Utente 145XXX
Gentilissimi Dottori,
sono una donna di 45 anni, normopeso, non bevo e non ho mai fumato. Sono ipertesa già da alcuni anni, in terapia con Coaprovel 300 (attualmente mezza compressa). Molti anni fa ho scoperto di avere un lieve prolasso mitralico, asintomatico. Da poco tempo mi è stato diagnosticato un gozzo tiroideo (ho effettuato un ago aspirato) con esami tiroidei nella norma.
Avendo una sicura familiarità da parte paterna per malattie cardiovascolari e sentendomi negli ultimi tempi più affaticata del solito, ho voluto recentemente eseguire un controllo più approfondito della mia situazione cardiaca sottoponendomi ad una ecocolordopplergrafia cardiaca della quale Vi riporto testualmente il referto:
"Bulbo aortico di normali dimensioni (24.1 mm).
Atrio sinistro di normali dimensioni (27.6 mm).
Ventricolo destro di normali dimensioni (22.3 mm).
Ventricolo sinistro di normali dimensioni(40.1 ml/m2) con normale massa (54.2 gr/m2 vs vn<80 gr/m2) nella norma la funzione sisto-diastolica (FE 68%, onda E>onda A).
Lieve prolasso dei lembi valvolari mitralici con lieve insufficienza.
Moderata insufficienza tricuspidale con PAPs circa 17.7 mm Hg.
Flusso anterogrado aortico nella norma (GP 8.1 mm Hg).
Non shunt. Non alterazioni del pericardio.
Conclusioni: lieve prolasso dei lembi valvolari mitralici con lieve insufficienza. Moderata insufficienza tricuspidale."

Vi ringrazio anticipatamente del tempo che vorrete dedicarmi spiegandomi gentilmente se la mia situazione è preoccupante.
Saluti carissimi.




Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente,
l'esame ecocardiografico da lei riportato, non evidenzia problemi di natura ischemica e/o ipertensiva. Le lievi alterazioni evidenziate nelle conclusioni, sono minime e meritevoli solo di controlli a distanza (due-tre anni). Vista, tuttavia, la familiarità per patologie cardiache e la sua ipertensione, sarebbe necessario che lei si sottoponesse, almeno una volta l'anno, ad un test da sforzo.
Saluti
[#2] dopo  
Utente 145XXX

Iscritto dal 2010
Gentilissimo Dottore,
La ringrazio moltissimo per la celerità e soprattutto per avermi tranquillizzata.
Seguirò il suo consiglio.
Grazie ancora e buona giornata