Utente 135XXX
Gentili Dottori,
Vorrei rivolgervi alcune domande riguardanti mio padre;
E' stato sottoposto nell'Agosto scorso all'intervento chirurgico di PROSTATECTOMIA RADICALE e LINFADENECTOMIA ILIACO OTTURATORIA BILATERALE per ETROPLASIA PROSTATICA. Ha portato il catetere per circa due mesi e ora soffre di incontinenza.
Volevamo sapere se è possibile guarire e se è necessario fare riabilitazione. Se si, a Chi possiamo rivolgerci? E' possibile fare riabilitazione "da soli"? Come?
Rengraziamo anticipatamente per la disponibilità.
Distinti saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Cara signora,
veramente tali cose avrebbe dovuto dirgliele il collega che ha operato il babbo, non per scaricarla, ma per stimolarla a parlarne col collega. Anzitutto bisogna distingure fra incontinenza vera (post-chirurgia) e falsa (da infiammazione vescicale residua). Tale ddifferenza si fa sulla base di un banale esame urine. Bisogna inoltre valutare se tale incontinenza aumenta con lo sforzo fisico oppure no. Pertanto un consiglio è quello di sentire il suo chirurgo e di non tentare nulla da soli. E intanto dica al babbo di allenarsi a cercare di bloccare il flusso urinario quando urina.