Utente 133XXX
Sono rimasto colpito quando ho letto un consulto del 2006 di un utente che lamentava lo stesso IDENTICO problema che riscontro io !
"http://www.medicitalia.it/02it/consulto.asp?idpost=5955#reply"

Ho 35 anni e sono ormai quasi 4 mesi che ho questo frustrante problema.
Ho cominciato a non provare più piacere né masturbandomi né con rapporti completi con la mia partner (che non vedo da fine novembre).

La stimolazione psicologica c'é, l'erezione anche, l'eiaculazione é normale, non avverto dolori o "frizzori" quando urino. Sia durante l'atto che alla fine, io non provo praticamente alcun piacere!
Dopo circa 10 giorni che mi é cominciato questo problema ho avuto per ben 5 cicli di circa 2 settimane l'uno, una fastidiosa infiammazione al glande locata sopratutto nella zona bassa.
Quando guarivo dell'infiammazione, quando si riformava la pelle nuova... poi dopo pochi giorni l'infiammazione riprendeva.
Adesso a gennaio son stato da un andrologo che ritengo abbia sottovalutato il problema dell'anorgasmia.
Infatti mi ha dato qualche stimolatore alle erbe da prendere per via orale, sono fiale.
Per il problema delle infiammazione ha ritenuto si trattasse di una balanopostite e mi ha prescritto delle pasticche di fluconazolo.
E poi altri integratori alle vitamine per aumentare le difese immunitarie....

Ritengo che questo genere di problema sia più profondo. L'esame generale del sangue l'ho fatto anche questo a gennaio e devo dire che i valori vanno tutti bene.

Con questa situazione non mela sento di tornare nello stesso studio medico privato dove sono stato visitato, ritengo di avere bisogno di un laboratorio dove prendano in seria considerazione la mia situazione.
Vorrei avere informazioni a riguardo di quello che potrebbe essere il mio problema, penso ad una infezione virale a livello profondo, dei nervi del glande.
L'infiammazione al glande comunque non guarisce del tutto, resto sempre un pò arrossato. Continuo con un'altra confezione di fluconazolo per altri 10 giorni.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
le ho risposto io al consulto famoso. Qua non sappiamo su quale base sia (psicologico o organico) il suo pèroblema anorgasmico. Lo chieda direttamente al collega, come domanda diretta. A naso se ha usato stimolatori "erbacei" propende per psico, ma è un tirare ad indovinare.
[#2] dopo  
Utente 133XXX

Iscritto dal 2009
Grazie dell'interessamento. Ritengo che il mio problema non derivi da natura psicologica in quanto non vedo il motivo che possa aver scatenato un processo psicologico così grave. Andava tutto bene.
Temo che il dottore che mi ha visitato abbia voluto troppo velocemente tranne conclusioni poco approfondite.
Per questo mi ha prescritto, tra le altre cose, quel prodotto da bere in fialette che credo sia un afrodisiaco.
Sono di Firenze, ritengo di aver bisogno di una persona che segua questo problema e che possa accedere ad un laboratorio, non mi basta uno studio con un dottore ed una chiacchierata con visita veloce (e cara).
Credo anche che non sia un problema che si riscontra frequentemente tra gli uomini, quindi temo che non ci possano essere medicine efficaci.
Da cosa può venire un sintomo così deprimente? Perché dopo 4 mesi, la depressione comincia a farsi sentire.
Cosa può aver scaturito questo problema?
Può derivare da una discopatia nella colonna vertebrale mai curata?
O da una vecchia operazione di varicocele di 16 anni fa?
Grazie per l'interessamento.
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
non so che3 dirle, personalmente coonosco il dr. beretta, se no as livello pubblico c' è il Carreggi.-