Utente 132XXX
Vorrei gentilmente sapere se potete darmi un consiglio sulla mia situazione:
HO 45 anni e mi hanno diagnosticato il 15 /08/09 la frattura scomposta del condilo mandibolare destro con sublussazione della relativa articolazione. L’operazione effettuata il 21/08/09 è stata la riduzione chiusa di frattura mandibolare/posizionamento di 4 viti e bri/bloccaggio rigido intermascellare
Blocco tenuto per 30 giorni fino al 22/09/09.
Sia alcuni di voi che il Primario che mi ha visitato a Sassari (da voi consigliato) ritenete che il bloccaggio sia stato eccessivo, ma una operazione adesso non sembra sia opportuna
Nel reparto maxillo facciale di Cagliari mi dicono che l’operazione effettuata è ben riuscita e mi porterà con una adeguata fisioterapia a riposizionare bene la dentatura che attualmente poggia prima sul lato della frattura.
Apro abbastanza bene la bocca , ma lo spostamento laterale a sx (la frattura è a dx) è scarsissimo.
Per accellerare il processo riabilitativo il chirurgo che mi ha operato ritiene sia utile l'utilizzo del Bionator mentre il mio dentista è scettico.
Voi cosa mi consigliate?

Vi ringrazio dell’attenzione e vi saluto cordialmente.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Antonio Maria Miotti
28% attività
0% attualità
12% socialità
UDINE (UD)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2004
Gent.mo Sig.re,
ogni mezzo riabilitativo (apparecchio funzionale come "Bionator" o altro, fisiochinesiterapia,...) può facilitarLe la ripresa funzionale, ma è necessario anche il suo apporto ed impegno.
Cordiali saluti