Utente 227XXX
Buonasera dottori, volevo sottoporvi un quesito.
Mio figlio di 21 mesi e 10 kg, sin da quando è nato (prematuro alla 35a settimana) è sempre stato soggetto a varie influenze, caratterizzando il suo "tallone di Achille" nella alte vie respiratorie. Ha purtroppo avuto anche due episodi di bronchiolite durante il primo anno di vita.
Frequenta l'asilo e per ciò il "traffico di germi" è più "vivace"; tuttavia dallo scorso 27 Dicembre 2013 ha cominciato un piccolo calvario: entrando ed uscendo da piccole influenze e raffreddori anche con febbre (picco max 39 rettale).
Il suo medico dopo averlo visitato (e non avendo trovato nulla di plateale se non una gola un po arrossata e un po di catarro ai bronchi) l'ha trattato la prima volta con Cefodox per 10 giorni, senza nessun miglioramento sostanziale. Subito dopo, da sola, sembrava essere migliorata la situazione (infatti è tornato per 5 giorni all'asilo), quando una settimana dopo ci è ricaduto in pieno, forse anche più forte. In questa "seconda fase" il medico l'ha trattato con Zitromax x 3/4 giorni (+ un richiamo settimanale come profilassi). Ma ad oggi dopo 4 giorni di Zitromax, la situazione non è cambiata.
Il bimbo è vivace anche se poco inappetente, e continua ad avere qualche linea di febbre (38-38,2 rettale), dopo le ore 14.
Secondo voi, è meritevole di esami diversi o approfonditi, o di un'altra cura?
Grazie in anticipo per il consulto che mi darete.

[#1] dopo  
Dr. Agnesina Pozzi

48% attività
4% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Dopo 4 giorni di Zitromax si aspetti un altro episodio anche più importante. Che senso ha dare l'antibiotico per un po' di arrossamento della gola? Ed anche insistere con un altro antibiotico? In corso di virosi l'antibiotico non solo nonj è indicato am è anche controproducente. Sono sconcertata... certe volte i medici tendono più ad assecondare le ansie dei genitori che altro. Lasciate in pace la febbre se il bambino beve, suda e urina. Sono gli incontri con i vari germi che costituiranno la sua competenza immunitaria. In ogni caso, siccome nelle comunità (asili ecc) è frequente il Mycoplasma, quest'ultimo se ne va solo se trattato con una determinata categoria di antibiotici che sono i macrolidi. Al momento non mi sembra il caso di dare alcunché. Aspettate ed osservate senza dare assolutamente nulla. Se tra una settimana siamo "capo a 12" (come dicono a Napoli) allora magari sarà il caso di vedere se c'è qualche infezione urinaria o il Mcoplasma.

Cordiali saluti
Dott.ssa Agnesina Pozzi