Utente
Buongiorno,sono un ragazzo di 18 anni abbastanza ipocondriaco.Da un paio di settimane,avverto una sensazione di irritazione al lato sinistro della gola,soprattutto quando trattengo il respiro.Ovviamente la durata del fenomeno mi ha preoccupato non poco e insieme a questo fastidio o irritazione(non so definirla) talvolta si è presentato un sapore metallico in bocca con conseguente sputo di sangue misto a saliva (il sangue era poco e con successivi sputi spariva).Faccio presente che non ho mai fumato se non qualche sigaro in occasioni tipo matrimoni o compleanni.Quando deglutisco questo fastidio non si presenta e non ho comunque nessun tipo di difficoltà di deglutizione se non qualche volta per lo stato ansioso.La tosse pure non è presente,se non qualche volta per schiarirmi la gola.Talvolta mentre parlo la voce è come se stonasse,ma abbassamenti della voce cronici non ne ho mai avuti.Sono andato dal medico di famiglia,specializzato proprio in otorinolaringoiatria e dopo una visita frettolosa,mi ha bollato il tutto come un semplice arrossamento e mi ha prescritto Oki per 5 giorni più gargarismi con acqua e bicarbonato.Dopo 2 giorni di cura l'Oki sembra funzionare,ma passato l'effetto infiammatorio questo fastidio tende a tornare.Ah,poi tendo continuamente a tastarmi il lato sinistro della gola e questo ha provocato un rigonfiamento su questo lato.Questa sovrapposizione di sintomi mi ha provocato un forte stato ansioso proprio per paura di un tumore alla gola e dei precedenti familiari (mio zio è morto 5 anni fa di tumore alla gola,tuttavia era un assiduo fumatore). Ora non so che fare,tendo continuamente a trattenere il respiro per "controllare" se questa irritazione è presente e mi tocco spesso la gola sul lato sinistro.Vi ringrazio in anticipo per l'eventuale risposta.

[#1]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
16% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Escludiamo a priori un tumore e prendiamo in considerazione lo stato infiammatorio riscontrato dal Medico di famiglia. Consideriamo che due giorni di cura con antinfiammatori sono pochi e, per questo, direi di rifare la stessa cura per 5/6 giorni. Nel caso il sintomo non dovesse risolversi, allora sarà necessario un tampone faringeo per la ricerca di germi patogeni. Tranquillizzati!
Dr. Raffaello Brunori

[#2] dopo  
Utente
Grazie dottore e mi scusi il disturbo.In ogni caso,questo lo avverto solo ed esclusivamente al lato sinistro della laringe,probabilmente sulla corda vocale sinistra.Ho notato anche che respirando a bocca aperta,talvolta sento un pizzico in gola localizzato proprio sulla zona dove avverto questo fastidio e anche quando parlo dopo aver tenuto bocca chiusa per parecchio sento questo pizzico.Più che altro la mia preoccupazione per qualcosa di ben piu grave è per il fatto che i miei mal di gola solitamente si sono risolti in 2-3 giorni e non hanno avuto una natura cronica (ormai questa sarà la terza settimana con questo fastidio),e anche per la natura localizzata dell'irritazione.Specifico pure che molte volte sono andato allo stadio e ho urlato abbastanza,non è che possa trattarsi di un polipo?In ogni caso La ringrazio per la risposta e mi scuso in anticipo per le mie domande abbastanza insistenti.

[#3]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
16% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Io penso, ripeto, che si tratti di una forma infiammatoria, forse di origine batterica, non so. Comunque sia, fai la cura come ti ho detto e, poi, dammi notizie.
Dr. Raffaello Brunori

[#4] dopo  
Utente
Continuerò con questa cura e Le farò sapere come si evolverà la cosa.Nel frattempo voglio dirvi anche di un'altra cosa abbastanza strana che mi è capitata una settimana fa.Avvertivo sempre questo fastidio quando trattenevo il respiro e a un certo punto,sento un sapore sanguigno in bocca e noto che la sensazione di irritazione sembra completamente sparita.Da lì e in seguito della ricomparsa del fastidio ho avuto paura che si trattasse di un tumore.
In ogni caso,cordiali saluti.

[#5] dopo  
Utente
Buonasera Sig.Brunori,la ricontattato per dirvi che finita la cura il fastidio è diminuito,ma di poco.Stamattina mi sono svegliato con una sensazione di sapore metallico in bocca e ho risputato saliva abbastanza giallognola.Intanto la tosse sta aumentando,tutto questo mi sta facendo preoccupare di non poco.A questa si è aggiunta una secchezza alla gola che mi sta portando pure un po di prurito.

[#6]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
16% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
A questo punto, farei un esame dell'espettorato per la ricerca di germi patogeni e miceti. Mi faccia sapere la risposta dell'esame.
Dr. Raffaello Brunori

[#7] dopo  
Utente
Ho prenotato una laringoscopia per giovedì prossimo e nel frattempo noto che quando deglutisco,sento come la parte sinistra della gola come bloccata e tappato,come se il cibo passasse solo da un lato,sento come se ci fosse qualche palla che blocchi il passaggio del cibo

[#8]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
16% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Ok per la laringoscopia ma, nel frattempo, fai sempre l'esame dell'espettorato.
Dr. Raffaello Brunori

[#9]  
Dr.ssa Vittoria Finzi

12% attività
0% attualità
8% socialità
BOLOGNA (BO)

Rank MI+ 20
Iscritto dal 2017
Perdonatemi se mi inserisco.
Oltre ai doverosi esami sullo stato di salute organico e relative terapie non sarebbe il caso di prendere in considerazione un adeguato trattamento psicoterapeutico che permetta di andare alla radice di quella che l'utente stesso definisce condizione ipocondriaca? Che si legge tra le righe di una minuziosa descrizione di disturbi soggettivi ed oggettivi, con pensieri ansiogeni connessi, e che necessiterebbe, a mio parere, di un approfondimento diagnostico e terapeutico anche su questo versante.
Dr.ssa Vittoria Finzi, Psicoterapeuta Medico-Chirurgo

[#10] dopo  
Utente
Io so solo che ho cercato di dare poco peso a tutti questi sintomi,ma noto che vanno sempre di più a peggiorare,ecco perché sono in un perenne stato di forte stress,che ovviamente mi sta provocando anche ansia.La mia ossessione (ho dimenticato di dirvi che soffro di Disturbo Ossessivo-Compulsivo) per una patologia tumorale è per il fatto che vivendo a Napoli,vedo sempre più persone morire per questa malattia.So benissimo che magari a 18 anni queste sono cose che manco dovrei pensare lontanamente,ma ecco,proprio non riesco a togliermi questa paura dalla testa.Purtroppo non ha aiutato anche il fatto del susseguirsi dei sintomi,che ripeto,sono peggiorati.

[#11]  
Dr.ssa Vittoria Finzi

12% attività
0% attualità
8% socialità
BOLOGNA (BO)

Rank MI+ 20
Iscritto dal 2017
Gentile Signore,
mi permetto di consigliarle, se già non lo fa, di farsi aiutare da uno psicoterapeuta nella sua città di residenza per affrontare i problemi psicologici di cui non è consapevole, come spesso accade a molti, e che sono alla base anche dei disturbi fisici che accusa.
Questa paura di cui parla, di avere un tumore, non è da sottovalutare cercando di non pensarci, cosa che sicuramente non le riesce. Non c'è alla base un problema fisico, come esami medici vedrà confermeranno, e che il collega otorino direi abbia escluso se non per uno stato infiammatorio facilmente superabile.
Ma qualcosa di più profondo in lei a livello psicologico, che solo con una approfondita analisi psichica potrà sperare di rendere consapevole e risolvere.
Non so chi ha fatto diagnosi di disturbo ossessivo-compulsivo. Qualche specialista esperto la avrà fatta immagino e forse lei prende psicofarmaci? Se sì possono essere utili, ma da soli non sono risolutivi.
Se intendesse seguire la mia indicazione, potrebbe chiedere all'Ordine dei Medici di Napoli di indicarle il nominativo di un medico psicoterapeuta al quale rivolgersi ,attingendo all'elenco degli psicoterapeuti presenti in ogni ordine provinciale. In particolare uno psicoterapeuta formato in psicanalisi, perché il suo disturbo va affrontato dal profondo. Può essere un percorso lungo ma a mio parere non c'è altra strada.
Lei è giovane , ha una lunga aspettativa di vita davanti a sé e quindi il diritto di viverla al meglio , senza la attuale sofferenza, che diventa invalidante.
Può anche rivolgersi all'Ordine degli Psicologi, per lo stesso fine. Cambia poco, solo che un medico è anche in grado di fare diagnosi differenziale rispetto ai disturbi fisici, se sono di pertinenza psicosomatica come direi proprio che siano.
Le faccio i miei auguri, e ricordi che ...volere è potere, e che voler guarire è già una buona medicina.
Dr.ssa Vittoria Finzi, Psicoterapeuta Medico-Chirurgo