Utente 149XXX
Salve,

Da circa 3 mesi ho delle macchie rosse sul glande ricorrenti che scompaiono e poi ricompaiono dopo circa 1 settimana. Un medico di base mi ha consigliato del CANESTEN da applicare direttamente sul glande, ma con poca efficacia, nel senso che le macchie rosse vanno via da sole dopo 3-4 gg e poi ricompaiono dopo circa 1 settimana. (provato 1 mese senza CANESTEN). Noto inoltre che le macchie appaiono in modo randomico sul glande, a volte a sx, a volte a dx. Durante la presenza di queste macchie rosse, noto una secrezione biancastra-latte infondo al glande(solo scoprendo totalmente il glande noto questa secrezione) e di forte odore. Durante questa fase noto anche un lieve spellamento della pelle che copre il glande. Lieve bruciore accompagna questa fase. A volte anche la sensazione di "numbness" del pene (purtroppo non conosco la parola adatta in italiano). Ripeto, il tutto va via da solo, salvo poi ritornare dopo circa 1 settimana. Dopo una recente vista dermatologica, il medico mi ha consigliato dei risciacqui con EUCLORINA, senza alcun risultato però.

Altre informazioni rilevanti, ho una fimosi non serrata, difficoltà a scoprire il glande durante l'erezione e la presenza di piccoli taglietti sul prepuzio dopo ripetuti rapporti e/o masturbazione. Sempre avuto rapporti protetti.

Secondo il vostro parere esperto, cosa potrebbe essere, e sopratutto, quale cure posso adottare?

Grazie per la cortese attenzione.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentile utente,

non comprendo come sempre asserisco - una terapia senza una diagnosi, ma da questa sede non possiamo immaginare il perché.

Ancora, la descrizione che fa del suo caso - un restringimento del prepuzio associato a taglieggi della zona deve essere valutato con attenzione al fine di escludere diverse condizioni ivi compreso un lichen sclerosus iniziale.

Produca pertanto con rinnovata fiducia la visita venereologica al fin di fare una diagnosi corretta.

Cari saluti
dott. Laino, Roma