Utente 324XXX
Gentili dottori,

sono un padre di un ragazzo di 23 anni che qualche giorno fa ha scoperto, per via di alcuni strani atteggiamenti, che il figlio ha fatto uso di cocaina.
Dopo avere "indagato" su quali fossero le motivazioni che stavano alla base di questo comportamento ed averne discusso a lungo, mio figlio ha detto che ne ha fatto uso "solo" poche volte (2), che ha voluto solo "provarla" (influenzato da quelli che lui chiamava amici), che non l'assumerà più altre volte perché ha capito di avere fatto un grosso sbaglio. Ora ha deciso di mettere da parte gli amici, coi loro "consigli", e di impegnarsi nello studio, nel lavoro e nelle attività di volontariato che ha deciso di iniziare su mio consiglio.

Adesso sono un po' preoccupato, ho paura che l'aver fatto uso di quella droga potrebbe avergli causato qualche danno permanente. Che problemi potrebbe comportare l'assunzione di cocaina? Devo rivolgermi a qualche medico (non ne ho parlato col medico di famiglia perché è un nostro parente stretto)?

Poi ancora, mio figlio è socio AVIS, può donare sangue senza conseguenze per la persona a cui potrebbe essere donato il suo sangue?

Un'ultima domanda, per quanto tempo mio figlio risulterà ancora positivo ai vari test antidroga (sudore, capelli, sangue, saliva ecc.)? Fra poco tempo infatti dovrebbe effettuare delle visite per entrare nelle forze di polizia.

Vi rigrazio già da ora per le Vostre risposte, grazie
[#1] dopo  
Dr. Luigi Marino
56% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2004
Prenota una visita specialistica
gentile signore,
l'assunzione di un farmaco non solo si rileva dall'esame delle urine, e come dice lei del sudore, ma anche nei capelli e nei peli.
Non riesco a quantizzarle l'uso del prodotto in questione da parte del suo ragazzo, ma certamente avrà bisogno del supporto della famiglia e di un buon medico (psichiatra) che possa aiutarlo ad uscire serenamente e senza conseguenze dall'episodio di dipendenza del quale è stato vittima.
Gli stia vicino
in bocca al lupo
suo Doc