Utente 140XXX
buongiorno vorrei intanto ringraziare anticipatamente per chivolesse darmi un consiglio circa 2 mesi fa mi sono accorto di un nodino al collo e da un mese si è ingrossato molto e ho cominciato a sentire dolori... il mio medico di famiglia mi ha fatto subito eseguire d'urgenza un ecografia cute e tessuto sottocutaneo con la risposta:"sono esaminate la ragioni anteriori e laterali del collo. al terzo medio circa della catena linfonodale giugolare interna di destra, si riscontrano due linfonodi ingraossati ipoecogeni ovalari e con regolare disegno vascolare al campionamento ecocolordoppler-powerdoppler. il linfonodo maggiore ha diametro massimo di ciraca 2,4 cm. non evidenti altri linfoadenomegalie. ghiandole salivari sottomandibolari e tiroidea come di norma."
con l'esito sono andata a fare una visita d'urgenza (con consiglio del mio dottore di famiglia) in chirurgia per un eventuale asportazione.
il primario della chirurgia visitandomi solo toccando il collo e guardando l'ecografia mi ha iscritto nella lista del ricovero nel giro di due giorni ho fatto esami del sangue elettrocardiogramma raggi al torace e visita dall'anestesista e fra qualche giorno hanno fissato la data del ricovero e dell'operazione.
la mia domanda è ma come mai me li asportano di tutta fretta senza darmi tante spiegazioni e senza capire il perchè... l'operazione non deve essere l'ultima spiaggia e non prima togliere e poi vediamo il perchè? ho molti dubbi e paure mi potete dire se è normale questa prassi o è un eccesso di zelo che capita propria a me??? grazie anticipatamente
[#1] dopo  
Dr. Mario Manunta
28% attività
20% attualità
16% socialità
PALERMO (PA)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
Gentile Signore, di solito ci si lamenta per l'indolenza delle diagnosi e delle cure, e mi pare curioso che lei si stupisca invece del contrario.
La rapidità d'azione è fondamentale sempre e a maggior ragione in una situazione dove bisognerà fare diagnosi istologica. Infatti i linfonodi asportati saranno inviati ad un Anatomo Patologo, per la diagnosi di certezza, che prima dell'analisi non potrà essere possibile.
La prassi seguita è proprio quella a lei suggerita e non è un eccesso di zelo, ma un iter diagnostico dovuto.
Molto Cordialmente