Utente 142XXX
Salve. Da quando avevo 10 anni soffro di dermatite seborroica sul cuoio capelluto. Fino ad un paio di anni fa alternavo periodi migliori a peggiori se non che la situazione si è deteriorata, oltre alla desquamazione, la cute si è arrossata e avendo un po' di prurito in certe zone fuoriesce insieme alle squame anche del sangue. Sono risultata allergica al nichel e quest'anno sono apparse macchie sul gomito, petto e schiena, ma meno rilevanti rispetto alla situazione del cuoio capelluto. Oltre alla dermatite e all'allergia al nichel mi è stata diagnosticata la psoriasi. Per il corpo sto utilizzando una pomata abbastanza valida mentre per la testa sto utilizzando un gel a base di calcipotriolo e in parte di betametasone. L'utilizzo di questo gel comporta il lavaggio della testa quotidianamente e nonostante questo non ho ottenuto per il momento grandi risultati, anzi anche i capelli sembrano aver perso un po' di tono. Prima di questa diagnosi utilizzavo una schiuma a base di cortisone e sinceramente era l'unico prodotto che mi offiva buoni risultati, ma mi hanno suggerito di sospendere. A questo punto sono a chiederVi è possibile diagnosticare seriamente la psoriasi senza effettuare qualche accertamento/analisi del sangue più approfondito in modo da prevenirne un eventuale formazione anche su altre parti del corpo o addirittura internamente? Inoltre estistono farmaci da assumere mediante ad esempio compresse per alleviare il problema o cure alternative ovviamente da effettuare sotto controllo medico? Ringraziando per una Vs cortese risposta cordiali saluti.
[#1] dopo  
Dr. Maurizio Biagioli
28% attività
0% attualità
12% socialità
SIENA (SI)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2009
gentile utente
mi sembra di intuire dal suo racconto che la sua condizione cutanea è sotto controllo dermatologico da tempo, pertanto le consiglio di rivolgere i quesiti al suo dermatologo, che ha sicuramente molti più elementi a disposizione per una risposta mirata. La psoriasi, se confermata, può richiedere trattenimenti più o meno intensi ed articolati in base al tipo, estensione e sintomatologia, a partire dalle terapie locali che sta già eseguendo fino ad arrivare all'utilizzazione di trattamenti sistemici con i farmaci "biologici". Ovviamente un indirizzo terapeutico specifico è compito esclusivo del dermatologo curante.
Cordiali saluti