Attenzione ai bassi livelli di testosterone, rischio iperglicemia

Dr. Andrea MilitelloData pubblicazione: 09 aprile 2019

 

 

L'associazione tra bassa concentrazione di testosterone e aumento del rischio di iperglicemia negli uomini è stata dimostrata in studi osservazionali e interventistici. Tuttavia, considerando una varietà di fattori confondenti, finora sono stati condotti studi limitati basati sulla popolazione. Inoltre, non sono disponibili informazioni sull'effetto del testosterone sullo sviluppo progressivo della iperglicemia e /o diabete.

Lo studi che riporto in bibliografia nasce per esaminare l'effetto del testosterone totale sullo sviluppo del pre-diabete / diabete negli uomini normoglicemici di mezza età e anziani.

 

Materiali e metodi

I dati sono stati ottenuti dal Tehran Lipid and Glucose Study, una coorte prospettica basata sulla comunità di una popolazione iraniana. Le analisi sono state condotte su 903 uomini idonei normoglicemici di età compresa tra 30 e 70 anni. Un modello di malattia-morte è stato applicato per stimare le probabilità di tre fasi transizionali della normoglicemia → diabete, normoglicemia → pre-diabete e pre-diabete → diabete.

 

 

risultati

Nel corso di un follow-up mediano di 12 anni, lo 0,9% degli individui ha sviluppato il diabete. Per unità di aumento (ng / mL) nella concentrazione di testosterone, il tasso di transizione dalla normoglicemia al pre-diabete è diminuito del 6% [hazard ratio (HRs): 0,94 (intervallo di confidenza al 95% (CI): 0,90, 0,99)]. Tuttavia, non è stato osservato alcun effetto sul testosterone sulla progressione del diabete da normoglicemia o pre-diabete [HR: 0,79 (IC 95%: 0,44, 1,41) e 0,98 (IC 95%: 0,84, 1,16), rispettivamente]. L'alto indice di massa corporea era un forte predittore di iperglicemia in tutte le transizioni.

 

Discussione

Indipendentemente dai principali fattori confondenti, il basso livello di testosterone era associato con la progressione della normoglicemia al pre-diabete, ma non con il pre-diabete al diabete, che potrebbe evidenziare indirettamente l'impatto più forte di altri fattori di rischio dopo l'insorgenza del pre-diabete.

 

Conclusione

Le basse concentrazioni di testosterone negli uomini sono associate alla progressione dalla normoglicemia al pre-diabete, ma non dal pre-diabete al diabete.

 

Fonte:

https://doi.org/10.1111/andr.12568

Autore

andrea.militello
Dr. Andrea Militello Urologo, Andrologo, Sessuologo, Patologo della riproduzione

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1991 presso Università La Sapienza di Roma.
Iscritto all'Ordine dei Medici di Roma tesserino n° 43740.

0 commenti

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Vuoi ricevere aggiornamenti in Andrologia?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.