Utente 306XXX
Dottori salve...in vista degli esami che dovrò sostenere ( con paura associata e tachicardia) la dottoressa mi ha consigliato en gcc( 5 gocce, ma non di più,dopo la colazione) per non avere problemi di tachicardia nella fase preesame-esame. Secondo voi dovrei prenderle già da qualche gg prima o solo in quel gg? Se prendessi ad esempio..da 15 gg prima il biancospino e poi quel gg en gcc avrei dei problemi? Per qualche interazione tra i due magari...
Chiedo perchè ho usato il biancospino e un minimo mi ha attutito il sintomo.
La mia dottoressa rientra a settembre e volevo un parere per andare sul sicuro ecco nel caso in cui decida una o l'altra strada...

[#1]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

Propenderei per una visita psichiatrica e una terapia di altro tipo,. Un conto è un episodio isolato, altro è un'ansia che inizia già giorni prima e che si accompagna ad una prestazione intellettiva come un esame.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
Utente 306XXX

No dottore...a me viene una fastidiosa tachicardia nei momenti che precedono l'esame...che poi passa ma che in quel momento desta in me paura ed è difficile gestirla/nasconderla.
Il biancospino lo prendevo da prima perchè in erboristeria mi hanno detto che non fa subito effetto ecco. Ma l'ho usato una volta sola...e il problema non l'ho totalmente risolto.
En mi è stato consigliato perchè soffro di MRGE e mi capita di avere tachicardia dopo pranzo alcune (non spesso) volte...e nel caso mi è stato consigliato di prenderle per placare il cuore.E...subito dopo considerando il fatto emotivo che mi accompagna all'esame la dottoressa me l'ha consigliate anche in quel caso , all'occorrenza. Spero di essermi spiegata bene...

[#3]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Sicuramente, dicevo infatti che ci sono terapie migliori che non un rimedio al bisogno, con il rischio di interferire con le funzioni cognitive proprio nel momento in cui deve essere calmo ma anche reattivo.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#4] dopo  
Utente 306XXX

E dottore...che devo dire alla mia dottoressa? Ho acquistato già en e non l'ho (fortunamente) ancora utilizzato. Cosa devo dirle? Cioè se prendo quelle sei gcc prima dell'esame o addirittura gg prima rischio di dimenticare tutto davvero? Mi aiuti ad avere un quadro chiaro perchè comunque un rimedio per quel giorno vorrei trovarlo.

Ad ogni modo 6 gcc per placare la tachicardia in casi di batticuore post pranzo va bene o non fa nessun effetto?

[#5]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Qui non può chiedere o meno conferma di terapie già prescritte. E' una terapia possibile d'emergenza, però se il limite deve essere 5 gocce e questo tipo di ansia ricorre in queste occasioni, allora è meglio impostare una cura che la tiene bloccata a priori.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#6] dopo  
Utente 306XXX

No dottore mi perdoni...io volevo solo sapere nel caso in cui la mia dottoressa mi dica che vanno bene, (perchè mi ha detto chiaramente di prenderle se dovessi sentirmi agitata)...cosa devo fare! Almeno mi dica se c'è questo rischio se dovessi usarle quel gg o un gg prima ed il gg stesso. Ho paura di arrivare la e dimenticare tutto...cioè voglio sistemare una cosa e ne rovino un'altra...

[#7]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Sto cercando di spiegarle che l'uso dell'ansiolitico in caso di ansia acuta non ha niente che non vada.
Se una persona sa che in certe circostanze ha quest'ansia, e che magari non è solo in queste circostanze ma in generale anche in altre, è bene che valuti se abbia più senso assumere cure di altro tipo.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#8] dopo  
Utente 306XXX

Dottore in queste situazioni l'ansia c'è...
Mi capita di viverli anche in momenti in cui non dovrei e di questo ne sono consapevole. Ma non potendo rivolgermi in questo momento a chi di competenza volevo solo sapere se rischiassi con queste gocce. Dottore altra cosa e poi non le ruberò altro tempo... secondo lei dovrei prenderle una volta qualche gg prima per verificare che effetto abbiano su di me dato che non le ho mai prese... e soprattutto volevo sapere se 6 gcc siano idonee per la situazione dell'esame e se mi abbasseranno la pressione...
Ho l'esame di mattina e tendenzialmente mangio poco...

[#9]  
Dr. Carlo Ignazio Cattaneo

24% attività
16% attualità
12% socialità
BORGOMANERO (NO)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2017
Buongiorno,
Non è sensato fornirLe informazioni dirette sul numero di gocce o sulla molecola.
Un buon inquadramento clinico-psichiatrico può certamente dare una risposta ai Suoi quesiti. In termini generali consideri che gli ansiolitici benzodiazepinici (quali l'EN) possono attenuare i sintomi ansiosi ma riducono la prestazione cognitiva e perciò la resa durante l'esame.
Dr. Carlo Ignazio Cattaneo

[#10]  
Dr. Otello Poli

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2012
Buongiorno a Lei,

Ansia, cardiopalmo e tachicardia.
Le benzodiazepine sono indicate solo se usate al bisogno. Un uso prolungato può produrre seppur transitori disturbdi della memoria, dell'attenzione e concentrazione.
Pertanto non particolarmente indicato nel sostenere un aprova di esame dove lo status cognitivo dovrebbe essere al meglio.

Pertanto così come dice il collega Dr. Matteo Pacini approderei verso una valutazione Psichiatrica e giacchè soffre di cardiopalmo (palpitazioni) e tachicardia anche verso una valutazione Cardiologica.

Ci sono altre strade ed altri farmaci per i disturbi esposti in epigrafe.
Ad esempio farmaci della classe beta-bloccante ( se non soffre di pressione bassa) potrebbero essere di grande aiuto.

Parli con gli specialisti indicati.

Cordialmente.
Dr. Otello Poli, MD
Neurologo-Algologo-Esperto in Medicina del Sonno
email: otellopoli@gmail.com - sito web: www.otellopoli.it

[#11] dopo  
Utente 306XXX

Grazie ad entrambi per le risposte...
15 gg fa circa, ho fatto gli esami del sangue e della tiroide e vanno bene. Purtroppo, non riuscirò a fare una visita dal cardiologo prima dell'esame...è in ferie ora e già saturo di visite prima della data del mio esame. Di sicuro andrò dopo anche per accertarmi che sia tutto ok...
Stesso discorso per un supporto psicologico...le tempistiche giocano a mio sfavore! Ho chiesto informazioni circa gli effetti per valutare pro e contro e poi decidere cosa fare...perchè la tachicardia preesame unita al cardiopalmo è molto fastidiosa e poco gestibile. Il mio medico di base non mi ha detto che prendendole prima di un esame potrei dimenticare tutto ciò che ho studiato nei gg precedenti...e, sentirlo ora...mi spaventa e mi riporta al punto di partenza.
Volevo solo sapere se in preda a tachicardia e di conseguenza ansia quella mattina, prendendo en vado a nuocere (con magari dimenticanze,pressione bassa ecc...) più che giovare...

[#12]  
Dr. Otello Poli

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2012
Al dosaggio prescrittole ovverosia EN V gocce al bisogno ritengo di NO.
Dr. Otello Poli, MD
Neurologo-Algologo-Esperto in Medicina del Sonno
email: otellopoli@gmail.com - sito web: www.otellopoli.it