Utente 444XXX
Buongiorno Dottori , ho bisogno di ricevere un consulto per mia figlia di 19 mesi affetta da cardiopatia congenita in merito alla vaccinazione varicella. Da circa 7 mesi mia figlia sta assumendo quotidianamente la cardioaspirina ( cardirene) a seguito di 2 interventi cardiochirurgici. mi è stato consigliato di vaccinarla praticamente contro tutte le malattie tra cui la varicella, in quanto considerata soggetto a rischio. Ora il mio dubbio è, dato che ho sentito parlare della sindrome di reye potenzialmente pericolosa per i soggetti che assumono aspirina e contemporaneamente si sottopongono al vaccino, nel caso di mia figlia che non può sospendere il c ardirene ma allo stesso tempo deve sottoporsi al vaccino mi chiedevo come ci si deve comportare o se ci fosse un farmaco che non sia acido acetilsalicilico da poter prendere nei giorni successivi al vaccino in sostituzione dell'aspirina per scongiurare rischi e poi poter tornare alla nostra attuale terapia. Attendo risposte . Grazie a tutti voi medici
Cordiali saluti

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
La faccia vacci are tranquillamente
Arrivederci
Cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
Utente 444XXX

Grazie dottore per la tempestiva risposta. Quindi tutto quello che si dice su questa malattia non è del tutto veritiero? Mi scusi ma dopo tutto l'accaduto sono un po ansiosa e vorrei essere tranquilla che mia figlia non possa subire dei danni dato che si sentono tante cose sulle vaccinazioni.
Cordiali saluti

[#3] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Gentilissima signora, ho verificato appena adesso che sua figlia ha 19 mesi. Quindi: l'assunzione di Cardirene è teoricamente controindicata all'età di sua figlia in associazione con il vaccino antivaricelloso per il remotissimo rischio di S. di Reye.
Non sapendo che intervento abbia subito, se necessita di terapia antiaggregante che non può essere interrotta, si può passare dall'ASA all'Indobufene (IBUSTRIN) che nei bambini viene usato per la sindrome di Kawasaki e che non comporta rischi di sindrome di Reye.
La invito a contattare il suo cardiochirurgo per la soluzione del caso.
Mi faccia pure sapere, se vorrà.
Cari saluti,
Dott. Caldarola.

[#4] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Mi scusi signora ma per un refuso avevo letto che la figlia avesse 19 anni e non 19 mesi.
In tel caso L aspirina non dovrebbe essere impiegata .
Sposto
Per correttezza il suo quesito in Pediatria dove ci sono ovviamente colleghi più esperti di me

Un caro saluto e persino la svista

Cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza