Utente 122XXX
Sono una donna 50 enne costretta da sedici su una sedia a rotelle. Ho una vescica areflessica per cui sono costretta a fare del cateterismo intermittente. Da due anni però, a causa di varie operazioni per piaghe da decubito, non riesco più a piegare la gamba sinistra per cui allo stesso tempo non posso più effettuare il cateterismo da sola. A farmi il cateterismo è mio marito. A tal punto sono costretta ad essere assogettata a mio marito ogni qualvolta devo minzionare.
Tmpo fa mi fu detto che potevo effettuare ( addirittura a livello ambulatoriale) un intervento che consisteva nel forare la vescica dalla parte dell'addome, nel basso ventre, introdurre una cannula che mi avrebbe permesso di minzionare anche stando seduta in carrozzina. Mi scusi se vorrei un suo parere circa questo intervento. Lei ne ha sentito parlare? Come funziona? Bisogna tenere sempre una sacca attaccata al ventre oppure dopo aver minzionato si può chiudere questo "foro" ( mi perdoni se lo chiamo così, terra-terra).Gradirei una sua gentile risposta per la quale la ringrazio sin d'ora . Sono pronta a fare tale intervento ma vorrei essere mnaggiormente informata, cosa che l'urologo non ha ritenuto opportuno fare. Grazie di cuore a lei e a tutto lo staf di Medicitalia. Grazie ancora

[#1]  
Dr. Diego Pozza

40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
MANCIANO (GR)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
cara lettrice,

mi riesce difficile credere che l'urologo che propone un intervento del genere ad una malata del genere non abbia sentito la necessità di spiegare bene gli obiettivi e le modalità di soluzione del problema.
Da verona lei può raggiungere buone strutture urologiche ( Negrar, Brescia, Padova, Verona stessa) ove eventualmente trovare una maggiore collaborazione
cari saluti
Dott. Diego Pozza
www.andrologia.lazio.it
www.studiomedicopozza.it
www.vasectomia.org

[#2] dopo  
Utente 122XXX

La ringrazio di cuore dottore. Interpellerò una di queste strutture. Infiniti ringraziamenti ancora. Cozzolino Matilde.
P.S. La prospettiva di questo intervento mi fu fatta durante un mio ricovero a Negrar, nell'ambito di una visita in reparto, non ci sono stati modi di parlarme più approfonditamente. Nell'andare da un qualsiasi urologo volevo semplicemente sentirmi più preparata in merito. Senza ovviamente fare nomi. Grazie ugualmente dottore