Utente 276XXX
Salve, ho un bambino di 3 anni e mezzo che da quando aveva circa 15 mesi presenta spesso una cianosi labiale. Inizialmente si manifestava soprattutto in caso di febbre o freddo, molto spesso tanto da far allarmare le educatrici del nido. La nostra pediatra gli prescrisse visita cardiologica, fatta circa a un anno e mezzo, con ECG ed ecografia tutto risultato normale. Gli episodi,nel tempo, si erano molto diradati, ma da un paio di mesi a questa parte si è ripresentato il problema, quasi sempre accompagnato da un altro sintomo,ovvero mani gelate con unghie a volte, non sempre, cianotiche. Questo ultimo sintomo si presenta ormai anche più vuole al giorno, anche se siamo in casa con temperatura normale. Il bambino ha sofferto fra i 14 e i 24 mesi di numerose bronchiti, mi chiedo se questo potrebbe aver portato a problemi polmonari. L'attuale pediatra sostiene che non siano necessarie ulteriori visite specialistiche esostiene che si tratti di fenomeni di reynaud. Io invece sono dubbiosa, soprattutto perche un sintomo che era quasi scomparso ha ripreso a manifestarsi frequentemente e accompagnato da un'ulteriore "stranezza". Faccio presente che le due cose non succedono in caso di sforzo fisico, e il bambino non mostra nessun fastidio ulteriore né sente freddo. Grazie

[#1] dopo  
Dr. Gaetano Pinto

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
0% attualità
20% socialità
NOCERA INFERIORE (SA)
TORRE ANNUNZIATA (NA)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2011
Gentile signora
bisogna innanzitutto capire se trattasi di cianosi centrale o periferica.Nella prima il colore bluastro è esteso anche alle labbra e alla lingua.Di solito la cianosi si accompagna a febbre od anche a disidratazione per fenomeni vasocostrittivi.Nella sindrome di Raynaud la vasocostrizione è scatenata dall'esposizione al freddo.Se trattasi di fenomeni persistenti vanno indagati con esami specifici quali emocromo,bilancio del ferro,una determinazione quantitativa in HPLC delle frazioni emoglobiniche,una saturazione periferica di O2,un EAB arterioso e il dosaggio della metaemoglobina per escludere questa patologia,anche se quest'ultima è una evenienza rara nel nostro Paese
cordiali saluti
Dr. Gaetano Pinto

[#2] dopo  
Utente 276XXX

Grazie della sua risposta,chiederò quanto prima al nostro pediatra di eseguire esami di approfondimento.