Utente 130XXX
Salve,

ho 27 anni e mi è stato diagnosticato il lichen sclero atrofico al prepuzio; per ora lo scorrimento è regolare ma l'urologo mi prefigurava, tra qualche anno la la necessità di una circoncisione.

Vorrei sapere se invece c'è la possibilità di trattare il problema con terapia farmacologica e di risolverla in modo definitivo senza ricorrere alla circoncisione.

grazie

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Luigi Mocci
40% attività
4% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
Allora,
con buona pace degli ottimi colleghi urologi, la diagnosi e poi la terapia (perlomeno quella non chirurgica) è pane per i dermatologi. Sono sicuramente possibili varie opzioni terapeutiche prima di quella chirurgica, che è poi un terapia degli esiti del LSA.
Si rechi, senza porre tempo in mezzo ma con fiducia, da un buon dermatologo che vedrà che il suo problema può essere affrontato.
Un cordiale saluto

Mocci
[#2] dopo  
Utente 130XXX

Iscritto dal 2009
Innanzitutto la ringrazio per la pronta risposta.

Io avevo tarscurato il LSA per alcuni mesi (credevo che si trattasse solo di una forma di rimarginalizzazione, tipo un cheloide, conseguente ad alcuni piccoli tagli che mi ero procurato durante la masturbazione), comunque allo stato attuale si è formato un anello biancastro intorno al prepuzio, non ho nulla sul glande.

Mi recherò quanto prima da un dermatologo.

Per sua esperienza questa patologia si è mai risolta con la SOLA terapia farmacologica?

grazie,
Antonio
[#3] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentile utente,

le rispondo aggiungendo il mio parere personale in base alla esperienza clinica matuirata suiquesta patologia:

La risposta è si.

Ciò non toglie che prima di parlare di successi od insuccessi terapeutici bisogna capire di che tipo di lichen sclerosus (o scleroatrofico) si parli;

probabilmente le tornerà utile la lettura del personale articolo su questa patologia all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=83413

Ben sapendo che ad oggi sono possibili in molti casi, approcci chirugici dermatologici (mini-invaasivi ed ambuilatoriali) in grado di agire in modo selettivo e conservativo sull'apparato genitale.

carissimi saluti

Dott. LAINO, Roma
[#4] dopo  
Utente 130XXX

Iscritto dal 2009
Ringrazio entrambi per il contributo.

Credo che la mia situazione sia vicina a questa, presente al link offerto dal dott. Laino: http://www.latuapelle.org/images/site_blog_img/4/epsimg/Lichen%20scleroatrofico%20infiltrativo.jpg

ad ogni modo vedrò quanto prima un dermatologo, nella speranza che il mio caso si possa risolvere con una sola terapia farmacologica.

grazie, saluti