Utente 136XXX
Gentili dottori ho effettuato degli esami ormonali per problemi che riguardano il desiderio sessuale e l'erezione.
TSH 1,2566 (0,35-4,94)
FSH 5,44 (1,38-9,58)
LH 2,50 (1,80-8,16)
Inibina B 76,5(*) (80-380)
SHGB 46,40 (11,2-78,1)
Prolattina 4,21 (2,64-13,13)
Testosterone 5,73 (2,80-11,00)
Testosterone libero 8,3(*) (8,9-42,5)
Devo portare il tutto dal dottore il 7 gennaio 2010, ma volevo sapere se questi risultati possono dare già un'indicazione circa il mio problema.
Vi ringrazio.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro lettore ,

le indagini da lei effettuate, senza avere avuto la possibilità di un riscontro di dati clinici presi in diretta, non ci dicono nulla da questa postazione.

Deve per forza sentire il suo andrologo di fiducia.

Un cordiale saluto.
[#2] dopo  
Utente 136XXX

Iscritto dal 2009
La ringrazio per la tempestiva risposta e le faccio i complimenti per tutte le informazioni avute leggendo (buona parte) dei suoi articoli.
E' chiaro che la risposta a queste problematiche vanno date direttamente dall'andrologo che mi visita, ma proprio per la sua vasta competenza, io volevo conoscere "solo" se un valore basso di inibina e di testosterone libero possono provocare una inadeguata risposta all'erezione o al desiderio sessuale.
Un cordiale saluto
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,

l'inibina ed il testosterone libero sono "fattori" che presentano ancora molti punti di "criticità" e sono appunto difficilmente interpretabili anche quando valutati in un contesto clinico noto e conosciuto in diretta.

Quello che possiamo dirle è che forse un ruolo nello spiegare il suo disturbo sessuale possa giocarlo il testosterone libero ma non lo prenda come dato sicuro!

Se desidera poi avere più informazioni dettagliate su questo tema, le consiglio di consultare, se non ancora fatto, anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=76066

Un cordiale saluto.