Utente 182XXX
Buongiorno,
da ieri il mio bimbo presenta una evidente zoppia, non associata ad alcun dolore. Evidentemente però non appoggia bene la gamba destra e è in difficoltà quando deve fare forza su di essa. Visitato dal pediatra di base non ha mostrato alcun tipo di disfunzione fisica (lui l'ha rimandato a casa con un antiinfiammatorio che non gli abbiamo dato). Attualmente è in ospedale ricoverato per accertamenti (l'ho portato da un'altra pediatra che lavora nell'ospedale di zona). Di cosa potrebbe trattarsi? Forse un problema neuro motorio? E' una cosa frequente? Quanto mi devo preoccupare? Quali sono gli esami più indicati per questo tipo di patologie?
grazie per la disponibilità.

[#1] dopo  
Dr. Agnesina Pozzi

48% attività
4% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Quanti anni ha il piccolo?

Potrebbe trattarsi di una cosa banalissima come uno stiramento, una distorsione, oppure di forme infiammatorie o altre patologie più serie che, prima di avere una qualunque terapia devono essere diagnosticate.

Dunque avete fatto bene a non dare subito l'antinfiammatorio e benissimo il ricovero; dove verrà esaminata bene la zoppia per capire la sede, procedere ad indagini di laboratorio e strumentali.

Non state a lambiccarvi il cervello per "quello che potrebbe essere"..potrebbe essere tante cose. Andare a pensare a a problemi neuromotori...ma prima ci sono cose molto più semplici come una banale tendinite o sinovite o una postura impropria che non fa distribuire bene il peso sugli arti e causare dolore da una parte degli arti piuttosto che dall'altra; ci sono problemi legati al piede e alla sua struttura, legati alle anche, alla colonna, problemi generali più o meno seri. Lasciate procedere lo studio del caso con serenità.

Le zoppie nei bambini non sono evenienze rare, ma come le dicevo più che preoccuparsi e tirare a indovinare o dare sintomatici è indispensabile fare una diagnosi precisa.

Cordiali saluti
Dott.Agnesina Pozzi

[#2] dopo  
Utente 182XXX

Buongiorno,
il bambino ha 3 anni compiuti lo scorso ottobre.
Gli esami che abbiamo effettuato hanno dato tutti esiti negativi (ecografia alle anche ok, radiografia ok, esami del sangue ok, se si eccettuano delle difese immunitarie basse...), l'unico esame che ha evidenziato qualcosa è stato il tampone positivo da streptococco (il bambino aveva già avuto lo strptococco qualche mese fa con ingrossamento delle ghiandole intorno al collo).
La pediatra ha prescritto un antibiotico per lo streptococco pur essendo abbastanza dubbiosa del collegamento con la zoppia.
Nel frattempo il bambino non è costante nel manifestare la zoppia stessa, sabato scorso camminava bene ieri (domenica) di nuovo mostrava evidente zoppia (accentuata al risveglio).
Ci sono altri controlli da fare?
Potrebbe essere legata allo streptococco?
Il carattere intermittente è un segnale positivo o negativo?
Cosa possono stare a significare le difese basse?
grazie mille

[#3] dopo  
Dr. Agnesina Pozzi

48% attività
4% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Una visita in ortopedia pediatrica potrebbe meglio individuare il problema prima di fare altre indagini. Non escluso anche un piedino che poggia male, una banale tendinite, un problema al ginocchio...ecc insomma l'esame completo diretto e specialistico dell'apparato osteo-articolare, dell'andatura, della postura ecc è la base di ogni diagnosi. Lo streptococco è certo responsabile di infiammazioni alle articolazioni ma non basta la positività al tampone o agli anticorpi, devono essere presenti anche gli indici infiammatori e ricercati fattori specifici anche di forme artritiche non streptococciche.

Per quanto riguarda quelle che lei definisce "difese immunitarie basse" non credo proprio si sia proceduto ad indagini specifiche e sofisticate per determinarle e di certo le basse difese comportano problemi ben più gravi di febbricole, doloretti e infiammazioni tonsillari. Non so a cosa lei si riferisca. Potrebbe essere diminuito il numero totale dei globuli bianchi e magari il pediatra ha semplificato la spiegazione. Si ha immunodeficienza quando diminuisce il numero delle immunoglobuline (IgA in prevalenza e poi anche IgG ed IgM) ma bisogna tenere presente che non tutti i laboratori hanno in automatico i valori normali per i bambini, che sono diversi da quelli degli adulti.

Un semplice calo dei globuli bianchi accade di solito nelle infezioni croniche. Un calo delle immunoglobuline è invece un problema più complesso ma non credo affatto riguardi suo figlio.

Cordiali saluti
Dott.Agnesina Pozzi