Da Berlino una interessante novità sulla Sclerosi Multipla

Dr. Mauro ColangeloData pubblicazione: 22 ottobre 2018

Nei giorni scorsi si è tenuto a Berlino il 34° Congresso del Comitato Europeo per il Trattamento e la Ricerca della Sclerosi Multipla (ECTRIMS) dove il Prof. Xavier Montalban, della University of Toronto, Ontario, Canada ha presentato i risultati di uno studio multi-centrico di fase 2 su un nuovo farmaco da cui emergono promettenti novità. Evobrutinib (prodotto dalla Merck Serono), farmaco a somministrazione orale, è il primo di una nuova classe di agenti che ha come target terapeutico i linfociti-B attraverso l’inibizione di una molecola chiamata tirosina-chinasi di Bruton (BTK), che traduce il segnale proveniente dal recettore sulla superficie dei linfociti B attivandone la loro attività patologica. Ai fini dell’intelligenza di questa importante acquisizione scientifica ritengo necessario soffermarmi brevemente su qualche nozione preliminare.

 

I linfociti sono globuli bianchi responsabili della risposta immunitaria e si differenziano in sottopopolazioni a seconda dell’antigene che si sviluppa sulla loro superficie di membrana (B, T, Helper, Suppressor, etc.). Nelle diverse fasi di maturazione dei linfociti B si formano le molecole CD (Cluster di Differenziazione) tra cui le CD20; questi linfociti B CD20+ sono presenti nel Sistema Nervoso Centrale dei pazienti affetti da SM, mentre sono totalmente assenti negli individui sani.

La SM è una delle più comuni malattie autoimmuni del SNC, in cui si assiste alla distruzione selettiva e coordinata della mielina che rende i neuroni incapaci di trasmettere efficacemente gli impulsi elettrici, e per lungo tempo si è ritenuto che questa malattia fosse mediata soprattutto dai linfociti T. Successivamente è stato evidenziato che i linfociti B sono una componente immunitaria necessaria nella patogenesi della SM, attraverso il rilascio di sostanze a carattere pro-infiammatorio (citochine), ed inoltre determinano la produzione di anticorpi responsabili della demielinizzazione.

Il nuovo farmaco Evobrutinib, come illustrato dal Prof. Martin Weber, dell’Istituto di Neuropatologia all’Università di Göttingen, Germania, agisce sui linfociti B senza la necessità di svuotarli, a differenza degli anticorpi anti-CD20 come ocrelizumab, talché ne blocca il ruolo patogenetico nella (SM), ed ha inoltre un effetto addizionale sui macrofagi, di cui è nota l'importanza nel mediare la neuro-infiammazione e la demielinizzazione.

Il fatto che questo farmaco abbia un meccanismo duale sia sulle cellule B che sui macrofagi rende particolarmente interessante questo nuovo approccio secondo il Dr. Jerry Wolinsky, della University of Texas Health Science Center a Houston (USA), il quale enfatizza che ciò che lo rende più interessante degli anticorpi anti-CD20 risiede nel fatto che la sua sospensione ripristina nel giro di pochi giorni la funzionalità dei linfociti B, cosa di notevole utilità per la prevenzione di complicanze quali le infezioni da germi opportunisti, che si realizzano quando si blocca la risposta immunitaria mediata dai linfociti B.

 

In questo studio sono stati inclusi 267 pazienti affetti da RRMS (SM Ricorrente Remittente) e SPMS (SM Secondariamente Progressiva) trattati random con tre differenti dosaggi giornalieri di evobrutinib (25, 75 o 150 mg) oppure con placebo o con 240 mg di dimetil-fumarato open-label. L’endpoint primario è stato fissato nella somma delle lesioni individuate con Risonanza Magnetica con gadolinio (T1 Gd+) a 12, 16, 20 e 24 settimane mentre l’endopoint secondario nella riduzione delle recidive annuali.

 

I risultati hanno mostrato che col dosaggio di 150 mg di evobrutinib si è ottenuto sia una riduzione numerica delle lesioni T2 che delle recidive, effetto non raggiunto con il dosaggio più basso che non ha mostrato sostanziali differenze rispetto al trattamento con placebo. Inoltre, come Montalban e Weber hanno puntualizzato, il trattamento è stato ben tollerato ed a nessuno dei tre dosaggi utilizzati è stata associata alcuna infezione “opportunistica” legata alla caduta dei linfociti. Questo nuovo approccio modula, in definitiva, la attivazione dei linfociti B inibendone l’auto-reattività senza bloccarne la capacità di contrastare i germi patogeni e presenta il grande vantaggio di una pronta reversibilità oltre il breve periodo di emivita del farmaco.

 

Autore

maurocolangelo
Dr. Mauro Colangelo Neurologo, Neurochirurgo

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1972 presso Università Napoli.
Iscritto all'Ordine dei Medici di Napoli tesserino n° 11151.

7 commenti

#1
Dr. Vincenzo Sidoti
Dr. Vincenzo Sidoti

Complimenti per la tua dotta e chiarissima recensione collega. Ero a Berlino e con molto intreresse ho assistito a queste lectures. Questo approccio nuovo, intelligente e reversibile, spero possa infuturo costituire un'arma potente con un buon equilibrio tra efficacy e safety,cosa che con mle nuove terapie tutti noi quotidianamente dobbiamo affrontare (infezioni, malingnancy etc..).

#2
Dr. Mauro Colangelo
Dr. Mauro Colangelo

Grazie Vincenzo, per il tuo gentile e graditissimo commento.
La via sembra buona....
Speriamo negli sviluppi dello studio in fase 3.
Cordialmente

#3
Ex utente
Ex utente

http://www.meteoweb.eu/2015/03/medicina-nuove-scoperte-ricerca-sclerosi-multipla/420775/

Buongiorno Dr. Mauro Colangelo, mi auguro una Sua riflessione su certe probabili realtà riscontrate studiando le cause della Sclerosi Multipla.
L'articolo da me inviato indica che, nelle Persone con SM si riscontrano alti livelli della proteina Endotelina1 la quale è secreta dalle cellule dell'endotelio.
Possiamo capire che, considerando la Endotelina1 un Biomarcatore delle Vasocostrizioni, si può accertare la seguente possibile verità: le lesioni mieliniche che impediscono la trasmissione degli Impulsi Elettrici negli Assoni, sono proprio causate dalla restrizione dei vasi sanguigni (Vasocostrizioni) le quali si verificano principalmente a causa della RIDOTTA Pressione Parziale di Ossigeno Disciolto Paramagnetico (pO2 arteriosa) il quale è indispensabile, insieme agli Elettroliti, le Membrane Cellulari Polarizzate, e l'Idrogeno (anche questi atomi sono presenti nel sangue) per consentire la Generazione dei Potenziali d'Azione, i quali si chiamano anche Impulsi Elettrici che determinano tutte le Attività Cerebrali, Cardiache, e Muscolari.
Per questo motivo nella Sclerosi Multipla e in altre malattie neurodegenerative, si riscontra la Neuroinfiammazione la quale, a mio parere, è causata dalle Vasocostrizioni Cerebrali.
Dr. Colangelo, Le chiedo il consenso per un a domanda: ai Pazienti con la Sclerosi Multipla si richiede la Emogasanalisi per controllare i livelli della pO2 arteriosa?
Molto probabilmente tutti i Pazienti con SM hanno la pressione parziale di ossigeno (pO2) molto ridotta rispetto alla norma.
Grazie, Dottor Mauro Colangelo, perché ho la possibilità di scrivere quello che penso di aver capito svolgendo la ricerca sulle cause della malattie degenerative.
Pino Fronzi

#4
Specialista deceduto
Dr. Giovanni Migliaccio

Caro Mauro,
anche i miei complimenti per l'importante informazione scientifica di promettenti studi sulla SM.
Peccato che ogni tuo interessantissimo articolo debba essere inquinato dal signor Fronzi che, a prescindere dal non aver alcun titolo per parlare di Medicina, presume di affrontare problematiche molto serie con argomenti di nessun valore scientifico e che non fanno altro che confondere il lettore non esperto.

Una buona giornata

#5
Ex utente
Ex utente

Ringrazio il Dr. Mauro Colangelo, per non aver cancellato il mio commento.

#6
Dr. Mauro Colangelo
Dr. Mauro Colangelo

Sig. Fronzi,
non ho cancellato il suo commento per non infierire su di Lei perché rispetto la libertà di pensiero e la reputo in buona fede, ma il mio esimio collega ed amico Migliaccio ha ragione nel dire che Lei con le sue inconsistenti quanto surrettizie argomentazioni rischia di inquinare il significato di una corretta divulgazione scientifica, che è la mission di questo sito, cui mi onoro di collaborare. Pertanto, La diffido nei miei prossimi articoli dall'intervenire reiterando la consueta esposizione della sua personale teoria sventolata come inammissibile panacea così come dal replicare a questo mio commento.
La saluto e La ringrazio per la sensibilità di cui spero vorrà darmi segno.

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Guarda anche sclerosi multipla 

Vuoi ricevere aggiornamenti in Neurologia?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio

Contenuti correlati