Utente 307XXX
Gentili medici,volevo chiedere qualche opinione a riguardo del mio problema che ho da sempre avuto.. durante l'erezione il pene nn punata verso l'alto,nè forma un angolo di 45gradi cn il corpo,ma appare ricurvo. Ho 17 anni ed una grande ignoranza in materia,qundi volevo sapere di cosa si possa trattare (indicativamente..) e soprattutto se esistono rimedi attraverso farmaci o altre terapie,l'idea di dover fare un intervento mi preoccupa seriamente..
Nel caso dovessi ricorrere ad un andrologo volevo sapere piu o meno quanto mi può costare una visita (visto che c'andrò da solo e con i miei soldi..) e a chi posso rivolgermi in zona Roma.. Vi ringrazio in anticipo per le vostre risposte,sperando di risolvere un problema che mi stà causando molti problemi cn la socializzazione..

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Antonio Giambersio
28% attività
4% attualità
12% socialità
POTENZA (PZ)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2006
Gentile ragazzo,
la cosa più giusta che ti consiglio di fare è di parlarne con i
tuoi genitori. Dirai loro che tu hai un dubbio che hai necessità di
chiarire. Insieme a loro vai con serenità a fare una visita
andrologica: sul sito della S.I.A. - Società italiana di andrologia -(www.andrologiaitaliana.it)
troverai l'elenco di strutture private e pubbliche divise per
Regioni che hanno particolare
competenza in adrologia. Probabilmente è tutto nella norma e la
deviazione che riferisci potrebbe non avere alcun significato
pratico. Vedrai che sarà molto più semplice di quanto tu possa pensare.
Con i più cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 307XXX

Iscritto dal 2007
La ringrazio infinitamente per la velocità della risposta e per i consigli,cercherò uno specialista sul sito che mi ha indicato (se qualcuno mi consigliasse un medico in particolare in zona starei piu sicuro,sennò ne proverò uno a caso). In ogni caso avrei altre due-tre domande da fare.. volevo sapere:
1)sono possibili visite ai minori nn accompagnati (e quanto possono costare..)?.. Ho un ottimo rapporto con i genitori.. ma il fatto è che se l'unica soluzione fosse un intervento (e in quel caso probabilmente non lo farei)mi sentirei sempre sotto eccessive attenzioni per il mio problema.. cambierebbero molte cose,per questo volevo andar solo..
2)ma una curvatura del pene può essere anche ''normale''?? o siccome ho questo difetto è sicuramente una disfunzione erettile da curare?
3)molto indicativamente,per non continuare questa continua preoccupazione prima della visita,che farmaci o terapie si utilizzano di solito?

Mi scuso per le continue domande,ma stò in una situazione molto difficile al momento,sono gia 3 anni rovinati,da quando me ne sono reso conto,non vorrei continuare cosi non sò per quanto.. Ringrazio infinitivamente tutti i medici e il sito per la possibilità che danno a tutti di''togliersi un peso e trovare un consiglio senza difficoltà'',per l'aiuto gratuito e spontaneo a qualsiasi problema.. Grazie ancora..
[#3] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
il fatto che Lei sia minorenne non Le consente di rivolgersi a nessun Medico, Specialista o no, sia in Strutture Pubbliche che Private, senza non dico il consenso, ma la presenza fisica dei Suoi genitori. Questo è un punto fuori discussione.
Così come parlare di interventi chirurgici sul pene è anche fuori discussione. Che senso ha aumnetare ansia e preocupazione di fronte ad un aspetto del Suo organo genitale che magari è del tutto compatibile con i criteri di normalità???
Tenga presente che se i Suoi genitori La condurranno in un ambulatorio Pubblico, sia Universitario che Ospedaliero, della Sua citàà o di tutta Italia, non occorre pagare nulla, tranne assolvere il Ticket previsto dall Leggi Sanitarie, ammesso che Lei non ne sia addirittura esentato.
Quindi coraggio, ne parli con i Suoi. Non c'è altro da fare, mi creda.
Auguri affettuosi per la pronta risoluzione del problema, se problema fosse, ed un cordialissimo saluto.
Prof. Giovanni MARTINO
[#4] dopo  
Utente 307XXX

Iscritto dal 2007
La ringrazio di cuore per la risposta e per i consigli che cercherò di tener presente.. Intanto che mi convincerò a parlarne con miei volevo togliermi una curiosità,se possibile. Nel caso avesse qualche problema di erezione quali sarebbero le cure? farmaci che vanno assunti di volta in volta per una normale erezione,oppure una terapia che si effettua una volta e rimedia tutto per sempre? spero che nel caso di problemi ci siano ''alternative'' ad un operazione,tutto qui,e volevo sapere quali erano..
Stò chiedendo solo qualche informzione ''indicativa'' su quelle che di solito sono le cure..
Mi scusi per le continue domande,ma visto l'ignoranza in materia avrei bisogno piu o meno di sapere a cosa andrei incontro.. almeno finchè mi deciderò a fare questa visita..
grazie ancora per la serietà dei consigli,attendo cortesemente la risposta a quest'ulteriore domanda..
[#5] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
non posso ovviamente dirLe, via e-mail, se Lei dovrà o non dovrà essere operato. Se è questo che intendeva. Oltre quelle chirurgiche, esistono terapie farmacologiche e pscico-sessuologiche, ma davvero di più non posso dirLe senza cade in un qualunquismo professionale deleterio per tutti. Comunque da quello che posso dedurre dalla Sua mail, Lei non ha problemi di erezione ma solo di "forma" del pene, quindi perchè si preoccupa della terapia della disfunzione erettile?
Ancora carissimi saluti.
Prof. Giovanni MARTINO
[#6] dopo  
Utente 307XXX

Iscritto dal 2007
B'è,visto che in erezione non è a 45 gradi con il corpo pensavo che comunque ci fossero problemi di disfunzione.. La ringrazio tantissimo per la velocità delle sue risposte e per l'interessamento. Mi ero solo dimenticato di chiederLe un ultima cosa,se mi può indicare un buon andrologo (anche privato) a cui rivolgermi,in zona Roma.. Grazie in anticipo
[#7] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
mi mette in imbarazzo...e non posso e nè voglio rispondere alla Sua domanda. Anche perchè questa domanda dovrebbero farmela i Suoi genitori :o)
Ancora affettuosi saluti
Prof. Giovanni MARTINO
[#8] dopo  
Utente 307XXX

Iscritto dal 2007
uhm..non capisco cosa ci sia di male nel farsi consigliare qualcuno a cui rivolgersi.. =D vabbè, La ringrazio cmq ''infinitivamente'' per l'aiuto e la disponibilità,se riuscirò a risolvere il problema sarà grazie a questo sito e alla Vostra disponibilità..
carissimi saluti =)
[#9] dopo  
Utente 307XXX

Iscritto dal 2007
Scusate,una cosa sola.. ma nel caso si trattasse di ''pene curvo'', l'unico rimedio sarebbe l'operazione?? di che operazione si tratterebbe?? è l'UNICO rimedio??
[#10] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
si... SE... e sottolineo dieci vole il SE... la Sua curvatura peniena richiedesse un intervento di correzione, l'unico modo per raggiungerla sarebbe quello di operare. Nemmeno entro nel merito delle tecniche chirurgiche, rischi generici e specifici, complicanze, sequele e ... costi..dell'intervento.
Ancora affettuosi saluti.
Prof. Giovanni MARTINO
[#11] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore,
alla fine si ritorna alle giuste indicazioni che le ha già dato il collega Giambersio. Senza una valutazione clinica diretta da parte di un esperto andrologo non si va da nessuna parte.
Ancora un cordialissimo saluto.

Giovanni Beretta.
[#12] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
direi non solo corretta e saggia ma del tutto condivisibile la risposta del Collega GIAMBERSIO. I tuoi genitori, di certo con la collaborazione del Vostro Medico di famiglia, sapranno trovare la soluzione migliore.
Un caro saluto.
Prof. Giovanni MARTINO