Utente 604XXX
Gent. mi Medicitalia.it
Vi scrivo per avere un Consiglio. Sono una ragazza di 23 anni e sono ancora Vergine. Ho avuto in passato dei fidanzati ma con nessuno di loro ho mai intrapreso il discorso "Sesso". Ciò perchè non mi sentivo amata nè sicura. Ora sono di nuovo fidanzata. Lo amo come lui ama me . E' un ragazzo meraviglioso e mi dona tutto l'affetto che non ho avuto in precedenza. Da una parte ho voglia di intraprendere tale discorso con lui, dall'altra invece ho forti dubbi che non mi consentono di vivere tranquillamente... Cioè che mi impediscono di avere, come tutte le coppie normali, un rapporto sessuale completo con lui. Ciò, forse, è causa dei miei genitori... In special modo di mia madre. Lei mi dice sempre che io sono nata "per sbaglio", nonostante avessero preso precauzioni(preservativo), e che lei, per causa mia non si è potuta realizzare professionalmente in tempi giusti. Questa cosa mi fa male e mi fa vivere nel terrore. Vi dico anche che mia madre non mi ha mai portata dal Goinecologo, nonostante io abbia più volte insistito...Lei asserisce che non ne ho bisogno... Una emerita cretinata per me, poichè, oggigiorno, una visita da tale Specialista è d'obbligo, con tutte le cose brutte che si sentono e poi specilamente per motivi i Salute...Ho una paura matta di rimanere incinta e di ritrovarmi da grande a rimproverare mio figlio per le stesse cose... Ho paura dell'atto anche perchè, essendo allergica a quasi tutti i medicinali in circolazione, non posso prendermi nessun anticoncezionale... Anche il preservativo mi fa paura... Ho timore che possa farmi male... In più ho paura che si rompa, determinando irreparabili conseguenze... Io però voglio affrontare il discorso "Sesso" con il mio ragazzo perchè gli voglio davvero un bene dell'Anima... Lo amo veramente tanto... Quindi gentilmente vi chiedo di rispondere ai miei dubbi... Un'ultima cosa che non c'entra con il discorso "Sesso"... Sin da piccola, ho avuto sempre un Ciclo abbondante e doloroso... Per lenire il dolore, siccome sono allergica a quasi tutti i medicinali in circolazione,posso usare dei prodotti Erboristici... Se si, quali?... Vi ringrazio per la vostra attenzione e gentilezza...
Cordiali Saluti...

[#1]  
Dr. Giuseppe Nicolazzo

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
16% socialità
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,
mi sembra che Lei faccia parecchia confusione; due considerazioni:
1.se riuscisse ad avere più conoscenze e informazioni avrebbe meno "paure", potrebbe recarsi per questo presso il Consultorio Familiare dell' ASL della sua città ( anche senza la mamma ).
2."allergica a quasi tutti i medicinali in circolazione", mi pare poco probabile che derivi da una specifica valutazione diagnostica medica ma sia piuttosto una sua personale affermazione.
Cordiali Saluti
Dr G. Nicolazzo
Specialista in Psichiatria
Psicoterapeuta

[#2] dopo  
Utente 604XXX

Le rispondo subito dottore e non Le nego che la sua risposta mi ha molto delusa...

In primis perchè comunque cercavo dei Consigli da Lei...So che attraverso un PC, non si può fare una visita medica, ma almeno dei Suggerimenti me li poteva dare...

Lei mi ha scritto:

"1.se riuscisse ad avere più conoscenze e informazioni avrebbe meno "paure", potrebbe recarsi per questo presso il Consultorio Familiare dell' ASL della sua città ( anche senza la mamma )".

Se ho scritto tale Intervento è proprio perchè DA VOI cercavo dei consigli che non mi sono stati dati... Ho avvertito inoltre molta noncuranza nelle sue parole... Per me questo è un problema serio... Qui sono un numero, ma nel reale sono una persona...Vorrei ricevere più rispetto ed essere trattata da tale...

P.S: So muovermi benissimo senza mia Madre, e se, prima di andare in un Consultorio, mi sono rivolta a Voi , era giusto per avere delle semplici e basilari conoscenze, che poi avrei approfondito con uno Specialista reale... Mi hanno detto che questo Sito era buono per avere delle Conoscenze Generali... Volevo solo essere erudita un pò sull'Argomento... Tutto qui...

Inoltre mi ha detto:
"2."allergica a quasi tutti i medicinali in circolazione", mi pare poco probabile che derivi da una specifica valutazione diagnostica medica ma sia piuttosto una sua personale affermazione".

Il mio è un problema vero e non è una mia personale affermazione... Oramai il mio medico, quando ho la febbre e non posso usare medicinali, mi somministra dei farmaci molto blandi e mi dice che nel mio caso(Clinicamente Testato)esiste solo il Vecchio Rimedio della Nonna "Latte-Letto-Lana"... E' libero di non crederci ma è così... Purtroppo...

La Ringrazio infinitamente per avermi risposto con tanta celerità.Vorrei chiarire che la mia non è una aperta polemica contro di lei,ma solo un umile e semplicissimo chiarimento...

Cordiali SAluti








So benissimo muovermi senza mia madre

[#3]  
Dr. Giuseppe Nicolazzo

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
16% socialità
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,
La diagnosi di allergia deriva da una valutazione clinica, strumentale e dopo aver eseguito specifici esami e tests di laboratorio, non va confusa con gli effetti collaterali dei farmaci o intolleranze.
Non sono d'accordo con i rimedi "ottocentesci" usati per di più anche pericolosi ( con febbre alta Lei si copre di indumenti di lana? ).
Si ha paura soltanto di ciò che non si conosce,il Consultorio a mio parere può darle un valido aiuto e una concreta possibilità di confronto avendo al suo interno più figure professionali ed essendone l'attività preventiva e informativa precipua.
Non è mia abitudine sottovalutare o trattare superficialmente nulla, ma tenuto conto che questo sito ha comunque delle limitazioni intrinseche mi pare di aver dato sia prima che adesso dei sufficienti consigli.
Cordiali Saluti
Dr G. Nicolazzo
Specialista in Psichiatria
Psicoterapeuta

[#4]  
Dr.ssa Tiziana Teruzzi

20% attività
0% attualità
12% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 32
Iscritto dal 2008
Gentile Utente,
comprendiamo il suo bisogno di informazioni e personalmente immagino come sia difficile convivere con i pensieri materni e le supposizioni che si trova a fare.

La sessualità è un percorso sia individuale che di coppia, supporre che si troverà nelle stesse condizioni di sua madre è lecito, reagire con le stesse modalità non è altrettanto certo, poichè Lei è diversa da sua madre.

Sul piano informativo il Consultorio della sua città può aiutarla, come espresso opportunamente dal collega.
Un supporto psicologico può esserle d'aiuto nell'affrontare il percorso qualora lo trovi troppo impegnativo. Mi permetto di suggerirle, prima di qualsiasi passo, di coinvolgere il suo fidanzato in questa scelta, così da intraprendere un cammino insieme.

Cordialmente
Dott.ssa Tiziana Teruzzi

www.tizianateruzzi.it

[#5]  
Dr. Mariano Indelicato

24% attività
0% attualità
16% socialità
PALERMO (PA)
REGGIO DI CALABRIA (RC)
CATANIA (CT)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2007
Gentile utente,
la paura della prima volta è molto più comune di quanto Lei pensi, in particolar modo, se non si è ricevuta, per evidenti problemi legati al sesso da parte di sua madre, una corretta educazione sessuale. Il sesso non è un'attività legata alla razionalità, ma semmai l'incontro tra emozioni forti. Giustamente lei fa rilevare che fino ad oggi non ha sentito l'esigenza e il desiderio di avere rapporti sessuali poichè non era abbastanza innamorata dei suoi ragazzi precedenti, mentre oggi, che è innamorata del suo attuale ragazzo e si sente ricambiata, sente forte l'esigenza di avere un rapporto sessuale. Io credo che la prima cosa da fare e iniziare a parlare di questo argomento con il suo attuale ragazzo ed insieme ricercare la soluzione che meglio si addice a tutti e due. La ricerca del piacere sessuale può avvenire in molti modi e non solo e semplicemente attraverso la penetrazione. Ci si deve abituare a conoscersi, a condividere le emozioni, il piacere per poter essere sicuri di avere un rapporto completo senza la paura di dover avvenire l'irreparabile. Quando si è sicuri, si può scegliere insieme qual'è il metodo anticoncezionale che meglio si addice alla nostra esperienza. Insieme potete anche scegliere il ginecologo che dovrebbe, da un lato, guidarvi verso l'anticoncezionale e, dall'altro, dare risposte certe riguardo ai problemi da lei indicati.
Indelicato Dott. Mariano
idm@dottindelicato.it
www.dottindelicato.it
www.psicoterapiacoppia.it

[#6] dopo  
Utente 604XXX

Gent.mi Medici.it,

Vi ringrazio infinitamente per le Informazioni datemi... Io e il mio ragazzo ne abbiamo già parlato... E' stato lui a consigliarmi questo Sito e poi insieme abbiamo deciso di visitare a breveun Consultorio o uno Specialista. Grazie ancora per i vostri consigli e scusatemi se forse vi sono sembrata un pò brusca...
Cordiali Saluti