Utente 129XXX
buongiorno dottore,
da alcuni mesi sono afflitto da una densa salivazione che si appoggia all'interno della bocca e che mi costringe ad una continua "raschiatura" che effettuo con la lingua in modo continuo.
Avevo già avuto questo problema nel passato e si è ripresentato ad inizio anno in concomitanza a delle cure canalari per un dente dolorante, dopo diversi antidolorifeci.
Ho effettuato una gastroscopia e l'esito parla di gastrite cronica e ernia iatale. Sono attualmente in cura con lucen 20 da due mesi ma la situazione non è cambiata. Non ho mal di stomaco e non soffro di reflusso gastrico.
Alla notte non ho nessun problema ma di giorno è continuo.
E' un disturbo che, come può ben immaginare, condiziona gran parte della giornata.
Il mio dentista ipotizza una leucoplachia e mi ha consigliato sciacqui con cortiflural, sono 4 giorni che li faccio ma nulla.
Grazie per la disponibilita.

[#1] dopo  
Dr. Marco Finotti

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
4% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2006
se si pensa ad una leucoplachia vuol dire che ci sono delle modifiche della mucosa del cavo orale che giustificano questa diagnosi, ma comunque la leucoplachia non provoca normalmente alterazione della secrezione salivare
i colluttori se usati regolarmente od in eccesso, che non è comunque il suo caso invece possono provocare disturbi della salivazione
provi a bere molto
la secrezione di altre ghiandole, es lacrimali è nella norma?
cordiali saluti
Finotti Marco
www.implantologiaitalia.com
www.centromedicovesalio.it

[#2] dopo  
Dr. Alessandro Cappelli

44% attività
0% attualità
20% socialità
ASCOLI PICENO (AP)
AMANDOLA (FM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2009
la leucoplachia e' una lesione biancastra della mucosa che non puo' essere asportata ne' con una garza ne tantomeno con la lingua.
Se fosse veramente una leucoplachia che e' una corneificazione( inspessimento) dello strato piu' superficiale della mucosa non saranno certo i colluttorti a farla regredire.
Va' ten uta sotto controllo e se non passa va' fatta una biopsia perche' ( anche se remoto) ci puo' essere un piccolo rischio di degenerazione . (lei fuma? Beve alcoolici?)
Se invece si tratta di accumuli di saliva densa che lei avverte e che puo' facilmente asportare puo' trattarsi dei segni di una disidratazione ( quindi correttamente il collega le ha chiesto se ha anche secchezza delle congiuntive e della bocca e delle altre mucose).
In ogni caso provi a bere abbondantemente , ( almeno due litri di acqua al giorno) e veda se il problema si risolve e se la saliva yortna ad essere piu' fluida.
Saluti
Dr. Alessandro Cappelli
Medico Odontoiatra- Master in Chirurgia Orale e implantologia avanzata
www.studiodontoiatricocappelli.it
www.drcappelli.it

[#3] dopo  
Utente 129XXX

la salivazione, non so come definirla, è simile al catarro e permane di continuo nella bocca, il colluttorio lo usavo solo al mattino e da un pò non lo stò usando perchè avevo la sensazione che lo facesse aumentare.
Si, io fumo ma non bevo alcolici.
C'e una macchia, non delimitata ma tipo alone lievemente più chiara nella sacca gengivale.
grazie, cordiali saluti