Finalmente anche in Italia é possibile sottoporsi ad un trattamento con il nuovissimo laser della Ellex 2RT per guarire dalla Degenerazione Maculare Senile (DMS o AMD) di Tipo Secco e rimuovere le drusen retiniche.

carlo.orione_The_Wonder_Treatment_2RT

 

CHE COS'E' LA AMD?

La AMD é una patologia tipica dell'invecchiamento che colpisce l'8% della popolazione sopra i 55 anni ed il 30% dopo i 75 anni.

Si stima che ogni anno, in Italia, si verifichino circa 63 mila nuovi casi di degenerazione maculare legata all’età.

carlo.orione_macular_degeneration

 

In un occhio giovane, la membrana che delimita la retina chiamata membrana di Bruch (MB), é permeabile e rimuove i detriti che vi si accumulano.

carlo.orione_bruch

 

Con l'avanzare degli anni la permeabilitá di questa membrana si riduce del 50% giá a 40 anni e ad 80 anni é quasi scomparsa.

La sclerosi dei vasi coroideali, l’accumulo di lipidi nella MB e le alterazioni del metabolismo dell'EPR rendono difficoltoso il normale passaggio di ossigeno e nutrienti dalla coroide alla retina. Nello stesso tempo i detriti prodotti dai fotorecettori, che normalmente vengono metabolizzati ed eliminati dall'EPR, si accumulano a formare dei depositi (DRUSEN) che, confluendo sulla macula, portano a cecitá.

 

carlo.orione_essudati_drusen

 

Se ne distinguono due forme: la forma umida o essudativa (Wet AMD), più rara (colpisce il 10-15% dei pazienti) e la forma secca o atrofica (Dry AMD)più diffusa, che può mutare in forma umida.

 

carlo.orione_progression_amd

 

La forma umida é caratterizzata dalla formazione di neovasi sottoretinici anomali dalla parete molto fragile e permeabile che provocano la comparsa di fluido sottoretinico con edema maculare, distacchi dell’EPR e, a volte, ad emorragie retiniche. La progressione di questa forma è molto più rapida della forma non neovascolare e comporta la formazione di una cicatrice che rimpiazza l’epitelio pigmentato, i fotorecettori e la coroide della retina centrale.

carlo.orione_wet-amd

La forma secca è la più frequente ed è caratterizzata da un assottigliamento progressivo della retina centrale che si atrofizza, determinando la formazione di una lesione in sede maculare con un aspetto detto a carta geografica.

Questa forma mostra la presenza di drusen, depositi di materiale ialino derivato da un alterato metabolismo delle cellule dei fotorecettori, secondario ad alterazioni dell’EPR, e ad un ispessimento della membrana di Bruch.

 

 

carlo.orione_dry_amd

 

Se ne descrivono due tipi:

Hard drusen, piccole, rotonde e ben delineate e le Soft drusen, più larghe e mal delimitate.

 

COME SI CURA?

Mentre per la forma Umida, vi sono vari farmaci detti Anti Vegf che iniettati dentro l'occhio ne fermano o rallentano l'evoluzione, per la forma Atrofica o Secca, sino ad oggi, non si era ancora trovata una cura efficace e si assisteva, impotenti, alla rapida evoluzione in cecitá.

Il nuovo laser 2RT si é dimostrato capace di indurre una risposta di guarigione naturale e biologica della retina inducendo un vero e proprio Ringiovanimento Retinico.

Questo laser freddo, a nanosecondi, non danneggia i fotorecettori della retina, i coni ed i bastoncelli, ma agisce solo all'interno dell'EPR.

 

carlo.orione_laser_nanosecondi_fotorecettori

 

Il raggio laser provoca la formazione di microbolle intorno ai melanosomi, le cellule deputate all'accumulo di melanina, queste si espandono e si fondono causando un danno intracellulare solamente delle cellule colpite, senza danneggiare quelle adiacenti.

 

carlo.orione_2RT-treatment_image_max_1

 

Questo processo induce una migrazione ed una proliferazione delle cellule sane nello spazio lasciato libero da quelle morte stimolando una divisione cellulare che migliora la permeabilitá della MB e ne ripristina il trasporto di liquidi.

 

carlo.orione_310165-laser-therapy-trial

 

In molti pazienti é risultato sufficiente un solo trattamento ambulatoriale, indolore, che dura circa 15 minuti, in altri é stato ripetuto dopo 6 mesi per ottenere una ulteriore regressione della patologia.

 

carlo.orione_2RT_AMD_graph

 

Il miglioramento funzionale si ottiene tra i 3 ed i 6 mesi mentre la diminuzione delle drusen é progressiva e continua per almeno un anno.

I migliori risultati si hanno quanto piú precocemente viene praticato il laser.

 

carlo.orione_2RT_drusen

 

Il laser, oltretutto, si é dimostrato utile anche per rallentare l'insorgere delle recidive dopo iniezione di anti Vegf nelle forme umide.

 

carlo.orione_iniezione_intravitreale

 

Migliorando la permeabilitá della Membrana di Bruch, inoltre, questo laser é indicato anche nel ridurre significativamente l'edema maculare nella Retinopatia Diabetica e nella Corioretinopatia Sierosa Centrale, senza danneggiare i fotorecettori retinici come succede con tutti gli altri laser che non sono freddi.

 

carlo.orione_ret_diabeticacarlo.orione_crsc_smallCRSC

 

Ho osservato personalmente, insieme a Matteo, gli ottimi risultati ottenuti presso l'OMC di Amsterdam dai cordialissimi colleghi Bouke Hora Adema, Rob Hylkema e Margriet Looman-Hooft che mi hanno confermato come questo laser sia rivoluzionario e che, in prospettiva, potrá essere utilizzato anche per altre patologie retiniche.

 

carlo.orione_IMG_9151 

 

In questo Centro hanno iniziato ad effettuare qualche trattamento anche per la Retinopatia Pigmentosa ed i risultati sono molto incoraggianti.

 

Il primo, e per ora unico, laser installato in Italia, é disponibile dal mese di marzo 2015

presso lo Studio Oculistico Orione a Nizza Monferrato, telefono 0141.721.427

 

Clicca su questo LINK per vedere un video esplicativo della metodica:

http://orioneye.com/2rt-retinal-rejuvenation-video/

 

Per ulteriori informazioni sulla Degenerazione Maculare Senile:

http://www.medicitalia.it/minforma/oculistica/2143-degenerazione-maculare-senile-nuovo-approccio-terapeutico-laser.html?refresh_ce