Utente
Egr. Dottori

è un anno che soffro di dolori al ginocchio destro nella parte centrale sottostante la rotula. Il dolore è praticamente persistente per quasi tutto l'arco della giornata ad eccezione di alcune volte quando la mattina da appena alzato per qualche ora non avverto quasi nulla.

Ho effettuato svariate visite ortopediche, alle quali mi è stata riscontrata una infiammazione del corpo di Hoffa (hoffite) curabile con mendiante fisioterapia. Per maggiori dettagli mi è stata chiesto di effettuare una risonanza magnetica a seguire il referto.

RMX Ginocchio destro:

Si rileva:

- stria iperintensa a carico del menisco mediale non comunicante con la superficie articolare come da iniziale degenerazione meniscosica.
- minima reazione sinoviale a livello della gola intercondiloidea.
- nessuna lacerazione ai legamenti
- rotula perfettamente in asse

Ho effettuato quanto prescrittomi, 13 sedute di laser terapia, 10 sedute di magneto terapia e 3 di ultrasuoni.

Risultato, a tutt'oggi soffro dello stesso dolore, con la medesima intensità. E' necessario l'intervento chirurgico? Il mio ortopedico me lo sconsiglia ma il dolore a me persiste da oltre un anno.

[#1]  
Prof. Alessandro Caruso

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
16% attualità
16% socialità
MESSINA (ME)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Egr. sig. Carmelo, a parte che dovrebbe essere valutato con attenzione il suo ginocchio con esame clinico funzionale, esaminata la rx e la rmn, la fisiochinesiterapia che ha eseguito è incompleta : anzitutto è insignificante la magnetoterapia he non va eseguita in casi simili.
La magnetoterapia va usata 7-8 ore al di in patologie differenti dalla sua; poi dovrebbe fare ionoforesi, radar e correnti diadinamiche, mentre sono indicati ultrasuoni e laser.
Ha una meniscosi ed una sinovite, ossia uno dei tanti casi clinici catalogati genericamente nel " Dolore anteriore del ginocchio", ma va fatta una diagnosi completa e più specifica.
Se è necessaria qualche infiltrazione intraarticolare,va fatta. ed altresì qualche trattamento farmacologico locale.
Certamente potrebbe essere necessario l’intervento chirurgico, ma non per una banale Hoffite, che può essere ben curata diversamente! Ma allora vi è qualcos'altro! ecco perchè prima occorre la diagnosi clinica precisa!!!
Ma poi perchè operare se non vi sono lesioni alle strutture importanti dell'articolazione ?
Cordiali saluti
Alessandro Caruso
Specialista Ortopedico-Traumatologo//Fisiatra
Univ. di Messina





Alessandro Caruso
Specialista Ortopedia - Traumat.//Medicina dello Sport
Specialista Medicina Fisica e Riabilitazione -Messina -

[#2]  
Dr. Antonio Mattei

40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Caro Sig. Carmelo
Credo che la sua patologia sia da inquadrare in una infiammazione del tendine rotuleo e cioè del tendine che sta al di sotto della rotula, questo però lo deduco solo dalla sintomatologia che lei mi descrive perchè gli esami strumentali non la confermano ne la escludono.
D'altra parte la disgnosi di Hoffite potrebbe essere compatibile con quanto detto.
Sicuramente la diagnosi però è clinica e quindi si affidi al suo ortopedico di fiducia.
L'intervento chirurgico in assenza di patologie suscettibili di trattamento è da sconsigliare.
potrebbe essere utile effettuare un ciclo di campi elettromagnetici (della durata però minima di 4 ore con macchine certificate come detto dal mio collega di Messina) della durata di 1 mese o poco più.
Cordiali saluti
Antonio Mattei

[#3]  
Prof. Alessandro Caruso

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
16% attualità
16% socialità
MESSINA (ME)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Egr. sig. Carmelo le ripeto che a parte la possibilità di qualsiasi ipotesi diagnostica, di nessun significato senza la certezza dell'esame clinico, qualora ci fosse presente una patologia tendinea o capsulo-legamentosa, o una condropatia sarebbe certamente più indicato un ciclo di terapia fisica con ultrasuoni, laser, ionoforesi, mentre la magnetoterapia non ha grande significato in queste patologie, anzi drei ha poca validità, mentre è superindicata nelle mancate consolidazioni di una frattura e nelle ulcere torpide e/o nelle gravi ferite con perdite di sostanza cutanea e/o sottocutanea e muscolare, per la rigenerazione dei tessuti ; la durata valida di una seduta è di circa 7-8 ore, ma onestamente mai scendere sotto le sei ore, ecco perchè si pratica in genere di notte !
Cordiali saluti
Alessandro Caruso
Specialista Ortopedico-Traumatologo//Fisiatra
Univ. di Messina

Alessandro Caruso
Specialista Ortopedia - Traumat.//Medicina dello Sport
Specialista Medicina Fisica e Riabilitazione -Messina -

[#4] dopo  
Utente
Salve, la diagnosi dell'ortopedico visionata la rms e dopo la visita al ginocchio è stata gonalgia causata da infiammazione al corpo di hoffa

[#5]  
Prof. Alessandro Caruso

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
16% attualità
16% socialità
MESSINA (ME)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Ed allora sig.Carmelo, stando a questa diagnosi, non deve essere operato, ma si deve curare con cure farmacologiche, con qualche infiltrazione intraartiocolare e fisiochinesiterapia adeguata.
Cordiali saluti
Alessandro Caruso
Specialista Ortopedico-Traumatologo//Fisiatra
Univ. di Messina

Alessandro Caruso
Specialista Ortopedia - Traumat.//Medicina dello Sport
Specialista Medicina Fisica e Riabilitazione -Messina -

[#6] dopo  
Utente
Resto molto esterrefatto, da quanto mi esponete, in quanto a me sono stati prescritti 10 minuti di laser, 20 di magneto e 10 di ultrasuoni

[#7]  
Prof. Alessandro Caruso

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
16% attualità
16% socialità
MESSINA (ME)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
La magnetoterapia, come anche riferisce il collega Mattei, e come da letteratura specialistica, non è la ionoforesi, ma è un'apparecchiatura che agisce con onde magnetiche che hanno azione rigenerante, biologicamente produttiva e rinnovativa sui tessuti lesi.
Il tempo di applicazione è non inferiore alle 6 ore,ideale sette-otto, ed infatti non è fattibile ambulatoriamente, ma sono apparecchiature che si fanno noleggiare o acquistare, perchè vanno usate per lungo tempo,circa 2-3 mesi, e sopratutto proprio per la loro durata di applicazione a seduta ,vengono applicate di notte.
Ma poi perchè resta esterefatto sig. Carmelo?
Da specialista Fisiatra le ribadisco : Laser ed ultrasuoni siamo d'accordo, vanno bene!! cosa le cambia se le dico che è indicata nel suo caso la Ionoforesi e non la magnetoterapia, e che non è necessario l'intervento chirurgico ?
Cordiali saluti
Alessandro Caruso
Specialista Ortopedico-Traumatologo//Fisiatra
Univ. di Messina

Alessandro Caruso
Specialista Ortopedia - Traumat.//Medicina dello Sport
Specialista Medicina Fisica e Riabilitazione -Messina -

[#8] dopo  
Utente
Mi scusi forse mi spiegato male , intendevo dire che date le vostre spiegazioni su l'uso di magneto terapia per ore non capisco perchè a me sia stata prescritta per un tempo di 20 minuti giornaliero.
Indicazione risulta proprio magneto terapia 10 sedute per 20 minuti.

Vi ringrazio molto, per i vostri chiarimenti e le vostre indicazioni fornite. Comincio a capire il perchè dopo aver effettuato due volte le terapie sopra indicate a tutt'oggi ho ancora i medesimi problemi

[#9]  
Dr. Simone Cigni

28% attività
0% attualità
12% socialità
VOGHERA (PV)
MILANO (MI)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Se il dolore persiste da un anno senza alcun risultato con la terapia conservativa consiglio la valutazione artroscopica.
Saluti
Dr Simone Cigni

[#10]  
Prof. Alessandro Caruso

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
16% attualità
16% socialità
MESSINA (ME)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Se la terapia già eseguita è valida, allora d'accordo, ma se la cure effettuate sono state o lacunose o improprie o incomplete, come sembrerebbe, allora è bene rivedere la situazione clinica e non fare un'artroscopia, solo per esclusione, sopratutto dove non vi è l'indicazione chiara e precisa con una diagnosi di " Gonalgia con infiammazione del corpo di Hoffa " come in questo caso.
Qualora tutti i trattamenti idonei non dessero alcun risultato, con una diagnosi certamente ben diversa dalla semplice infiammazione del corpo di Hoffa, allora l'indicazione all'intervento chirurgico ci starebbe tutta.
Alessandro Caruso
Specialista Ortopedico-Traumatologo//Fisiatra
Messina

Alessandro Caruso
Specialista Ortopedia - Traumat.//Medicina dello Sport
Specialista Medicina Fisica e Riabilitazione -Messina -

[#11]  
Dr. Simone Cigni

28% attività
0% attualità
12% socialità
VOGHERA (PV)
MILANO (MI)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Per esperienza personale l'hoffite, che è una patologia precisa e ben definita, se confermata, si giova del trattamento artroscopico quando le terapie conservative non sono sufficienti.
Saluti
Dr Simone Cigni