Login | Registrati | Recupera password
0/0

raschiamento a seguito di aborto interno

(archivio consulti: per vedere la pagina aggiornata clicca QUI)
  1. #1
    Utente donna
    Iscritto dal
    2007

    raschiamento a seguito di aborto interno

    Buona sera, avrei bisogno di qualche spiegazione circa quanto sta accadendo a mia sorella. Ieri, 27 Aprile, durante regolare visita ginecologica abbiamo scoperto che la gravidanza (14esima settimana) si è interrotta:"assenza di battito cardiaco fetale". Mia sorella non aveva avuto nè perdite ematiche, nè dolori addominali inoltre, data la crescita evidente del feto dall'ultima ecografia, la ginecologa sembra abbia dedotto che l'aborto sia avvenuto non prima di due giorni fa. Il raschiamento è stato fissato per il 2 maggio. Ho cercato di documentarmi circa tale intervento: si esegue in day hospital. Non capisco perchè mia sorella dovrà, dalla sera precedente, essere sottoposta ad un trattamento per la dilatazione dell'utero (la dott.ssa ha parlato precisamente di "inserimento di una cannula") e se tale trattamento le provocherà dolori da parto naturale. Questo trattamento è forse legato al fatto di aver avuto due parti cesareo in precedenza?
    In attesa di risposta, vi ringrazio vivamente.



  2. #2
    Indice di partecipazione al sito: 516 Medico specialista in: Ginecologia e ostetricia

    Risponde dal
    2007
    Alla 14ma settimana di gravidanza, con una dignosi di arresto della cresita fetale di soli due giorni precedenti, l'induzione dell'aborto si fa attraverso la provocazione di una sorta di "miniparto" attraverso l'utilizzo di talune sostanze famrcologiche (le Prostaglandine) somministrate sottoforma di "ovuli" vaginali.
    Questi ovuli (in numero da 1 a 5 da immettere uno ogni 3 ore in caso di mancata insorgenza del tipico "travaglio abortivo"), determinano una serie di contrazioni uterine, associate al progressivo rammollimento e dilatazione del collo, cui fa seguito l'espulsione del prodotto del concepimento che, quasi mai completa, si conclude con il classico raschiamento o con l'isterosuzione (in questo senso probabilmente va inteso l'utilizzo della "cannula" cui faceva cenno la Collega).
    Ecco perchè, tale "preparazione" va iniziata la sera precedente l'intervento stesso.
    Auguri per Sua sorella.
    Cordialmente



  3. #3
    Utente donna
    Iscritto dal
    2007
    Non puoi aggiungere commenti: puoi rispondere solo alle richieste di consulto inoltrate dal tuo utente: utente 33206

    La ringrazio di cuore per le spiegazioni datemi.



  4. #4
    Utente donna
    Iscritto dal
    2007


    La ringrazio di cuore per le spiegazioni datemi.



  5. #5
    Utente donna
    Iscritto dal
    2007


    La ringrazio di cuore per le spiegazioni datemi.




Discussioni Simili

  1. Controllo dopo raschiamento
    in Ginecologia e ostetricia
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 28/04/2007, 17:58
  2. Pillola post aborto
    in Ginecologia e ostetricia
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 02/05/2007, 12:25
  3. Aborto
    in Ginecologia e ostetricia
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 03/05/2007, 00:32
  4. Aborto interno...chiarimenti
    in Ginecologia e ostetricia
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 23/04/2007, 17:15
  5. Presunto aborto?
    in Ginecologia e ostetricia
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 04/05/2007, 10:39
ultima modifica:  13/08/2014 - 0,11        © 2000-2011 medicitalia.it è un marchio registrato di MEDICITALIA s.r.l. - P.I. 01582700090 - staff@medicitalia.it - Fax: 02 89950896