Utente 208XXX
salve,
ho partorito il 29 marzo e il mio bimbo ha 3 mesi.parto spontaneo andato bene,lui nato di 3,650 kg.
qualcuno mi ha fatto notare una lieve asimmetria facciale,cioè il lato del viso destro sembra essere più grande del sinistro con orecchio occhio e sopracciglio...cioè si deve fissare attentamente ma sembra sia così... lui dorme sempre sul lato destro e malgrado io lo metta diversamente è capace di tornare sempre sul desto...mi devo preoccupare o è normale? :(

[#1] dopo  
Dr. Serafino Ciancio

24% attività
0% attualità
12% socialità
COPERTINO (LE)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2009
TUTO BENE MA ANDIAMO PER ORDINE
Concetti generali:
1 Il figlio atteso versus figlio reale
Auguri, ma passati i primi giorni dal parto (tre secondo Legge; quanti secondo gli psicolog non so) il neonato è accettato per come è e il bambino atteso viene riposto fra le bambole in soffitto.
2 La simmetria è desiderata ma esiste solo una minore, invisibile a ai più, asimmetria.
Salvatore Quasimodo scrive:" Dalla natura deforme, la foglia simmetrica fugge". Io trovo che Marilin non era deforme e le foglie risultano asimmetriche perchè si ha tempo di guardarle con comodo.
3) un pronunciato sviluppo della struttura centrale del volto impone una maggiore bellezza. Certamente avrà notato che le mezze busto -TV sono belle e desiderabili, ma di profilo -in gnere- svelano un naso di tutta creanza.
Faccia visitare - io non visito - il suo bimbo da un collega che abbia il concetto del bambino obliquo:
Perchè?Il dormire "lateralizzato" (che chiameremo "segno del Ciancio" potrebbe essere il segno più evidente della sinderome INNOCUA PERCHE' COMPLETAMENTE REVERSIBILE del bambino obliquo ovvero del bambino dei 5 (per altri 7) segni.
La bellezza è soprattutto la virtù di piacere agli altri con amicizia.

Dr. Serafino Ciancio

[#2] dopo  
Dr. Serafino Ciancio

24% attività
0% attualità
12% socialità
COPERTINO (LE)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2009
Se sono passati tre minuti, spero che il segno del Ciancio possa essere partecipato ai Colleghi più saggi.
Dr. Serafino Ciancio