Rivivere la vita della madre... è possibile?

Utente
Utente
Buonasera,
espongo i fatti:
Mia moglie apparentemente stà rivivendo la vita della madre... morta da 1 anno.

Mi spiego meglio, molti episodi "chiave" della vita della madre mia moglie li stà riproponendo nella nostra famiglia. Preciso che questo cambio di personalità è avvenuto dopo il decesso della madre passando per una depressione diagnosticata.

esempio
1) Mia suocera insultava e sparlava del marito con tutti e la stessa cosa stà facendo mia moglie con me, inventandosi di sana pianta cose assurde. (pura fantasia)
2) Mia suocera aggrediva chiunque gli dava torto, anche sulle cose evidenti, per concludere le discussioni scappando. Stessa cosa fa mia moglie sia con me, ma anche con i nostri figli maggiori.
3) Mia suocera ha avuto una relazione extraconiugale che ha segnato la sua vita, dando alla luce anche quella che è mia moglie. Bhe sembra incredibile, ma mia moglie dopo 3 giorni dice TI AMO ad uno sconosciuto che non sa chi sia e che ha conosciuto in una chat e dice che potrebbe essere l'amore della sua vita.... (dice testualmente: mia mamma non ha saputo andare con la persona che amava, io non devo fare gli stessi errori)

Potrei continuare con moltissimi esempi, stà proprio riproponendo sua mamma, infatti sia a me, che ai ragazzi ci sembra di vivere con mia suocera. Stessi atteggiamenti vittimistici, stessi atteggiamenti egoistici, ecc. ecc.

Mia suocera diceva anche spesso che lei è rimasta sposata per i figli, adesso mia moglie dice la stessa cosa: che dovrà savrificarsi per i figli.

Preciso che prima di questo episodio, la nostra è stata una famiglia normale.

Posso aggiungere anche che i ragionamenti che fa mia moglie in questo periodo sono spesso privi di realisticità. Ha abbandonato di punto in bianco il nostro lavoro in ufficio di famiaglia, per cercarsi un lavoro che di fatto non cerca (sono 2 mesi che ormai è a casa).

Parla di separazione, dice che non prova i sentimenti che servono in un matrimonio, ma dice che mi vuole un gran bene. Ho provato ad accontentarla facendogli scrivere dall'avvocato, ma di fatto ha ignorato la lettera facendola sparire... Se esco di casa arrabbiato per i suoi comportamenti mi tempesta di telefonate...

Ha infine simulato un suicidio alcuni giorni fa, facendoci credere di aver preso una scatola di sonniferi, ma di fatto non lo ha fatto.

E' stata consigliata dal medico di andare dalla psicologa, ma evita il discorso e non vuole saperne.

Non capisco se questa è la fine del mio matrimonio o mia moglie stà "inconsciamente" chiedendo aiuto... Non capisco, come possa innamorarsi di uno sconosciuto in 3 giorni senza conoscerlo... e non capisco proprio nulla...

Grazie se mi date un consiglio.
[#1]
Dr. Francesco Saverio Ruggiero Psichiatra, Psicoterapeuta, Psicologo 33,2k 818 50
gentile utente

sua moglie non rivive la vita della madre ma ha gli stessi sintomi.
Attualmente e' in trattamento per depressione?

Sarebbe utile una visita psichiatrica.

https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139
https://swite.com/psychiatrist72

[#2]
dopo
Utente
Utente
Sintomi?

Si stà prendendo un antidepressivo... ma non so quale...

La visita psichiatrica l'ha fatta 2 volte... ma poi non è + tornata... e la psichiatra ci ha detto a noi famigliari che in 2 volte, con lei che fa scena muta... non è ossibile capire nulla... infatti lei dice che vogliamo farla passare x pazza...
[#3]
Dr. Francesco Saverio Ruggiero Psichiatra, Psicoterapeuta, Psicologo 33,2k 818 50
Gentile utente,

i comportamenti che descrive possono essere slatentizzati dall'uso di antidepressivi soprattutto se la diagnosi non e' propriamente di depressione.

Pertanto, si informi sulla assunzione di farmaco di sua moglie e provveda a farle fare una visita psichiatrica.

Se non e' possibile capire nulla perche' e' stata fatta una prescrizione di antidepressivo?
[#4]
Dr. Vassilis Martiadis Psichiatra, Psicoterapeuta 7,1k 161 112
Gentile utente,
vivere due vite uguali non è possibile. E' possibile avere la stessa patologia. e' necessario che sua moglie si rivolga ad uno specialista in psichiatria. Gli elementi che lei descrive spingono tutti in quel senso.
cordiali saluti

Dott. Vassilis Martiadis
Psichiatra e Psicoterapeuta
www.psichiatranapoli.it