Utente 127XXX
Gentili dottori sono un ragazzo di 24 anni 1.80m x 88kg fumatore (15 sigarette al gg) e normale bevitore di caffè (non piu di due al giorno), vi scrivo perchè non capisco cosa mi stia succedendo.
Da 2 anni ormai soffro di stanchezza cronica (mi stanco a fare le scale fino al terzo piano) che pero' si alterna a brevi periodi di benessere assoluto.
Ho eseguito ECG ed ECOCARDIO entrambi negativi se non per un trascurabile rigurgito mitralico (F.E. 72%).
All'inizio pensavo si trattasse semplicemente di pigrizia, poi pero' da qualche mese soffro di palpitazioni intermittenti e spiacevoli, ovvero mi provocano una sensazione di disagio pazzesca. Non riesco a muovermi, mi sento distrutto fisicamente,irrequieto, cuore in gola e sensazione di "un'extrasistole infinita". Inizialmente addebitavo il tutto al Reflusso gastroesofageo di cui soffro, ma può il reflusso dare una sensazione così brutta?
Solitamente questi episodi durano una 20ina di minuti e poi scompaiono, ma l'altra sera è durato un ora e mezza, tanto che sono arrivato a pensare di andare al prontosoccorso ma non riuscivo a quasi a muovermi.
Ho tenuto la FC e la PA costante durante la "crisi"

1° misurazione 109 battiti al minuto pressione 120/68
2° misurazione 95 battiti pressione 117/75


a 30 minuti dalla fine dell' "attacco" (mi sentivo molto meglio):

78 battiti al minuto pressione 119/78.

Altri sintomi: nausea e capogiri.

Grazie mille per l'aiuto.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Massimo Tidu
36% attività
12% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Gentile utente:
I sintomi che lei descrive possono essere dovuti ad una extrasistolia marcata e per tale ragione potrebbe essere utile una valutazione cardiologica anche per valutare ulteriori accertamenti quli per esempio l'eecuzione di un Holter.
A disposizione per ulteriori consulti