Utente 132XXX
Buongiorno a tutto lo staff! sono una ragazza di 30 anni, affetta praticamente da sempre, da ipercolesterolemia familiare.
Fino allo scorso anno ( d'accordo con il medico di base precedente ) non ho mai curato la patologia, vista la mancanza di fattori di rischio, la giovane età e i valori non eccessivamente sopra la norma.
Recentemte ho cambiato medico di base e mi è stato vivamente consigliato di iniziare subito una cura con statine, il farmaco si chiama Crestor 20mg..
Assunto per 40 giorni ha portato il livello del mio coleterolo addirittura al di sotto dei valori minimi consigliati, conseguentemente dopo solo un mese di sospensione i livelli sono ritornati al di sopra dei valori ( alquanto ballerino questo LDL! )
Per chiarici i miei valori di colesterolo sono :

LDL 203
HDL 65
totale 278
trigliceridi 57

i miei fattore di rischio riguardano la predisposizione familiare ( papà e mamma con moderati problemi cardio-vascolari e ovviamente ipercolesterolemia ), in quanto la mia pressione arteriosa è normo-bassa, il mio peso corporeo è addirittura al di sotto, non fumo, non bevo, ho alimentazione "abbastanza" sana( con qualche sgarro qua e là ), moderata attività fisica.

Il mio questito è questo: è davvero necessario intraprendere una cura con le statine???
grazie mille per l'attenzione e buona giornata!
b.



Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Fabio Fedi
28% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Gentile Signora,
le linee-guida internazionali consigliano fortemente -in altre parole, impongono- la terapia ipocolesterolemizzante nei pazienti con diagnosi di ipercolesterolemia familiare, correttamente formulata.
E' infatti dimostrata la drammatica riduzione di mortalità e morbilità cardiovascolare in questo tipo di pazienti che seguono tale terapia. Va da sè che ad essa va necessariamente associato uno stile di vita salutare (come quello da Lei già adottato).
Può farsi consigliare dal Suo medico oppure dal cardiologo, sulla scelta e sul dosaggio della molecola più adatta a Lei (soprattutto al Suo peso, che appare un po' sotto la norma) oltre che sui necessari controlli cui dovrà periodicamente sottoporsi, purtroppo per tutta la vita.
Cordiali saluti