Utente 107XXX
Gent.mi Dottori,
Richiedo un consulto riguardo un problema che sto riscontrando ultimamente. A giugno 2009 ho subito un intervento di isteroannessiectomia bilaterale per cui mi è stata indotta una menopausa anticipata (48 anni). A dicembre, in seguito ad una forte lombalgia e dopo aver assunto diversi antinfiammatori, ho fatto le analisi del sangue e mi è stato riscontrato un inizio di diabete ( glucosio 113) e transaminasi elevate (AST 78 ALT 50). Premetto che non ho mai avuto questi valori alterati. Eseguo controlli annuali. Dopo aver sospeso i fans, ho ripetuto le analisi (sono del 02/02/10)e i valori sono: glucosio 124; emoglobina glicata 7; AST 64 ALT 54. Volevo gentilmente sapere se c’è una connessione tra l’operazione subita e l’alterazione di questi esami.Inoltre volevo chiedere se una volta instaurato il diabete è possibile che questo regredisca? Grazie

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Roberto Verzaro
20% attività
0% attualità
0% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 20
Iscritto dal 2009
Cara Signora il diabete che le è stato riscontrato è verosimilmente di tipo II.
Può regredire con una dieta accurata, attività fisica regolare (eseguita dopo controlli medici). Non vedo relazione con l'intervento chirurgico. L'intervento può averlo evidenziato o può averne accelerato l'insorgenza.
[#2] dopo  
Dr. Mario Manunta
28% attività
4% attualità
16% socialità
PALERMO (PA)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2003
Gentile Signora, i valori di glicemia da lei riportati non sono ancora classificabili come Diabete. La sua condizione è definibile come Impaired Glucose Tolerance (I.F.G.), ossia di "Alterata Glicemia a Digiuno". Tale condizione è meritevole di un intervento sia sullo stile di vita (dieta e attività fisica) sia, se necessario, farmacologico. Tuttavia per potere escludere con certezza un Diabete Mellito Tipo 2 conclamato, dovrà eseguire una Curva da Carico Orale di Glucosio (75 g) con determinazioni a T0' e a T120' della glicemia.
La correlazione con l'intervento subito non esiste.
Le consiglio di farsi valutare da un diabetologo per le opportune prescrizioni.
Molto Cordialmente