Utente
buonasera
ho 50 anni e questa settimana sono andato in ps per un forte dolore al fianco dx
il responso della radiografia e’: si riconosce nell’emiscavo pelvico di dx una immagine radiopaca di 5mm compatibile sospetta per calcolo urinario
soffro di prostatiti ricorrenti da tempo e al momento stavo assumendo alfuzosina.

il mio urologo mi ha detto di aspettare 2 settimane per provare l’espulsione del calcolo
secondo voi e’ meglio aspettare o tentare qualche altra terapia per risolvere immediatamente
grazie per una possibile risposta

[#1]  
Dr. Patrizio Vicini

48% attività
20% attualità
16% socialità
GROTTAFERRATA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Corretto aspettare e monitorare la situazione renale con ecografia renale.
Cordiali saluti.
Dott. Patrizio Vicini
www.patriziovicini.it
www.chirurgia-plasticaestetica.com
Roma

[#2] dopo  
Utente
la ringrazio per la risposta dottore
volevo chiederle se posso dalla diagnosi in che posizione si trova il calcolo , e’ ancora nel rene oppure e’ nell’uretere
un calcolo di queste dimensioni ha possibilita’ di venire espulso ? mi devo aspettare delle forti coliche?
la ringrazio e saluto

[#3]  
Dr. Patrizio Vicini

48% attività
20% attualità
16% socialità
GROTTAFERRATA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Sta nell' uretere non nel rene.
Coliche si.
Come già detto se non lo espelle a 14 giorni si deve procedere ad ureterolitotrissia con laser.
Saluti.
Dott. Patrizio Vicini
www.patriziovicini.it
www.chirurgia-plasticaestetica.com
Roma

[#4] dopo  
Utente
la ringrazio molto per le sue risposte
mi permetta una ultima domanda , se posso , il mio urologo mi ha diagnosticato una idronefrosi di primo grado al rene dx
io sento dei fastidi anche a sx ma qui la rx e l’urologo non hanno rilevato nulla
e’ possibile che la patologia in atto crei fastidi anche all’altro rene?
la ringrazio e le auguro una buona domenica
cordiali saluti

[#5]  
Dr. Patrizio Vicini

48% attività
20% attualità
16% socialità
GROTTAFERRATA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
[#6]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
A complemento delle corrrette indicazioni del Collega, la invitiamo alla lettura di quaesto nostro articolo che si riferisce a situazioni di questo tipo.

https://www.medicitalia.it/minforma/urologia/1194-coliche-renali-trattare-i-sintomi-o-risolvere-il-problema.html
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#7] dopo  
Utente
buonasera dottore
ho letto l’articolo grazie , volevo chiederle se posso se la radiografia puo’ non vedere un calcolo
in ps mi hanno trovato un calcolo di 5 mm a dx ma da ieri ho disturbi anche a sx
potrebbe essere renella o calcoli talmente piccoli da non essere visibili ?
nelle ultime ore avverto un senso di pressione in fondo all’inguine e un senso di bruciore alla base del pene, potrebbe essere il calcolo che si sposta?
grazie e buona serata

[#8]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
I disturbi che ci riferisce sono colloquialmente definiti "espulsivi" e compaiono in genere quando l'ipotetico calcolo si trova nelle immediate prossimità della vescica. Un calcolo di 5 mm o neno può sfuggire alla radiografia quando vi sono mole ombre parassite intestinali (aria, feci) oppure il contenuto in calcio del calcolo è piuttosto basso.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#9] dopo  
Utente
la ringrazio , le chiedo una ultima cosa se posso
secondo lei quante possibilita’ ci sono che un calcolo di queste dimensioni passi in vescica , la alfuzosina puo’ aiutare e nel caso alleviare il dolore?
grazie ancora per la sua cortesia
buona serata

[#10]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Le possibilità sono discrete, diremmo un 70%, l'alfuzosina può aiutare, come tutti gli alfa litici. La sua azione non è però antidolorifica, per questo scopo bisogna utilizzare altri farmaci.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#11] dopo  
Utente
buongiorno dottore
la ringrazio ancora per il tempo che mi ha dedicato
cordiali saluti
Angelo Desalvi