Utente 137XXX
Gentili Signori,
data la prima esperienza molto traumatizzante, sto prendendo in considerazione di avvalermi dell'analgesia epidurale per un'eventuale nuova gravidanza.
Però, cercando informazioni sul web, mi sono imbattuta in notizie contrastanti: c'è chi reputa l'epidurale estremamente dannosa per madre e figlio (segnalo i siti www.epidurale.it e www.catpress.com/verenaschmid/undici.htm) e c'è chi al contrario parla dell'epidurale come di un valido aiuto alla donna durante il travaglio/parto.
Ho notato che di solito i detrattori di questa tecnica non sono quasi mai medici anestesisti, ma bensì ostetrici.
Secondo voi i siti che ho segnalato sono da prendere in considerazione o contengono inesattezze?
Vi ringrazio per le gentili risposte!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Anna Maria Martin
36% attività
20% attualità
20% socialità
()
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Gentile utente, non sono riuscita, forse per problemi tecnici , a leggere il contenuto del secondo sito che lei ci indica, comunque il primo dice essenzialmente una cosa giusta quando afferma che si deve fare una scelta consapevole dopo corretta informazione. Qualsiasi atto medico, tanto più qualsiasi procedura anestesiologica, non è "mai" completamente priva di rischi. Il sito ne fà un elenco drammatico ed è evidente che chi scrive è contrario per principio: l'affermazione che se non si partorisce soffrendo non si sviluppa un corretto rapporto madre -figlio ed aumentano le depressioni mi ha lasciato stupefatta e sarei curiosissima di sapere cosa ne pensano i collechi di Psichiatria e/o Psicologia.
Comunque gentile utente la metodica in questione è molto usata e non per motivi commerciali, molte donne partoriscono così senza problemi e amano moltissimo i loro figli, i problemi possono insorgere, è vero, ma in mani esperte questi sono piuttosto rari. Se decide per il si, scelga un Centro che abbia una grossa casistica di analgesia per i parti nella sua città e stia tranquilla. Un saluto
[#2] dopo  
Dr. Stelio Alvino
44% attività
16% attualità
20% socialità
MONTEPULCIANO (SI)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2008
.....Eh! L'eterna diatriba! Non mi stupisce che abbia trovato questo tipo di notizie perchè nel nostro paese c'è ancora la mentalità che il parto sia a totale gestione ostetrica quando non cesareo, quindi medicalizzato.
Ma invece questa tecnica da diversi anni garantisce, quando ben fatta, un'ottima analgesia e comfort per la gestante in travaglio. Certo la cosa migliore sarebbe poter fare la partoanalgesia soprattutto al primo parto giacchè è prevedibile che il travaglio sia molto più lungo per la primipara, ciò non toglie che lo si possa fare anche nei successivi.
Si è anche potuto dimostrare che il miglior comfort della mamma e quindi il minor stress limita fortemente l'increzione catecolaminica materna a tutto vantaggio del circolo fetale e dell'ossigenazione del feto.
Quindi anche il bimbo ne trae vantaggio.
Però, fondamentale deve essere che la prestazione sia erogata in una struttura dove esista un servizio di partoanalgesia con una discreta esperienza e dove l'assistenza anestesiologica, una volta inserito il catetere e dato avvio all'analgesia , sia garantita fino al secondamento placentare. Quindi ci si deve assicurare che l'ospedale dove si andrà a partorire abbia questa possibilità (la realtà italiana è troppo a "macchia di leopardo" al momento con zone ancora molto carenti).
Se questa possibilità esiste nel suo ospedale sicuramente in prossimità della data del parto sarà invitata ad un colloquio con l'Anestesista che valuterà attraveso una visita medica e il controllo di dati di laboratorio la reale fattibilità della prestazione. La invito pertanto a prendere contatto con il Servizio di Anestesia del suo ospedale per avere maggiori informazioni sulle loro procedure.
Lei ha già provato sulla sua pelle cosa vuol dire partorire magari se le capiterà di fare una partoanalgesia potra riscriverci per raccontarci la sua esperienza e che differenze (in meglio o in peggio) ha riscontrato...
Cordiali saluti
[#3] dopo  
Utente 137XXX

Iscritto dal 2009
Vi ringrazio per le risposte! Farò di certo come mi avete consigliato!
Cordiali saluti
[#4] dopo  
Utente 137XXX

Iscritto dal 2009
Scusatemi, ho solo un'ultima domanda: i farmaci che vengono iniettati, possono arrivare anche al bambino?
Grazie ancora!
[#5] dopo  
Dr.ssa Roberta Zara
16% attività
0% attualità
0% socialità
CAGLIARI (CA)
Rank MI+ 16
Iscritto dal 2008
gentile signora, i farmaci utilizzati per l'analgesia non arrivano in alcun modo al bambino! Naturalmente volevo rassicurarLa, nel mio Centro l'analgesia è un Servizio presente 24ore su 24 ed è totalmente gratuito. Finora ho visto solo benefici su madre e su bambino che si godono il postnascita senza l'accumulo degli ormoni dello stress di un travaglio spontaneo o addirittura indotto. Essendo comunque una procedura medica non è esente da rischi e di insuccessi. Ma come consigliato dai Colleghi faccia un colloquio con gli anestesisti del Centro a cui vorrebbe rivolgersi...si chiarirà tutto.
[#6] dopo  
Utente 137XXX

Iscritto dal 2009
Grazie della risposta!
Sicuramente chiederò un colloquio con l'anestesista per avere chiarimenti più precisi. Certo è che in rete circola davvero molta cattiva informazione, e quel che è peggio è che questa disinformazione viene fatta da chi non ha neanche il titolo per farla (ad es. ostetriche che parlano di anestesia...).
Vi ringrazio nuovamente.
Cordiali saluti
[#7] dopo  
Dr. Stelio Alvino
44% attività
16% attualità
20% socialità
MONTEPULCIANO (SI)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2008
E che ci vuole fare cara Signora, Internet ha aperto grandi orizzonti e dà grandi possibilità ma sta a noi poi fare una valutazione su più fronti e farci una idea finale che però non può mai limitarsi alla visione di un solo articolo. L'esperienza del "surfer" di rete in questo caso rende più facili le cose. Cercando cercando ci si fa anche l'occhio e si può valutare con più autonomia tutto quello che c'è in giro in rete di valido o meno. Comunque nel suo come in altri casi non può mancare ovviamente il diretto contatto " de visu" con lo specialista.
cari saluti