Utente 148XXX
Gentili Dottori,
gradirei sapere in quale caso deve essere fatto un esame istologico del neo asportato ,solo nel caso in cui il medico sospetti qualcosa,
oppure anche quando il neo è considerato solo a rischio.
Inoltre la prassi comune vuole che l'asportazione sia eseguita da un dermatologo o da un chirurgo?
Vi ringrazio per la Vostra disponibilità
Cordiali Saluti

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Luigi Mocci
40% attività
4% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
salve,
lo specialista di riferimento è il dermatologo, punto.
Il nevo va esaminato di routine, come tutto ciò che si asporta, a prescindere dai nostri sospetti, o meglio, anche se si sospetta qualcosa di assolutamente non pericoloso. E' una questione deontologica e di correttezza verso il paziente.

Saluti

mocci
[#2] dopo  
Utente 148XXX

Iscritto dal 2010
Gentile Dottore,
La ringrazio per la solerte risposta,
Le volevo porre un'altra domanda forse stupida,
ma se decido di asportare il neo presso uno studio dermatologico privato dove lo specialista fa solo studio privato e non lavora presso un ospedale
come si fa a fare l'esame istologico ,
non è un esame più complesso che va fatto presso un ospedale o comunque una struttura sanitaria più ampia.
Grazie
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Biagioli
28% attività
0% attualità
12% socialità
SIENA (SI)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2009
Gentile utente
l'esame istologico viene proposto dal medico dermatologo quando esegue l'asportazione di una neoformazione cutanea, ma viene comunque eseguito da un anatomo patologo che riceve il frammento di tessuto inviato. Pertanto sarà cura del dermatologo inviare ad un laboratorio di sua fiducia il tessuto da analizzare. Il laboratorio potrà essere sia pubblico che privato. Chieda comunque sempre informazioni preventive al suo dermatologo.
Cordiali saluti