x

x

Ma nessuno che fosse simile al mio

Salve ho letto diverse discussioni sui problemi relativi al disturbo della concentrazione, ma nessuno che fosse simile al mio.
Fin da piccolo ho avuto problemi relativi a questo fattore inizialmente più grave rispetto ad adesso, poi si è attenuato , e ora ho paura si un pò nuovamente incrementato.
Premetto che quando leggo un libro che mi appassiona riesco a mantenere la concentrazione; lo stesso accade con argomenti di interesse personale, anche se dopo una 10 di minuti massimo mi distraggo.
Ho deciso così con la mia iscrizione universitaria di andare da una pscicologa che mi è stata consigliata in quanto in grado di fare dei test specifici per vedere se si trattasse di un problema Neurologico o psicologico quindi guaribile.
Inoltre quando ero appena nato ero iperattivo e all'incirca all'età di 5 anni mi sono ammalato di meningite che tuttavia non si è manifestata con febbre alta in quanto subito riconosciuta.
Dopo i miei primi due problemi di tipo fisico sono andato in psicoterapia, con ottimi miglioramenti dovuti alla mancanza di concentrazione ( per quanto ricordi)Inoltre ho avuto un "blocco dello sviluppo" e a quanto mi è stato riferito anche un blocco della crescita celebrale dovuta al fatto che "non mangiavo abbastanza"
In casa il clima è sempre stato teso dovuto a continui problemi tra mia madre con mio padre.
In seconda elementare fui stato bocciato ( probabilmente per i giorni di assenza, anche se ricordo che per via della mia iperattività e forse per la difficoltà incontrata a far i più banali compiti, spesso mi rifiutavo di farli )il che mi procurò diversi disturbi con gli altri bambini della nuova classe.
Per quanto riguarda i miei disturbi quello più frequente è che appena comincio a leggere un argomento la mia mente comincia a pensar a qualsiasi altra cosa, e mi ritrovo dopo magari 20 minuti a ritornare per pochissimo tempo con la concentrazione per poi distaccarmi nuovamente , senza riuscir ad aver un controllo su questo.
Per quanto concerne il socializzare non ho problemi ,anzi!
Spesso ,penso, per via della mia concentrazione vengo preso per stupido capisco male e dimentico tutto.
Appena appoggio una chiave da qualche parte la dimentico e lo stesso accade quando guido e devo arrivare in un posto ,come può esser casa mia, non ricordando più la strada.
Per quanto riguarda i nomi faccio un incredibile fatica a ricordarli e studiando biologia questo mi crea molti problemi.
Inoltre faccio incredibilmente fatica ad esprimermi!
Ho fatto 2 test dallo psicologo, uno per la concentrazione e uno del QI.
Quello della concentrazione era positivo( un buon punteggio che mi diceva che effettivamente avevo problemi sulla concentrazione )Mentre il mio QI è nella norma , cosa che se avessi avuto dei problemi alla di tipo neurologico, non sarebbe stato così ( non nascondo che la cosa mi puzzi,ma non son un medico).La conclusione sembrerebbe che il mio problema psicologico è dovuto a dei problemi avuti nell'infanzia.
Secondo voi quindi è psicologico?
[#1]
Dr. Francesco Saverio Ruggiero Psichiatra, Psicoterapeuta 37,2k 888 56
Gentile utente

un disturbo della concentrazione può essere inquadrato in diversi disturbi psichiatrici.

Secondo me sarebbe il caso di inquadrare la questione dal punto di vista psichiatrico.


https://wa.me/3908251881139
https://swite.com/psychiatrist72

[#2]
Dr. Giuseppe Nicolazzo Psichiatra, Psicoterapeuta 2,2k 80
Gentile utente,

la sua esposizione non è molto chiara, almeno per me; potrebbe avere avuto nell'infanzia qualche problema attinente al ADHD ( Disturbo da deficit dell'attenzione e iperattività ) che può nell'adulto manifestarsi con il permanere di alcuni sintomi residui del tipo da lei descritti,

Saluti

Dr G. Nicolazzo
Specialista in Psichiatria
Psicoterapeuta

[#3]
dopo
Utente
Utente
Vi ringrazio per il vostro commento rapididssimo!
Vi assicuro che vuol dire tanto per me!


Dr. Ruggerio Cosa dovrei fare secondo lei quindi per avere bene la questione dal punto di vista psichiatrico?
Per caso è a conoscenza di qualche struttura mutuabile o simile?
Con lo psicologo pagavo 70 euro per 45 minuti e sui miei genitori la spesa gravava abbastanza anche se non lo dicevano, quindi vorrei evitare se possibile.

Invece Per il Dr Giuseppe Nicolazzo, pur troppo faccio molta fatica ad esprimermi, mi dica la parte che non lè chiara, e cercherò di spiegarla meglio.

Infine un ultima cosa per quanto riguarda il collegamento QI e concentrazione cosa potete dire a riguardo?
Perchè se fosse davvero così , a livello teorico , se riesco a migliorare la concentrazione che in tal caso ostacola la mia comprensione, allora dovrei anche aver un maggior risultato come QI ( non nel senso che divento più intelligente ,ovviamente, ma che dovrei poter usare il mio potenziale al massimo giusto? )
[#4]
Dr. Giuseppe Nicolazzo Psichiatra, Psicoterapeuta 2,2k 80
Gentile Utente,

confermo quanto già detto, se questa condizione le crea disagio o sofferenza faccia la visita psichiatrica, lascerei perdere il Q.I. e la varie misurazioni.

Saluti
[#5]
dopo
Utente
Utente
capisco , comunque mi sono dimenticato di specificare delle cose, innanzitutto che il problema sembrerebbe che lo avessi prima di parlare addirittura, cosa spiegabile probabilmente, dalle condizioni familiari un pò tese.
E seconda cosa Pur troppo dagli psicologi della terapia di quando ero piccolo non si era trovato nulla che potesse riguardare un ADHD ma erano passati troppi anni quindi non sò...
Dite che uno psichiatra riuscirebbe anche a capire se soffro proprio di questa patologia anche se sono ormai adulto?
[#6]
Dr. Giuseppe Nicolazzo Psichiatra, Psicoterapeuta 2,2k 80
le diagnosi di un disturbo che presenta una sintomatologia del tipo da lei descritto sono di competenza medica e nel caso specifico psichiatrica, non psicologica.
[#7]
Dr. Francesco Saverio Ruggiero Psichiatra, Psicoterapeuta 37,2k 888 56
Gentile utente,

i servizi psichiatrici di zona erogano prestazioni al solo costo del ticket se dovuto.
[#8]
dopo
Utente
Utente

Buon Giorno sono andato dal mio medico di famiglia, pur troppo mi ha detto che non vi sono analisi per vedere se il disturbo possa essere neurologico o psicologico, ma si trova d'accordo col dire che se facendo un test sul QI risulto sano non vuol dire che ho dei problemi neuronali.
Tuttavia per quel poco che mi sono informato potrebbe esser una questione di sinapsi , che a livello di concentrazione non funzionano come dovrebbero in alcuni soggetti con tali disturbi. Da ciò non mi pare impossibile comprendere se il funzionamento sinaptico con un encefaloframma... Ma forse mi sbaglio, alla fine il mio studio sulle sinapsi è molto scarso...
Mi sono specializzato in ricerca di tutt'altro tipo.

Mi rivolgo a voi a questo punto sulla procedura più adeguata per constatare la causa del mio disturbo.

Vi ringrazio in anticipo!