Utente 415XXX
Buongiorno sono un ragazzo di 38 anni mai fumatore, circa 4 settimane fa ho fatto una fortissima tosse secca ché è durata tre settimane.
Il medico mi ha dato una cura di cortisone e la tosse è diminuita ma come conseguenza mi sono completamente intasato e continuo a soffiare fuori catarro dal naso.
Dopo circa una settimana che ha iniziato la tosse ho iniziato a percepire un fortissimo dolore al costato destro che ad oggi non è per nulla diminuito, solo finito due volte al PS per i dolori lancinanti ad ogni colpo di tosse e respiro profondo. entrambe le volte hanno fatto un RX toracica che sono risultate negative.
Secondo loro potrebbe essere un dolore muscolare che però ad oggi non passa e tantomeno diminuisce.

Il dottore mi ha consigliato di fare ua tac toracica.

Essendo purtroppo una persona molto ipocondriaca e molto ansiosa vorrei sapere se secondo voi da due rx, a sarebbero emerse eventuali presenze di qualcosa di brutto e come mai, secondo voi, mi viene chiesto di fare una tac.

Ringrazio anticipatamente

[#1] dopo  
Dr. Vito Di Cosmo

32% attività
16% attualità
16% socialità
ANDRIA (BT)
MARGHERITA DI SAVOIA (BT)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2009
E' possibile che i medici che l'hanno proposta vogliono tranquillizzarla. Consiglio come sempre di seguire il loro consiglio e intanto, per la rinite, che sembra essere la causa della tosse, effetti frequenti lavaggi nasali con acqua salina ipertonica cioè salata come l'acqua del mare (anche un cucchiaino da caffè di sale da cucina sciolto in un bicchiere monouso da acqua). Potrebbe anche far scendere l'acqua salina, tramite una siringa, dalle narici fin dentro i seni paranasali frontali stando lei disteso supino su un letto con la testa iperestesa al di fuori di esso (a naso più basso di bocca e gola). 2 - 3 cc per narice mentre lei respira solo con la bocca (per evitare che l'acqua arrivi in gola). Il metodo è molto scomodo, fastidioso, può avvertire forte bruciore (come succede con l'acqua del mare) ma soffiando poi il naso si libererebbe da acqua, secrezioni ed ostruzione. Eviterebbe che tali secrezioni scolino in gola, causa di tosse anche molto violenta.

CORDIALMENTE
Dr. Vito Di Cosmo ANDRIA
PNEUMOLOGIA TERRITORIALE Barletta-Andria-Trani
Già Pneumologia e Broncologia Ospedale CSS di S G Rotondo

[#2] dopo  
Utente 415XXX

Grazie
Dalla tac è emerso una costola rotta, causa dolore, e versamento pleurico, verosimilmente a causa di un batterio che hanno trovato nel naso, lo Streptococcus pneumoniae.
Se fosse cosi quale sarebbe la cura? Quanto dura? Si guarisce dalla pleurite?
Dalla tac c'è scritto che non hanno evidenziato altro, posso stare tranquillo o certe cose si vedono solo con il liquido di contrasto?
Grazie mille

[#3] dopo  
Dr. Vito Di Cosmo

32% attività
16% attualità
16% socialità
ANDRIA (BT)
MARGHERITA DI SAVOIA (BT)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2009
1) DALLA PLEURITE SI GUARISCE. SE E' SOLO UNA PICCOLA FALDA SI RIASSORBE DA SOLA, SE ABBONDANTE SI UTILIZZANO ANCHE CORTISONICI E DIURETICI (l'entità del versamento è meglio apprezzabile con un Rx torace).
2) Lo streptococco è un batterio facilmente eradicabile con quasi tutti I comuni antibiotici. Si affidi al medico di M.G.
3) se evidenziato nelle secrezioni nasali, è confermato che i lavaggi nasali con ipertonica sono utilissimi, comunque vengano eseguiti. Temo che una frattura costale difficilmente potrà effettuarli nella posizione precedentemente suggerita. L'importante è che comunque li faccia, e frequentemente.
4) Se la TAC è refertata come null'altro da segnalare, non ci dovrebbe essere motivo di pensare ad altre patologie. IL mezzo di contrasto segnala che un eventuale addensamento è in fase di attività oppure no: SE C'E'....

SEMPRE CORDIALMENTE
Dr. Vito Di Cosmo ANDRIA
PNEUMOLOGIA TERRITORIALE Barletta-Andria-Trani
Già Pneumologia e Broncologia Ospedale CSS di S G Rotondo

[#4] dopo  
Utente 415XXX

Salve dottore
mi scusi se la disturbo ancora da l'ultima tac è emerso che era presente una polmonite che si trovava in un punto nascosto difficilmente visibile dalla semplice Rx. Mi hanno dato levoflocacina antibiotico per 10 giorni. quasi alla conclusione dellantibiotico mi si èperò ripresentato un fastidio a livello di gola / trachea che mi fa a volte tossire, ho una sensazione di piccolo pizzicore/bruciore .la mia dottoressa mi ha fatto fare aerosol con clenil per 10 giorni.
secondo lei è corretto e normale che si è ripresentata la tosse?
se sì dopo quanto tempo fa effetto il clenil?
Mi scusi ma dopo un mese abbondante inizio a essere stanco.
grazie mille e scusi ancora il disturbo