Non mi chiama mai per nome...

Buongiorno,
sono una donna di 36 anni volevo chiedere un Vostro parere riguardo un atteggiamento del mio compagno nei miei confronti. Siamo insieme da più di 4 anni e conviviamo anche da 4 anni e lui non mi chiama mai per nome, mai, ma non perchè usa dei nomignoli affettuosi...proprio non mi chiama, se mi deve parlare dice "ehi...", "dove sei.." e tutta una serie di intercalari impersonali, tanto che quando mi chiama per nome (penso una, due volte da quando siamo insieme ed ovviamente in situazioni di particolare importanza) la cosa mi fà un effetto strano......Ovviamente la cosa mi dà fastidio o per meglio dire mi fà pensare, è una cosa che ho notato per cui vuol dire qualcosa. Tengo a precisare che lui è una persona molto pratica, poco spontanea, se dovessi usare una parola per descriverlo direi "logica", parola che secondo lui deve essere alla base di qualsiasi comportamento e pensiero umano in quanto con il sentimento, il cuore, l'umanità, la spontaneità e l'impulsività non si arriva da nessuna parte (caratteristiche invece che mi rappresentano), non è per niente una persona che manifesta i suoi sentimenti, mai un complimento..... se gli chiedo come stò per esempio con un vestito (e glielo chiedo perchè vedo che non mi dice niente dopo che mi sono preparata per un'ora) mi risponde "ma certo che stai bene, stai sempre bene"...ma allora perchè non me lo dici? Io invece gli faccio sempre complimenti, gli dico che è bello, che è in gamba ecc....ma lo penso davvero. Devo anche dire che non è mai stato uno di quelli che ti elogiano, però quando si tratta di fare osservazioni allora si esprime all'esasperazione, ti fà le prediche come fossi un'idiota ... Se gli faccio notare questo dice che devo sapere che lui pensa positivo per tante cose che faccio io, ma non occorre dirlo, dovrei già saperlo, ma sono solo le cose negative che vanno dette proprio per poterle correggere....dire quelle positive non serve..io soffro per queste cose in quanto io sono una persona molto solare, esprimo sempre quello che penso alle persone a cui voglio bene e devo dire che, anche se può essere interpretato come un segno di insicurezza, mi farebbe piacere se lui mi facesse dei complimenti, mi facesse sentire apprezzata. Se gli faccio notare qualche nostro amico che fa nei confronti della moglie lodi e apprezzamenti mi dice che quelli sono i classici che lo fanno solo per farsi vedere, che sono i primi che se potessero farebbero le corna ecc... ecc..e giù tutta una serie di sue interpretazioni che non danno scampo, insomma da lui sono letti solo come atteggiamenti negativi e che io non lo apprezzo e che sono quella che vorrebbe "quello che ti fà i complimenti...tutto gni gni gni gno e poi và con un'altra" ... ma non è vero... Oddio quante cose dovrei dire per descriverlo e descrivermi ma mi dovrei ovviamente dilungare troppo, spero di aver dato cmq dei punti per poter dare una Vostra interpretazione.....Vi prego ditemi qualcosa
Saluto cordialmente
[#1]
Dr. Daniel Bulla Psicologo, Psicoterapeuta 3,6k 207 56
Gentile Signora,
ma il suo compagno è sempre stato così? E se è sempre stato così come mai ADESSO il suo comportamento un po' distaccato le dà fastidio?

Mi spiego meglio: una persona solare come Lei (in base a come Lei si descrive) è strano che si metta con una persona "pratica" e distaccata come il Suo compagno.

Una possibile interpretazione potrebbe quindi essere legata ad un "qualcosa" che è successo più o meno recentemente, e che ha aumentato la Sua sensibilità rispetto a questi comportamenti un po' freddi del compagno.

Ad esempio Lei adesso appare più sensibile alle critiche, oppure è lui che è diventato più aspro?

Cordialmente

Daniel Bulla

[#2]
dopo
Utente
Utente
Innanzitutto grazie Dr. Bulla per la Sua risposta tra l'altro così veloce.
Sì, il mio compagno è sempre stato diciamo più pratico che sentimentale ed effettivamente questo suo lato mi ha sempre infastidito ed abbiamo sempre litigato per questo, perchè la sua risposta era sempre "tu vuoi uno che sia sempre lì a farti i complimenti, uno che non ti dica mai quando sbagli...in pratica uno che non gliene frega niente" ma io non penso che se una persona mi fà dei complimenti significa che non gliene frega niente di me e mi fà complimenti solo per farmi stare zitta ed illusa di essere amata.
Comunque è sempre stato così, ovvio che all'inizio tutto si supera più facilmente perchè si è innamorati, lui ora tra l'altro è molto preso con il suo lavoro e parliamo solo di lavoro, di investimenti,ecc.. ecc. devo dire che questo suo lato di uomo lavoratore l'ho sempre apprezzato... però vorrei dell'altro, non si vive di solo lavoro e denaro, certo fanno comodo, ma fra un uomo ed una donna deve esserci anche dell'altro, devo anche dire che all'inizio facevamo l'amore tutti i giorni poi col tempo i rapporti si sono sempre più diradati , siamo a malapena ad una volta a settimana...non mi sento desiderata... Non sò cosa pensare... Mi aiuti
[#3]
Dr. Daniel Bulla Psicologo, Psicoterapeuta 3,6k 207 56
Gentile Utente,
non potrò aiutarla più di tanto da qui, ma di certo le consiglio di richiedere una consulenza psicologica: immagino che le abbia fatto piacere trovare una risposta su questo sito, si immagini quindi quando potrebbe essere gratificante un colloquio con uno/a specialista in carne ed ossa.

Tornando al suo problema, intanto le posso dire che dopo anni è normale che i rapporti sessuali diminuiscano di frequenza: se poi il suo compagno è preso per il lavoro, possiamo dire che tutto sommato la vostra frequenza non è disastrosa.

Il problema è che Lei signora si sta facendo un po' di domande, non si sente desiderata e capita. Solo questo punto giustificherebbe una consulenza psicologica.

lei ha sempre apprezzato di lui la praticità e la dedizione al lavoro: una persona pratica e dedita al lavoro tende a mettere da parte la propria vita emotiva. Non dico che sia giusto e sbagliato, ma purtroppo è un fatto.

Ieri le pesava poco, oggi è un macigno. Ma questo "peso" è aumentato perchè è venuto meno tutto il resto forse.

Io inizierei proprio da lui: gli dica che ci ha scritto (sicuramente lo sconvolgerà, visto che è un uomo pratico!) e che sta pensando di chiedere una consulenza psicologica.
[#4]
dopo
Utente
Utente
Buongiorno dottor Bulla,
innanzitutto mi scuso per non averLe risposto ma Le ho scritto dall'ufficio e poi venerdì ero in ferie, ho letto oggi la Sua risposta e La ringrazio. Devo dire che una consulenza non mi dispiacerebbe, penso sia una cosa sicuramente utile che può aiutare a superare dei momenti in cui le cose sembrano avere un peso più importante, ma al riguardo Le volevo chiedere se la consulenza dovrebbe avvenire in coppia o potrebbe essere utile anche singolarmente, e poi mi farebbe piacere anche avere una Sua interpretazione, sempre se può esserci una spiegazione, del fatto che il mio compagno non usi mai il mio nome.
La ringrazio ancora e La saluto
[#5]
Dr. Daniel Bulla Psicologo, Psicoterapeuta 3,6k 207 56
Gentile Utente,
penso, come le ho già scritto, che prima di una consulenza serva un chiarimento tra voi due, dove Lei ptrà esprimere anche l'esigenza di chiedere una consulenza psicologica.

Se poi viene anche lui tanto meglio. Io se fossi in Lei ci andrei ne più ne meno.

E'difficile da qui darle interpretazioni sul comportamento di una persona che non conosco: purtroppo più di così non posso fare, mi spiace.
[#6]
dopo
Utente
Utente
La ringrazio Dottor Bulla per la Sua risposta, cordiali saluti.
[#7]
Dr. Daniel Bulla Psicologo, Psicoterapeuta 3,6k 207 56
Grazie a Lei per averci scritto, buon lavoro

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio