Utente 143XXX
Grazie dottore per aver risposto alla mia richiesta, le invio i dettagli dei due spermiogrammi di mio marito.

1)Spermiogramma effettuato presso laboratorio analisi:

astinenza: gg4/ coagulazione: normale/ viscosità: legg. ridotta/ liquefazione a 30': completa/ volume 3,0/
colore: opalescente/ ph: 7,2/ Spermatozoi 0/ cellule rotonde: alcune/ leucociti: 800.000/ altro: qualche emazia/ motilità rap. progr.: 0/ motilità deb. progr.: 0
motilità in situ: 0/ spermatozoi immobili: 0/ permatozoi normali: 0/ varianti fisiologiche: 0/ spermatozoi immobili:0
CONCLUSIONI: presenti rarissimi spermatozoi immobili.
Esame colturale: negativo.

2)Spermiogramma effettuato presso l'andrologo:

astinenza: 5gg/ aspetto: opalescente/ coagulo nello sperma fresco: presente/ fluidificazione: completa in 20'
viscosità: normale/ volume: 4.0/ reazione ph: 8.0
Leucociti: 2-3 x c.m
I dati sulla motilità e sulla morfologia sono tutti 0 come nello spermiogramma precedente.
Conclusioni:nel campione centrifugato si osservano rarissimi nemaspermi (poche unità immobili totali)
Azoospermia
Esame su liquido seminale e urine dopo massaggio prostatico:ureoplasma(negativo su entrambi); micoplasma (negativo su entrambi); chlamydia (positivo su liquido seminale, negativo su urine).

Mi perdoni per essere stata eccessivamente prolissa, la ringrazio anticipatamente e le porgo cordiali saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Cara signora,
consiglio di congelare immediatamente quei pochi spermatozoi che si fa in fretta con valori tanto bassi a rimanere a piedi. Bisogna assolutamnente inquadrare con esami genetici ed ormonali nonche ecodoppler scrotale.
[#2] dopo  
Dr. Edoardo Pescatori
44% attività
12% attualità
20% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gentile signora,
rispondo alla sua mail, che mi era precedentemente sfuggita.
Concordo con quanto le segnala il Collega Cavallini (se non ricordo male l'ecodoppler lo aveva già eseguito).
Ciò detto, non me la sentirei di essere drastico sull'impossibilità di ICSI: nei casi in cui non vi siano spermatozoi utilizzabili con un campione spontaneo è possibile effettuare una ricerca chirurgica (TESE) o microchirurgica (Micro-TESE) all'interno del testicolo allo scopo di reperire spermatozoi da utilizzare in cicli ICSI.
A tal scopo le invio due link a due trattazioni specifiche all'interno di questo sito, una del Collega Beretta ed una mia, sull'argomento:
http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=68483,
e http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=19850.
Ci tenga informata sugli sviluppi.
[#3] dopo  
Utente 143XXX

Iscritto dal 2010
Gentile dottore le invio i risultati degli esami fatti da mio marito.

Esami ormonali:
prolattina 16,1 (2,5-17)
LH 6,04 (0,8-7,6)
testosterone 5,01 (3-10,6)
17B-estradiolo 30,62 (fino a 62)
FSH 12,3 (0,7-12,0)

Ecodoppler scrotale:
Entrambi i didimi sono in sede di normale volumetria.
Ecostruttura omogenea.
Linea vascolare ben visibile.
Epididimi nella norma.
Presenza a sinistra di ectasia del plesso pampiniforme che presenta lieve inversione di flusso alla manovra di Valsalva.
Assenza di varicocele a destra.
Presenza di modesto versamento endovaginale a destra.

Come le avevo già scritto il liquido seminale è risultato positivo alla clamidia, quindi (io penso) di non poter far nulla prima di aver finito la cura antibiotica. Non le sembrano eccessivi 2 mesi di antibiotici (4 cicli settimanali ribotrx 500 più 2 cpr di bassado al giorno per altri 30gg)
Infine, l'andrologo non ci ha prescritto nessuna analisi di tipo genetico e vuole effettuare una biopsia a scopo conoscitivo (siamo contrari entrambi).
alla luce di tutto quello le ho inviato, c'è la possibilità che questi spermatozoi possano sparire da un giorno all'altro, ci consiglia la tese o la microtese, è meglio che ci rechiamo all'estero con i risparmi che abbiamo, non vorrei perdere troppo tempo!!!!

Grazie per la sua infinita pazienza, la saluto cordialmente
[#4] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Cara lettrice ,

condividendo in pieno tutte le corrette considerazioni, fatte in precedenza dai colleghi Pescatori e Cavallini, come già le ho accennato in altro post bisogna terminare la cura, valutare gli esiti e procedere poi, se possibile, a crioconservazioni ripetute o recupero chirurgico degli spermatozoi e poi procedere ad una successiva ICSI.

In quest'ottica non si faccia fare nessuna biopsia testicolare che non sia mirata al recupero diretto di spermatozoi, per procedere su questa strada l'importante è consultare un andrologo esperto in patologia della riproduzione umana ed anche sul nostro suolo patrio non è difficili trovarli senza la necessità di ricorrere a strutture "straniere", non italiane.

Nel frattempo, come già detto, se desidera ancora avere informazioni più dettagliate sull’utilizzo delle tecniche di riproduzione assistita, le consiglio di consultare anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=87497

Un cordiale saluto.

[#5] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
al di la tutte le considerazioni dei colleghi sarebbe il caso di congelare, che con FSH lievemente sopra la norma il rischio di rimanere senza spermatozi nell' eiaculato è reale.
[#6] dopo  
Utente 143XXX

Iscritto dal 2010
Gent.mi Dottori

la prossima settimana mio marito effettuerà gli esami per il cariotipo, la fibrosi cistica e le microdelezioni del cromosoma y. Vorrei sapere se anch'io dovrei farne qualcuno e se l'assunzione del bassado, per la cura della clamidia, può interferire nel risultato.

Vi ringrazio per la puntualità delle vostre risposte.

Cordiali saluti.
[#7] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
no.
[#8] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Cara lettrice ,

con il collega Cavallini confermo due decisi NO!

Ancora un cordiale saluto.
[#9] dopo  
Utente 143XXX

Iscritto dal 2010
Gent.mi Dottori

vorrei chiedervi se ci sono delle concrete possibilità che il liquido seminale di mio marito possa migliorare dopo aver debellato la clamidia.
Un eventuale miglioramento potrebbe riguardare il numero degli spermatozoi, la loro motilità oppure entrambi?

Vi ringrazio per il prezioso servizio che offrite, augurandovi un buon fine settimana vi saluto cordialmente.
[#10] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Cara lettrice,

superato il problema infiammatorio, legato alla Chlamydia, si può pensare soprattutto ad un miglioramento della motilità degli spermatozoi di suo marito.

Un cordiale saluto.
[#11] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Non creddo che mi gliori in maniera significativa. Quell' FSH preclude ogni possibilità terapeutica efficace.