Utente 177XXX
Salve,
Chiedo un consulto perché preoccupata per mia figlia, di tre settimane.
Sin dalla nascita ha rigurgiti dopo ogni poppata, spesso più di una volta tra una poppata e l'altra. A contarli, si superano i 15/20 rigurgiti giornalieri, più o meno abbondanti. Il latte a volte esce acido e cagliato, a volte ancora liquido come appena poppato. Più raramente (non tutti i giorni) ha episodi di vomito a getto con sforzi evidenti. Ha sovente il singhiozzo e, se allattata da seduta, spesso il latte le va di traverso.
É allattata esclusivamente al seno, sin da subito si é attaccata bene ed é piuttosto "vorace". Alla nascita (avvenuta con parto naturale e apgar 9/10) pesava 3200. Scesa a 3060, ha recuperato il peso alla nascita il quinto giorno. Attualmente pesa 3800 kg.
Non piange di frequente e non sembra minimamente infastidita dagli episodi di rigurgito, vomito o singhiozzo. Secondo la nostra pediatra, finché cresce bene non dobbiamo fare niente.
Io tuttavia ho dei dubbi:
1) non rischia che il latte possa un giorno essere inalato e finire nei polmoni?
2) con il passare del tempo tutti questi rigurgiti/vomiti non possono comprometterne la crescita?

Lei cosa ne pensa?
Grazie

[#1] dopo  
Dr. Emanuele Nicastro

32% attività
0% attualità
12% socialità
BERGAMO (BG)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2014
Il reflusso è un evento fisiologico nei lattanti. Come ha detto la sua pediatra, la crescita è la linea di demarcazione tra fisiologia e patologia.
Per quanto riguarda le sue domande:
L'inalazione si previene evitando posizioni scorrette come quella prona, a "pancia sotto", durante il sonno, di adagiarlo nella culletta subito dopo la poppata,oppure in qualche caso tenendo la testolina leggermente elevata durante il riposo.
Senla crescita dovesse essere compromessa sarebbero necessarie indagini per chiarire il ruolo eventuale del reflusso ed escludere una vera e propria esofagite, ma questo avviene in rari casi.
Dr. Emanuele Nicastro
UOS Epatologia e Gastroenterologia Pediatrica e dei Trapianti
Ospedale Papa Giovanni XXIII Bergamo

[#2] dopo  
Utente 177XXX

La ringrazio,
finché quindi la bimba cresce non devo prendere provvedimenti? É che la quantità di latte rimesso giornalmente é davvero preoccupante!
Per quanto riguarda il problema dell'inalazione mi preoccupa il fatto che il latte le vada di traverso mentre sta mangiando, se allatto in posizione pancia a pancia o rugby (più raramente da coricata) quasi ogni volta.ad un certo punto il latte le va di traverso e devo alzarla e batterle sulla schiena. Non é pericoloso? Capita anche se il seno non é pienissimo, quindi non é un problema di emissione veloce credo.
Un'ultima cosa: la bambina non dorme mai prona, ma dice anche di non caricarla subito dopo il pasto...ma se é già coricata? La.notte sovente la allatto da sdraiata. Non rigurgita o vomita di più in questa posizione, anzi, solitamente da coricata evito che il latte le vada di traverso o le venga il singhiozzo. Grazie

[#3] dopo  
Dr. Emanuele Nicastro

32% attività
0% attualità
12% socialità
BERGAMO (BG)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2014
È passato del tempo ma provo a risponderle lo stesso.
Se da supina non ha molti rigurgiti può continuare ad allattarla come fa di notte. La posizione rugby o quella pancia a pancia vanno bene, anche se rigurgita difficilmente potrà inalare.
Spero che nel frattempo il problema sia migliorato.
Dr. Emanuele Nicastro
UOS Epatologia e Gastroenterologia Pediatrica e dei Trapianti
Ospedale Papa Giovanni XXIII Bergamo