"L'erotismo è una sottile magia. È un luogo indistinto, fra spirito e sensi,
in cui l'emozione si confonde con la tentazione"

L'erotismo a Pompei (1999) Varone

Il calo del desiderio è il triste destino delle coppie longeve? A quanto pare sì!

Sembra infatti che il desiderio sessuale sia inversamente proporzionale agli anni che passano: dal sacro fuoco della passione - che caratterizza i primi anni del legame - le coppie transitano e per di più non troppo lentamente, al declino del desiderio sessuale, fino ad arrivare spesso alla sua totale estinzione.

"Sex tape", film in uscita al cinema proprio in questi giorni, con la bellissima Cameron Diaz, racconta le strategie "salva desiderio" adottate da una coppia un po' annoiata sotto le lenzuola.
La coppia infatti, dopo lunghi anni di silenzio dei sensi, per ravvivare il talamo sopito e per paura di perdere il coniuge, decide di fare entrare in camera da letto lo smartphone e la telecamera al fine di riprendere le loro stravaganze amatorie.
La fortuna non li assiste e per una serie di peripezie, finiscono in rete...o meglio nella rete dell'assenza di riservatezza.

Quali sono le motivazioni che spingono le coppie a riprendersi sotto le lenzuola?

  • Noia?
  • Necessità?
  • Strategie afrodisiache?
  • La ricerca di emozioni forti?
  • Un trofeo narcisistico da conservare?
  • Fa veramente bene all'erotismo ed all'amore?
  • L'intimità necessita di riservatezza o di essere monitorata, mostrata e contemplata?

 Le generazioni digitali, sono abituate ad adoperare foto e video e probabilmente estendere il loro utilizzo alla camera da letto è quasi un percorso obbligato del loro modo di amare.

La foto è una sostituzione del datato messaggio audace e piccante, è più immediata e cattura la vista, organo di senso per eccellenza soprattutto nell'uomo.
È una nuova forma di comunicazione, un linguaggio visivo ad alto impatto erotico.

Il discorso cambia per le "coppie pre-digitali" che avevano fatto del pudore e della riservatezza un loro stile di vita, si ritrovano - talvolta maldestramente - ad utilizzare i video nel tentativo di ravvivare la pregressa passione.

  • E se la coppia, che coppia non è più, decidesse di adoperare il video della loro trascorsa intimità, per vendetta o ricatto?
  • Quali rischi?
  • Esibizionismo?
  • Voyeurismo?
  • Un po' l'uno ed un po' l'altro?
  • L'eccitazione è frutto della recita a copione davanti la telecamera e dalla possibilità di rivedersi dopo?
  • Quali sensazioni provate?
  • Delusione?
  • Disagio?
  • Un piccante ricordo da conservare nel cassetto della memoria?
  • Picco del desiderio sessuale?
  • Qualità sensoriale o performance sessuale?
  • Sessualità recitata, ripresa, agita...o vissuta e sentita?

 

La dimensione del “ricatto postumo” é quello che accade nel film e spesso anche nella realtà (Belen è stata una delle tante vittime di amanti traditi ed abbandonati), nell'epoca di internet il pericolo è sempre in agguato e forse un pò di accortezza in più sarebbe utile per evitare guai e complicanze diplomatiche.

Qualche nota clinica su eros e desiderio

L'Eros è figlio del desiderio.
Ma cosa significa “desiderare sessualmente”?

Significa anticipare mentalmente l'amato/a, anticipare ed accarezzare con la fantasia un incontro, un bacio, quella determinata intimità che in passato ci ha scaldato il cuore.

Quali caratteristiche dovrebbe avere la coppia “desiderante”?

Nell'eros, il desiderio può contenere entrambe le dimensioni: quella sessuale e quella affettiva, ma entrambi possono essere presenti nel legame anche in maniera disgiunta.

Quando è presente solo la sessualità, senza l'affettività, il rapporto sessuale sarà scisso da quest’ultima, verrà infatti ricercato soltanto il piacere genitalico e ludico, con il cuore sotto chiave.
Quando invece è presente solo l'affettività senza la sessualità - quindi anche in questo caso è presente una scissione - il desiderio esprime solo un bisogno di rassicurazione e di presenza dell'altro.

In questo caso, l'eros, le fantasie, il repertorio correlato all'immaginario, trovano poco spazio ed alla lunga l'eccitazione langue.
La disamina competente ed approfondita della coppia, ci consentirà di comprendere da quali dinamiche inconsce è regolamentata e soprattutto ci indicherà quale possibile percorso psico-sessuologico potrà intraprendere per far resuscitare il desiderio sessuale.

Il desiderio sessuale dimora nell'attesa e nella distanza.

Il tempo e lo spazio sono due variabili determinanti per mantenere vivido il sacro fuoco della passione: quando l'altro ancora non è presente, si anticipa l'incontro nelle pieghe dell'immaginario, miscelando passato - vissuto - e presente - ancora da vivere.

 

Qual è il limite tra eros, gioco e complicanza orizzontale?

Probabilmente il limite è veramente sottile e forse la "percezione del rischio del dopo", che serpeggia tra le lenzuola, funge da amplificatore emozionale ed innalza la colonnina dell'erotismo verso l'alto.
La dimensione ludica della sessualità - video amatoriali inclusi - dovrebbe essere un diversivo passeggero - ed aggiungo per coppie rodate e fidate - nel caso in cui diventasse invece l'unica forma di appagamento sessuale e soprattutto “relazionale”, la coppia annoiata, dovrebbe cercare le cause del loro calo del desiderio sessuale “dentro la coppia” e non adoperare “altro” da loro per sanare altre lacune.

L'utilizzo di possibili giochi sotto le lenzuola, per curiosità o come antidoto alla noia, possono rendere la coppia complice ed alleata, ma allo stesso tempo provata e destabilizzata.
La dimensione della trasgressione può sicuramente essere un valido ausilio, quando sono ancora presenti amore, empatia, stima e fiducia, elementi centrali per possibili sperimentazioni sessuali ed  emozionali.

 

 

Aggiungo qualche lettura sul complesso e sfaccettato tema del desiderio sessuale.