Utente 461XXX
Buon giorno
da svariati anni, in momenti particolari di stress emotivo, soffro di palpitazioni (così le intendevo) con risvegli notturni e quindi prendo il minas per dormire (4/5 gogge) cercando di non prenderlo per periodi eccessivamente lunghi onde evitare assuefazione.
Ad una visita medica mi è stata riscontrata pressione alta ed inizialmente trattata con beta bloccante (bisoprololo).
Un medio sportivo mi ha trovato delle extrasistole di numero tale da consigliarmi ulteriori accertamenti.
l'holter 24H ha determinato il mio immediato ricovero per accertamenti (con relativo spavento....). Mi sono stati fatti tutti gli accertamenti (ad esclusione della RMN cardiaca - in programma nei prossimi giorni - in quanto attualmente nessun centro è disponibile) e tutti risultati negativi (ecocardi - Tac - snague - urine - ECG sotto sforzo).
Durante la mia recente degenza ho riferito ai medici che quando prendo il minias tutti i sintomi cessano (a volte soltanto fino a quando lo stesso farmaco fa effetto - circa 3/4 ore) ed infatto l'Holter fattomi in degenza (decisamente meno preoccupante del precedente - 3364 ventricolari contro i 7800ca e nel precedente un evento di VT) ha confermato che le extrasistoli cessano infatti il referto cita: "dalle 22.30 per tutta la notte e sino al termine della registrazione completa scomparsa dei battiti prematuri". Il minias infatti l'ho preso (6/7 gocce...) verso quell'ora.
Il mio sospetto quindi è che il cuore i suoi problemi li abbia, ma non è che tutto parte dalla testa?
La mia domanda è: esiste una ragione scientifica conosciuta x cui le extrasistole che sono divente insistenti e sintomatiche cessano più con il minias che con il betabloccante?
Grazie 1000

[#1]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

Le extrasistoli concomitano con una frequenza tendenzialmente normale, bassa (bradicardia) o al contrario aumentano in corso di tachicardia (al di fuori dell'episodio di tachicardia ventricolare) ?
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
Utente 461XXX

Innanzitutto la Ringrazio per la sollecita risposta.
Le aritmie avvengono con FC tendenzialmente normale. Spariscono sotto sforzo.
Nel passato non ne avevo mai sentito la presenza (delle exrasistole) se non quando ero sdraiato poi, recentemente e probabilmente anche a causa del dosaggio del disoprololo 3.75 le avvertivo in ogni momento della giornata (soprattutto dopo il pranzo e alla sera).
Grazie

[#3]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Completerei l'accertamento della situazione cardiologica. Può darsi che sia accaduto qualcosa che poi sta rientrando, e quindi i parametri sono migliorati.

La correlazione con una dose piccola di minias è teoricamente possibile, ma non chiarisce la situazione sul piano cardiologico.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it