Utente
Buonasera dottori, ho un problema che mi sta rendendo la vita impossibile, ovvero l'ansia.
Io sono perennemente in uno stato di ansia e panico anche quando non ci sarebbe motivo.
Da circa 2 anni sono depressa ma ho sempre fatto finta di niente e di nascondere la cosa a tutti fino ad oggi in cui non ce l'ho fatta più e sono scoppiata in lacrime con conseguente attacco di panico.
Ho problemi digestivi, non mangio quasi più, ipersalivazione, confusione un'orrenda sensazione di nodo in gola perenne.
Non esco di casa da oltre 30 giorni e forse questo sta peggiorando il tutto.
Non so più che fare e mi sento come chiusa in gabbia, non vedo via d'uscita e questo mi provoca ancora più ansia.
Al momento sto prendendo 3 levopraid prima dei pasti per curare l'inappetenza e i problemi a digerire.
È possibile che tutti quei sintomi fisici siano dovuti all'ansia?

[#1]  
Dr. Carla Maria Brunialti

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
ROVERETO (TN)
TRENTO (TN)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Gentile utente,

dai Suoi consulti apprendo che sono ben tre anni che soffre di ansia,
di nausea in relazione all'ansia
e di assumere Levopraid come terapia.
Ed inoltre di essersi fatta una ulteriore autodiagnosi di depressione.

Forse è giunto il momento di prendersi cura seriamente di sè,
senza stare ancora a chiedersi se
"È possibile che tutti quei sintomi fisici siano dovuti all'ansia?"

Certo che è possibile, ma questo non dice nulla rispetto al SUO singolo caso, strettamente personale,
e che abbisogna
innanzi tutto di un passaggio dal medico di base,
di una diagnosi Specialistica (Psicologo Psicoterapeuta)
e della Sua decisione di curare l'ansia (posto che la diagnosi sia: "Disturbo d'ansia generalizzato" o altro), come farebbe con una qualsiasi altra malattia.
Dietro questi interrogativi che Lei si pone, si nasconde per lo più un ennesimo tentativo di temporeggiare (= perdere prezioso tempo di vita).

Per quanto riguarda l'ansia e il corpo può leggere:
https://www.medicitalia.it/minforma/psicologia/1064-quando-il-corpo-va-in-ansia-i-sintomi-fisici-dei-disturbi-d-ansia.html ,
ma dubito che Le servirà.
Sembra infatti che le barrire difensive siano ancora molto resistenti, nonostante Lei sia seriamente sottopeso e che il malessere si aggravi:
attualmente è al punto in cui "..Non esco di casa da oltre 30 giorni e forse questo sta peggiorando il tutto.".

Ci tenga al corrente sulle Sue decisioni, grazie.

Dott. Brunialti
Dr. Carla Maria BRUNIALTI
Psicoterapeuta perfezionata in Sessuologa clinica, Psicologa europea.
www.linkedin.com/in/brunialtisessuologaclinica/