Perché la visita specialistica privata non deve essere gratuita

Il Chirurgo Plastico quando esegue una prima visita finalizzata ad un intervento di chirurgia estetica, ha bisogno di tempo: per ascoltare il paziente, per osservarlo e visitarlo, per pensare e riflettere. Tutto ciò offre una qualità superiore all’atto medico che comprende la raccolta completa dell’anamnesi, la visita approfondita, il progetto adeguato del trattamento, l’informazione completa ed esaustiva sul trattamento proposto, sulle possibili alternative, sulla convalescenza, sugli esiti e possibili complicanze,  ed altro.
La disponibilità di tempo consente al paziente di porre ogni domanda utile per approfondimenti e chiarimenti per arrivare alla decisione chirurgica con la giusta informazione e consapevolezza.

Inoltre, il Chirurgo Plastico, non guadagnando esclusivamente sul trattamento, è libero di fornire un parere davvero neutrale, “spassionato”, imparziale ed onesto, correndo magari anche il rischio di sentirsi rifiutato un trattamento che lo specialista non ritiene sicuro od efficace.

Il Medico che visita gratuitamente, di contro, guadagna solo se il paziente decide si subire un trattamento e potrebbe per questo essere spinto ad invogliarlo a sottoporsi ad un intervento senza esporre esaurientemente i limiti e le possibili complicanze.