqui telefonici) restano dubbi sugli ulteriori esami da svolgere e sul possibile problema. Probabilmente nemmeno correlato con la diarrea cronica.

Per aggiungere un tassello, in famiglia ho casi di ipertiroidismo (madre) e ipotiroidismo (fratello). Ma gli ultimi esami che ho fatto in proposito (2010, credo), non avevano mostrato nulla.

Chiunque avesse un'opinione o idea è benvenuto :-)