Utente 117XXX
Gentili medici,
in seguito ad un'infiltazione di antidolorifici alla mano eseguita oggi ad una conoscente si sono verificati forti dolori che perdurano, accompagnati da scariche elettriche e gonfiore diffuso in tutta la mano. Vorrei sapere se questi dolori possono essere considerati normali e come potrebbero essere leniti in attesa di rivolgersi al proprio medico curante.
Vi ringrazio cortesemente

[#1] dopo  
Dr. Giulio Pio Urbano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
8% attualità
16% socialità
RHO (MI)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Provi ad utilizzare del ghiaccio localmente ed applicando creme/pomate/gel a base di Fans e/o l'assunzione di Fans per via orale.

Se il disturbo perdurasse, dopo 6/7 die sarebbe utile ritornare dallo Specialista di riferimento.

Cordialità.
Urbano Giulio Pio MD
Specialista Medicina Fisica Riabilitazione
e Psicoterapia
3398917774(h16-20)

[#2] dopo  
Utente 117XXX

Gentile Dottore,
La ringrazio per la sua cortese risposta.
Purtroppo il ghiaccio applicato localmente causava ancora più dolore e "scariche", probabilmente dovute al fatto che, nell'eseguire l'infiltrazione, è stato irritato il nervo. Fortunatamente il dolore si è attenutato dopo l'assunzione di Paracetamolo 500 mg seguita (dopo 4 ore) da Ketoprofene 200 mg a rilascio modificato. Nei giorni successivi man mano il dolore e il gonfiore sono andati scomparendo, anche se non del tutto in quanto l'infiltrazione è stata eseguita alla mano del braccio che era stato soggetto a svuotamento ascellare dopo carcinoma mammario.
Inoltre mi chiedo: siccome l'infiltrazione era costituita da un mix di farmaci antidolorifici e cortisone, possono esserci ripercussioni sulla salute in generale? (Il cortisone le era già stato somministrato largamente assieme alle cure chemioterapiche di meno di un anno fa).
Ringraziandola, porgo distinti saluti.