Il consumo di noci sembra rallentare la crescita del tumore della prostata, ed ha effetti benefici su molti geni  deputati al controllo di questa forma di cancro.

E’ questo uno studio, presentato da Paul Davis dell’Università della California, che ha dimostrato,  in cavie geneticamente modificate per sviluppare il tumore alla prostata, come 70  grammi di noci al giorno mantengono sotto controllo il tumore e dopo 18 settimane la crescita del tumore risulta minore del 30-40 per cento rispetto al gruppo di controllo

Altra sostanza che ha suscitato un certo interesse, in quest’ultimo anno appena trascorso, è il caffè, da sempre al centro di un dibattito molto partecipato tra coloro che ne evidenziano i possibili effetti salutari, e chi invece ne evidenzia soprattutto gli effetti nocivi.

Secondo  un recente studio infatti sembra che i forti consumatori di caffè hanno un rischio inferiore del 60% di avere un tumore “aggressivo” della prostata, rispetto a chi non consuma questa bevanda.

Questo risultato proviene da uno studio, realizzato presso la Harvard Medical School, che per giungere a queste conclusioni ha studiato un campione di 50.000 uomini seguiti, ogni 4 anni, dal 1986 al 2006.

Si è visto che il “beneficio anti-tumorale” è presente anche nei consumatori di caffè decaffeinato e quindi la caffeina non è chiamata in causa come elemento significativo ma, benché i ricercatori non sappiano ancora a cosa attribuire tale fattore positivo, si pensa che la protezione antitumorale sia dovuta al fatto che il caffè contiene molti composti biologicamente attivi, tra i quali minerali e fattori antiossidanti.

Del resto un altro dato significativo, emerso sempre nel 2010 , è che prestando attenzione a ciò che si mangia ogni giorno è possibile prevenire fino al 66,7% i casi di cancro.

In quest'ottica durante la Settimana Nazionale di prevenzione del tumore alla prostata, svoltasi nel mese di marzo, è stata suggerita la cosiddetta “Dieta Salva-Prostata“ e cioè: 600 grammi di frutta e verdura ogni giorno; 200 ml di succo di melograno; 600 ml di tè verde; pomodori e melone (ricchi di licopene, prezioso ed importante antiossidante), aglio, verdure a foglia verde, legumi, cereali integrali, pochi zuccheri e grassi e tanta, tanta acqua.

Altre notizie su queste tematiche si possono trovare anche nell’articolo, sempre pubblicato sul nostro sito, visibile all'indirizzo:

 http://www.medicitalia.it/minforma/urologia/200-malattie-prostata-stili-vita-prevenzione-nuove-indagini.html .