Utente 112XXX
Da una trentina d'anni mia madre ormai settantacinquenne soffre di disfagia, senza alcuna causa apparente. Lei lamenta un senso di panico quando ha il cibo in bocca per cui lo mastica a lungo, lo sputa, poi lo deglutisce parzialmente eccetera. Ha spesso perso molto peso viaggiando intorno ai 45 Kg (essendo alta 1.72 circa...). Qualsiasi causa organica è stata ovviamente esclusa per cui penso si tratti di una forma psicogena. Ovviamente quando è particolarmente disfagica dimagrisce e deperisce per cui si deprime e viene trattata anche con antidepressivi... Questa situazione prosegue con alti e bassi da una trentina d'anni fra terapie varie (dai corticosteroidi per "tenerla su" ai piu vari psicofarmaci che spesso si sono rivelati inutili o dannosi, vedi i triciclici e ovviamente flebo per idratarla). Quattro anni fa in un periodo di crisi particolarmente forte è molto deperita e la abbiamo ricoverata a Parma presso una struttura specializzata in disturbi dell'alimentazione (Clinica Villa Maria Luigia). Dopo varie terapie e quasi ormai perse le speranze di cura le hanno somministrato 5 mg di Olanzapina (Ziprexa) e quasi miracolosamente ha iniziato a mangiare senza grosse difficoltà soprattutto perchè diceva che le veniva annullato il senso di panico che il cibo in bocca le causava arrivando al peso di 75 Kg. Con questa cura (trattandola con dosi di mantenîmento di 2.5 mg ed aumentando a 5 mg nei periodi in cui iniziava ad avere qualche problema) è stata bene fino ad un paio di mesi fa poi, forse debilitata da una brutta influenza, ha ricominciato ad avere problemi e a tutt'oggi, nonostate sia trattata con 15 mg di Olanzapina e 15 g di Remeron per la depressione in cui piomba quando non riesce a mangiare) le cose non vanno molto bene. Mangia un po a colazione e qualcosina con molta difficoltà a pranzo e ovviamente non beve... Ora fisicamente sta ancora bene (viaggia sui 57 Kg) ma prima che deperisca ulteriormente vorrei verificare la possibilità di una eventuale nuova terapia. Effettivamente in rete non ho trovato molte notizie sulla terapia delle forme psicogene di disfagia e tantomeno nomi di medici specializzati. Poichè noi abitiamo in provincia di Alessandria volevo chiedere il nome di medici o struttore ospedaliere situate nel nord ovest che hanno esperienza in queste forme di disfagia. Ovviamente ogni consiglio da parte di esperti è il benvenuto. Grazie

[#1]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
gentile utente

a mio avviso all'eta' di sua madre valuterei anche una evoluzione verso una qualche forma demenziale.
https://www.facebook.com/francescoruggiero.it/
https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139

[#2] dopo  
Utente 112XXX

Egregio Dottore,

grazie per la cortese risposta ma l'evntualità è stata esclusa dai medici e (se conoscesse mia madre...) non avrebbe dubbi nemmeno lei. Cordialità. Luca Ghirotto

[#3]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Più che di disfagia sembra trattarsi di un comportamento alimentare. Cioè può darsi che sua madre sia convinta di non poter deglutire, o abbia paura di soffocare deglutendo. Se ha risposto a zyprexa, che è fondamentalmente un farmaco antipsicotico, è probabile che il meccanismo sia quello (non è un antidepressivo).
Il perché non risponda più adesso non è immediatamente comprensibile, data l'età potrebbe essersi sovrapposto un qualche fenomeno più grossolano (vascolare) che peggiora la risposta alle cure.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#4] dopo  
Utente 112XXX

Egregio Dottore,

grazie per la risposta. ha qualche suggerimento pratico da darmi? Cambio di terapia, esami da effettuare, eventuali strutture/medici specialisti nel nordovest?

Cordialmente. Luca Ghirotto

[#5]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
gentile utente

riferendomi ad una forma demenziale intendevo anche fenomeni di tipo vascolare.

Se tale ipotesi e' gia' stata esclusa potrebbero essere fenomeni di nuova insorgenza.
https://www.facebook.com/francescoruggiero.it/
https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139

[#6]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
gentile utente

riferendomi ad una forma demenziale intendevo anche fenomeni di tipo vascolare.

Se tale ipotesi e' gia' stata esclusa potrebbero essere fenomeni di nuova insorgenza.
https://www.facebook.com/francescoruggiero.it/
https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139

[#7]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Una visita da uno specialista psichiatra.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it