Utente 837XXX
Buongionro, da tempo ho l'unghia dell'alluce del piede sx affetta da quanto in oggetto, la sto curando ma per ora non ho risultati incoraggianti, per risolvere il problema mi è stata prospettata l'ipotesi di rimuove l'unghia chirurgicamente ma senza entrare nei dettagli, per questo vorrei alcuni chiarimenti.
Vorrei sapere se anzitutti quest'intervento viene fatto in day hospital e anestesia locale, quanto d'ura l'intervento e se ci sono rischi di infezione.
L'unghia viene completamente rimossa con quindi perdita di molto sangue oppure viene "grattata" al limite minimo lasciando sotto la pelle senza intaccare la carne del dito?

Attendo Vostri chiarimenti, tempi di guarigione e se l'intervento è sempre risolutivo al 100%. Grazie

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Biagioli
28% attività
0% attualità
12% socialità
SIENA (SI)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2009
Gentile utente
senza poter ovviamente entrare nel merito dell'indicazione alla chirurgia, mi limito a descrivere come eseguo nella mia pratica professionale l'intervento di onicectomia.
L'intervento è ambulatoriale e dura 5 minuti (a parte l'attesa affinchè l'anestesia locale sia efficace)
Disinfezione del dito e della cute circostante.
Anestesia con anestetico locale iniettato bilateralmente alla base del dito (2-3 cc per lato) con ago 30G (sottile)
Attesa di circa 15 minuti per ottenere una totale insensibilità della parte (con questa anestesia si può tranquillamente procedere anche alla amputazione della falange distale, ovviamente non nel suo caso!)
Preparazione del campo operatorio
Applicazione di un laccetto emostatico alla base del dito
Scollamento della lamina ungueale con una piccola forbice smussa fino ad ottenere il sollevamento della stessa.
Sollevamento della lamina all'indietro liberandola dal letto fino ai corni laterali della matrice.
A questo punto che se l'intervento è stato correttamente seguito è possibile staccare tutta intera la lamina con pochissimo sanguinamento
Non sono necessari punti ne procedure di coagulazione particolari.
Rimozione del laccio, pulizia della ferita e medicazione con garza vaselinata e copertura con garza sterile e bendaggio.
Si può tranquillamente deambulare dopo l'intervento ovviamente osservando un minimo di prudenza.
Medicazioni successive ogni 2- 3 giorni
Eventuale terapia antibiotica per 5 giorni
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 837XXX

Iscritto dal 2008
Buongionro, a due mesi di cura con LOCETAR smalto, due volte alla settimana, dopo una prima impressione di miglioramento, la situazione mi sembra tornata quasi come prima.
Nel foglio illustrativo è indicato di limare l'unghia prima di ogni applicazione, cosa che ho fatto tanto che l'unghia non c'è quasi più ma in un punto permane una striscia giallastra e in un altro punto delle striature nere.
Vorrei chiederLe se, ora che l'unghia è quasi scomparsa, l'applicare lo smalto che quindi entra quasi a stretto contatto con la pelle sotto l'unghia, può creare proplemi per l'assorbimento sulla cute.
Seconda domanda, come mai mi sembra che l'unghia non ricresca? grazie
[#3] dopo  
Utente 837XXX

Iscritto dal 2008
Buongionro, a due mesi di cura con LOCETAR smalto, due volte alla settimana, dopo una prima impressione di miglioramento, la situazione mi sembra tornata quasi come prima.
Nel foglio illustrativo è indicato di limare l'unghia prima di ogni applicazione, cosa che ho fatto tanto che l'unghia non c'è quasi più ma in un punto permane una striscia giallastra e in un altro punto delle striature nere.
Vorrei chiederLe se, ora che l'unghia è quasi scomparsa, l'applicare lo smalto che quindi entra quasi a stretto contatto con la pelle sotto l'unghia, può creare proplemi per l'assorbimento sulla cute.
Seconda domanda, come mai mi sembra che l'unghia non ricresca? grazie

[#4] dopo  
Utente 837XXX

Iscritto dal 2008
attendo risposta per quanto sopra esposto più volte