Utente
Gentile Dottore, ho 24 anni, il 20 novembre 2007 ho subito una distorsione del ginocchio destro giocando a calcetto (mentre mi giravo verso destra, il piede destro si è piantato nell’erbetta sintetica e si e girato il ginocchio ed ho sentito come un cordone che si spostava al suo interno). Ho passato una notte insonne, la mattina dopo non potevo appoggiare l’arto per terra e non lo potevo neanche piegare, così sono andato al pronto soccorso, l'ortopedico mi ha diagnosticato un trauma discorsivo con emartro del ginocchio DX, mi ha prescritto 15 gg di riposo ed antinfiammatori BREXIN e FLANTANDIN, passati 15 gg sono andato da un altro ortopedico che dopo varie prove di tenuta del ginocchio, ha sospettato una lesione meniscale e mi ha consigliato di fare una RM.

Un mese dopo, ho effettuato la risonanza magnatica ed il responso non è stato dei più confortanti, in quanto afferma che nella gola intercondiloidea il legamento crociato anteriore appare infarcito e con segnale parzialmente alterato per postumi di distrazione incompleta. Nei limiti il crociato posteriore.
Ispessito il collaterale laterale. Edematose le pliche sinoviali.
Si segnala un sfumata alterazione del segnale della spongiosa ossea midollare al piatto tibiale esterno, posteriormente, come da edema secondario a contusione ossea.

Ho chiesto il parere ad un fisioterapista che mi ha consigliato di fare 10 sedute di laser terapia per togliere l'infiammazione e fare potenziamento muscolare.
Le 10 sedute di laser le ho fatte, per il potenziamento ho cominciato ha prendere la bici per 2 volte a settimana nel mese di febbraio-marzo
Ho ricominciato a correre a fine Marzo, ora problemi nella semplice corsa non ne ho, però appena faccio spostamenti laterali ho un senso di instabilità e quando mi accovaccio o carico sulle ginocchia ho dolore oppure quando sto parecchio tempo in piedi e quando salto, lo sento infiammato e scatta molto spesso.

L'11 agosto 2008 mi sono sottoposto ad un' altra risonanza, risultato: non si apprezzano lesioni traumatiche delle cartilagini meniscali. Regolari i fasci dei legamenti crociati.
Reazione sinoviale fluida di apparezza al davanti del pivot centrale.
Nei limiti i collaterali.
Non segni di versamenti endoarticolare. Edematose le pliche sinoviali.
Il fisioterapista mi ha consigliato altre sedute di laser e la TECAR, ma è efficace nel mio caso?
Lei cosa mi consiglia, cosa dovrei fare per far sparire questo edema, non ci sono antinfiammatori o pomate con cui si può risolvere?

La ringrazio anticipatamente e confido in una sua rapida risposta.

Distinti saluti.

[#1]  
Dr. Roberto Leo

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
8% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Il suo racconto, sino alla prima parte, fa pensare, sia dal punto di vista della storia clinica, che dal punto di vista del referto della prima risonanza, ad una "classica" lesione completa del legamento crociato anteriore.
La risonanza del 11 agosto invece non conferma tale dato.
Se cosi' fosse verrebbe da dire: "meno male"!
A questo punto della vicenda, con 2 risonanze con referti contrastanti ed un ginocchio che sembra "instabile", mi sembra indispensabile un consulto ortopedico al fine di valutare direttamente il grado di stabilita' articolare del ginocchio.
Sulla base di tale consulto, in caso di ulteriori dubbi, verra' poi prescritta eventualmente una terza risonanza magnetica!
Per quanto riguarda, invece, le terapie immediate, passata la fase di infiammazione acuta post-trauma non investirei ulteriori risorse economiche in laser e tecarterapia ma piuttosto in un progressivo lento ed efficace potenziamento della muscolatura anteriore e posteriore della coscia.
Cordiali saluti.
Dr. Roberto LEO

[#2] dopo  
Utente
Grazie, per la sua disponibilità e per la rapida risposta.

Quindi l'infiammazione che sento è dovuta all'edema delle pliche sinoviali o alla reazione fluida di apparezza al davanti del pivot centrale?

Facendo un lavoro in cui devo stare e camminare in media 4-5 ore in piedi 4-5 giorni su 7 non ci sono cerotti antinfiammatori o pomate che mi potrebbero alleviare l'infiammazione?

Cordiali saluti.

[#3]  
Dr. Roberto Leo

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
8% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2008
L'"edema" cui fa riferimento e la "reazione fluida sono segni, del tutto aspecifici, di infiammazione residua all'interno dell'articolazione.
Non se ne preoccupi!!!
Il dolore residuo puo' derivare da tutto cio'.
Fermi i consigli forniti nella prima risposta devo dire che il tipo di lavoro che Lei descrive certo non aiuta il suo ginocchio ad "assorbire" i danni creati dal trauma.
Comunque, dal momento che tutti abbiamo necessita' di lavorare, ritengo che a parte le terapie gia' consigliate, ossia laserterpia e tecarterapia, siano utili i cerotti anti-infiammatori da applicare localmente sulla parte dolente tutte le sere e da mantenere per tutta la notte per un periodo di 20 - 30 giorni.
Vada in farmacia e se ne faccia dare una scatola.
Non ritengo corretto dal punto di vista etico prescriverLe una marca specifica per via telematica.
Cordiali saluti
Dr. Roberto LEO

[#4] dopo  
Utente
La ringrazio nuovamente per la sua disponibilità.
Spero di non aver causato ulteriori danni mettendo sotto sforzo il ginocchio, dopo 8-9 giorni avevo lasciato le stampelle per fare spostamenti.

Vediamo se con i cerotti l'infiammazione si allevia .

Cordiali saluti.

[#5]  
Dr. Roberto Leo

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
8% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2008
No non ne ha causati.
Stia tranquillo
Dr. Roberto LEO

[#6] dopo  
Utente
Ho usato i cerotti per 20 giorni, forse qualche lieve miglioramento l' ho ottenuto.

Nel frattempo ho fissato una visita fisiatrica per il 29 settembre, così vediamo se facendo altre sedute di laser o magneto o ionoforesi (non so cosa mi prescriverà), pagando solo il ticket ed investendo giuste e non eccessive risorse economiche riesco a togliere l'infiammazione ed il dolore.

Avrei un altra domanda, ho ripreso a correre da all'inizio di marzo fino alla fine di giugno facendo per 2 volte la settimana ginnastica di mantenimento, poi ho smesso ed ho giocato a tennis per 3 o 4 volte nel mese di luglio con un tutore, ora le chiedo se posso fare attività fisca come prendere la bici (il calcetto per ora ovviamente me lo posso scordare) o mi consiglia di stare fermo per quanto riguarda l'attività sportiva?

Cordiali saluti.

[#7]  
Dr. Roberto Leo

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
8% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2008
Ritengo che per la bici non ci siano problemi.
Per concederLe al tri sport sarebbe necessario prendere visione diretta del suo ginocchio.
Cordiali saluti
Dr. Roberto LEO

[#8] dopo  
Utente
Gentile dottore ho seguito il suo consiglio ho iniziato verso la metà di novembre 2008 ad effettuare delle sedute di potenziamento della coscia posteriore ed anteriore in palestra (infatti avevo perso 3cm di circonferenza), va molto meglio, infatti verso marzo aprile ho ricominciato a giocare ha calcetto, con più frequenza dal mese di maggio.
Particolari problemi non ne ho a parte i soliti fastidi come degli scricchiolii, l' unica cosa che mi da + problemi è una sorta di bruciore all' interno del ginocchio, nella parte interna della rotula.
Ho parlato con il mio fisioterapista, secondo lui potrebbe essere una tendinite nello specifico degli ALARI e di comune accordo abbiamo fatto 3 sedute di TECAR e di manovre per far scaricare un pò il ginocchio nella zona dolente.
C'è stato un miglioramento ma il dolore va e viene, soprattutto a freddo quando non svolgo attività fisica.

Ora, secondo lei cosa potrebbe essermi successo, per caso la cartilagine si potrebbe essere consumata, oppure è solo una tendinite o una condropatia?

Cordiali saluti.

[#9]  
Dr. Roberto Leo

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
8% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2008
Dal racconto che lei ci ha fatto sono piu' orientato a pensare che si possa trattare di una condropatia.
bene ha fatto a sottoporsi alla TECAR che e' una ottima terapia.
Non basta.
se si tratta di una lieve condropatia sarebbero utili anche specifici esercizi riabilitativi
Ne parli con il suo specialista di fiducia.

Saluti
Dr. Roberto LEO

[#10] dopo  
Utente
Grazie per la risposta.
Comunque per far passare il bruciore sto usando da un mese e mezzo, una pomata all' ARNICA MONTANA, e sinceramente fa effetto!

Cmq credo che dovrei riprendere a fare potenziamento perchè nonostante stia facendo tennis e calcetto, e anche con la sola elettrostimolazione ed esercizi propiricettivi il quadricipite lo risento un pò debole.
Infatti ho smesso di fare pesi alla fine di giugno, lei che ne dice?

Cordiali saluti.

[#11]  
Dr. Roberto Leo

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
8% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2008
BENE per l'arnica!!!
Giusto il potenziamento senza mai trascurare di associare ad esso anche regolari sedute di allungamento muscolare.
Saluti
Dr. Roberto LEO