Deniban, domande.

Egregi dottori,

ho 23 anni e soffro di depressione ansiosa con forti somatizzazioni allo stomaco. Lo psichiatra mi ha prescritto efexor 75 mg, che assumo da dieci giorni, ma per vedere risultati dovrò aspettare almeno fino a metà gennaio. E in questo periodo ero letteralmente a terra, sicché lo psichiatra mi ha pure prescritto il Deniban - 50 mg al mattino - per tirarmi su, in attesa che l'efexor inizi a produrre risultati. Con me il Deniban ha avuto un effetto miracoloso, e in poche ore stavo non meglio: stavo bene. Ora vi chiedo: il Deniban per quanto tempo può essere preso? Dà dipendenza? Comporta assuefazione? Se comporta assuefazione, dopo quanto si instaura? E' un farmaco difficile da dismettere?

Cordialmente

Buon Natale a tutti voi
[#1]
Dr. Francesco Saverio Ruggiero Psichiatra, Psicoterapeuta 40.8k 992 63
Gentile utente,

la scelta di utilizzare un farmaco di differente azione consiste nel fornire un miglioramento immediato ma non a lungo termine, probabilmente il programma terapeutico prevede una eliminazione del farmaco quando la venlafaxina fara' il suo effetto.

https://wa.me/3908251881139
https://www.instagram.com/psychiatrist72/

[#2]
dopo
Attivo dal 2010 al 2016
Ex utente
Gentile dottore, La ringrazio per la risposta, che condivido; tuttavia la mia domanda era rivolta al soddisfacimento delle curiosità relativ all'amisulpride.

Cordialità
[#3]
Dr. Francesco Saverio Ruggiero Psichiatra, Psicoterapeuta 40.8k 992 63
Le sue domande sono relative alla dipendenza, alla assuefazione ed al
funzionamento del farmaco.

Siccome non si conosce il suo programma terapeutico, tali domande sono nella sostanza non rispondibili, ma esse ritorneranno quando assumerà la venlafaxina a dosaggio completo e quando il suo curante deciderà se tenere o meno l'amisulpiride.
[#4]
Dr. Matteo Pacini Psichiatra, Psicoterapeuta, Medico delle dipendenze 43.2k 979 248
Gentile utente,

l'amisulpride ha spesso un effetto rapido, ragion per cui si associa alle cure antidepressive più lente per dare al paziente un sollievo immediato. Non sempre però incide.
Riguardo all'effetto finale, a volte la sua sospensione è seguita da peggioramento, anche questo subito.
L'assuefazione alle medicine significa che esauriscono il loro effetto, solitamente perché si sviluppa la "tolleranza" farmacologica, poi se la sospensione è brusca si ha il rimbalzo denominato "astinenza". Questo meccanismo è proprio degli ansiolitici. Sugli antidepressivi più che astinenza è corretto parlare di sindrome da sospensione, perché il loro effetto non si esaurisce, ma la sospensione può causare dei sintomi di malessere passeggero.
Infine, sospendendo la cura si possono semplicemente riavere i sintomi del disturbo che non è guarito, in questo caso di solito iniziano gradualmente, anche da subito e poi ritornano come prima, in un primo tempo sovrapponendosi agli eventuali sintomi da sospensione.
Non tutti i medicinali hanno sintomi da sospensione comuqnue.

Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it
Libri: https://www.amazon.it/s?k=matteo+pacini

[#5]
dopo
Attivo dal 2010 al 2016
Ex utente
Vi ringrazio per le risposte, ripeto, la mia era solo una curiosità relativa al farmaco Deniban.

Cordiali saluti
[#6]
Dr. Francesco Saverio Ruggiero Psichiatra, Psicoterapeuta 40.8k 992 63
Guardi purtroppo la curiosita' non e' una buona consigliera nella cure.

Probabilmente il farmaco verra' sospeso tra qualche settimana, in ogni caso le sue domande prospettano la possibilita' che lei possa avere le stesse preoccupazioni per la venlafaxina.

Segua le indicazioni di chi la cura affidandosi completamente.
[#7]
dopo
Attivo dal 2010 al 2016
Ex utente
Ha ragione dott Ruggiero; la ringrazio per le risposte e per il tempo dedicatomi. Le auguro inoltre felicità in queste giornate natalizie.

Allergia ai farmaci: quali sono le reazioni avverse in seguito alla somministrazione di un farmaco? Tipologie di medicinali a rischio, prevenzione e diagnosi.

Leggi tutto